" Brandelli d' Italia" di Marco Crescizz - Una Segnalazione

Sto provando lentamente a tornare a bloggare, per adesso rompo il silenzio per sostenere la nuova uscita di Marco Crescizz. Per quanto mi riguarda Crescizz è uno di quei tre o quattro nomi da tenere presente per il futuro della narrativa di genere del nostro paese.
Quindi, in attesa di alcune recensioni, ecco che vi presento Brandelli d' Italia.


In un'Italia multietnica, multiculturale, postumana, soggiogata da una nuova teocrazia papale, un uomo divrà fare i conti con una realtà sconvolgente. Finalista al Premio Odissea.
Dopo una guerra nucleare che ha sconvolto il pianeta, L'Italia è diventata un’isola ed è governata da un dittatore ecclesiastico chiamato Papa Cesare.
Alfredo, insieme all’amico Dario e a un ragazzo ritardato di nome Tibbuth, sopravvive in queste lande aride portando in tour un violento show di torture.
La precaria stabilità che Alfredo si è costruito però vacilla nel momento in cui scopre che Tibbuth è un androide inviato da qualcuno per spiarlo.
Questa nuova realtà darà il via a una catena di eventi che spingerà Alfredo a indagare i recessi di un’Italia ridotta a brandelli, guidandolo attraverso villaggi sommersi dalla giungla, fosse infestate da cannibali, strani robot, pericolose spogliarelliste e improbabili personaggi storici.
Un romanzo profondamente dickiano ma altrettanto italiano, ricco di azione e di colpi di scena.

Marco Crescizz è laureato in psicologia. Ha iniziato a scrivere a vent’anni e da allora non ha mai smesso.
Appassionato di libri, film e fumetti consuma soprattutto horror, fantascienza e birra in quantità industriali.
Suoi racconti sono apparsi sul web e in diverse antologie.  Nel 2008 è stato finalista al Premio Robot e nel 2015 è uscito il romanzo breve Alieni coprofagi dallo spazio profondo per Antonio Tombolini Editore.
Brandelli d’Italia, in finale al Premio Odissea, è il suo primo romanzo.

MARCO CRESCIZZ
BRANDELLI D' ITALIA
ED. DELOS   EURO 2,99
18 MAGGIO 2017
FORMATO DIGITALE:
LINK : QUI.            

Mi dispiace ma....

Mi dispiace ma ora come ora non ce la faccio ad andare avanti col blog.
Il nuovo lavoro m'impedisce di curare Nocturnia come vorrei, certo si tratta di un part- time ma che presenta tanti spezzati, quindi spesso anche se lavoro in un giorno tre o quattro ore, il più delle volte mi tocca stare fuori l'intera giornata in attesa tra un' ora di lavoro e l'altro.
E' vero che - ora come ora- chi ha un lavoro coi tempi che corrono bisogna tenerselo stretto.
Capita però di tornare a casa la sera stanco ( oppure quel paio di ore al pomeriggio quando capita un certo turno) con il cuore che piange vedendo la mia creatura così abbandonata ma senza energie e totalmente svuotato.

Di chiudere il blog non se ne parla, però sto valutando un periodo di sospensione in attesa di riuscire a scrivere un certo numero di post per potermi garantire almeno l'autosufficienza per gestire il periodo.

Mi dispiace per tutti i progetti iniziati e - momentaneamente- accantonati.
Cercherò di tornare presto, nel frattempo non posso che dire che mi dispiace e che mi mancherete tutti.
A presto, spero.....

DA LORD OF LIGHT AD ARGO II Parte - Un Guest Post di Ivano Landi

Per me, in quel periodo, Jack Kirby era un genio, ma anche parte di un team di geni come lui che avevo messo insieme – e a cui guardavo per rendere ogni cosa possibile. Ma tutto era cominciato da Jack, come in passato era successo per molte altre cose – e come succede ancora oggi.
(Barry Ira Geller)

* * *


Nota: Il presente articolo in due parti si inserisce all’interno del progetto di collaborazione tra blogger nato con il nome Pax Fantascientifica e poi divenuto Cosmolinea B- Log. Il che fa sì che compaia in simultanea anche in questo post del blog Nocturnia di Nick Parisi.
Buona lettura!




Se finora, per chi lo ha visto, avere in mente le scene di Argo poteva essere un utile ausilio alla lettura del mio articolo, conviene invece adesso dimenticarsi completamente del film di Ben Affleck, la cui ricostruzione dei fatti è, da questo punto in poi, molto lontana dal vero. Ripartendo da dove eravamo rimasti, Barry Geller contattò Jack Kirby e i due si incontrarono una prima volta nell'estate del 1977. La loro intesa fu immediata, e appagante per entrambi: mentre infatti il giovane ricercatore scientifico e cineasta realizzava il suo sogno di lavorare gomito a gomito con l’idolo della sua infanzia e adolescenza, l'ormai sessantenne Maestro del fumetto vedeva nel progetto Lord of Light il coronamento di un lungo processo creativo iniziato oltre dieci anni prima sulle pagine di Fantastic Four #48, quando aveva creato, in coppia con Stan Lee, il personaggio di Galactus. L’idea di fondo, che sarà sviluppata in seguito più compiutamente dallo stesso Kirby in serie come New Gods (DC Comics, 1971) e Eternals (Marvel Comics Group, 1976), era quella di personaggi che, grazie al possesso di poteri quasi illimitati e all'utilizzo di tecnologie altamente evolute, assurgono al ruolo di divinità agli occhi delle popolazioni planetarie con cui entrano in contatto e finiscono per andare a comporre i loro pantheon di dèi.

DA LORD OF LIGHT AD ARGO - Un Guest Post di Ivano Landi - Prima Parte

Questo post si inserisce all’interno del progetto di collaborazione tra blogger nato con il nome Pax Fantascientifica e poi divenuto Cosmolinea B- Log. Questo significa che il seguente articolo in due parti compare in simultanea anche nel blog di Ivano Landi Io e Ivano ci siamo accordati per inserire entrambi i loghi , uno all'inizio e l'altro alla fine del post.
QUI trovate il post di Ivano Landi.
Ringrazio Ivano che ha scritto questo splendido articolo in due parti e per avermi proposto la pubblicazione anche su Nocturnia.
Buona lettura



Da Lord of Light ad Argo - Quando Jack Kirby e Barry Geller provarono a cambiare il mondo /1 di 2 
di Ivano Landi


Quando mio padre mi fece vendere tutti i fumetti perché "non distruggessi la mia mente", non osai dirgli che la mia mente, grazie a Jack Kirby, se ne era già andata. L'influenza di Jack crebbe in me per i successivi quattordici anni, ispirandomi la scelta di studiare fisica, la visione di altri mondi, altre culture, altre dimensioni, e le possibilità future delle nuove tecnologie. (Barry Geller)




Quelli di voi che sono nati prima, o durante, gli anni '60, ricorderanno probabilmente la crisi degli ostaggi dell’ambasciata americana a Teheran, per averla vissuta in diretta attraverso i telegiornali     e la stampa. Chi è nato dopo potrà invece averne sentito parlare per la prima volta solo grazie a un film del 2012, intitolato Argo, con la regia di Ben Affleck, che ne è anche l'interprete principale. Questo post si occupa, in modo diretto, della vicenda degli ostaggi, e, in modo indiretto, del succitato film, poiché tratta di una serie di circostanze particolari rievocate, sebbene alla lontana, anche dalla pellicola di Affleck.

Tutto, com'è noto, ebbe inizio la mattina del 4 novembre 1979, quando un folto gruppo di studenti universitari iraniani, fedeli alla rivoluzione khomeinista dell'anno precedente, dette l'assalto all'ambasciata statunitense di Teheran. Si trattò del non facilmente prevedibile sbocco di un braccio di ferro che andava avanti da mesi, da quando cioè gli Stati Uniti avevano concesso asilo al deposto
Shah Reza Pahlavi (1919-1980), salito al potere un quarto di secolo prima grazie a un colpo di stato, in gran parte organizzato dagli stessi americani, che aveva rovesciato il governo del presidente eletto Mohammad Mossadeq (18821967). Il risultato dell'assalto fu la cattura di cinquantadue cittadini statunitensi, tenuti poi segregati nei locali occupati della sede diplomatica, come merce di scambio per la riconsegna dello Shah da parte del governo americano. Questo per 444 giorni, la durata di una crisi internazionale che, oltre a portare il mondo sull'orlo di una nuova grande guerra, minò nel profondo la fiducia del popolo americano e azzerò ogni speranza del presidente Jimmy Carter di essere rieletto per un secondo mandato alla guida del suo Paese.

Non tutti i cittadini americani presenti nell'ambasciata al momento dell'assalto furono però presi prigionieri. In cinque - i diplomatici Mark Lijek e Joseph Stafford, le rispettive loro mogli, Cora e Kathleen, e Robert Anders, un alto rappresentante addetto ai visti - si trovavano nell'unico edificio della struttura con accesso diretto alla strada e riuscirono a sfuggire alla cattura, mescolarsi alla folla e rifugiarsi nell'appartamento di Anders. Continuarono poi, per alcune ore, grazie a una radio collegata al network dell'ambasciata, a seguire il succedersi degli eventi, grazie soprattutto al racconto in diretta del cronista Codename Palm Tree - alias di Henry Lee Schatz, un diplomatico addetto in realtà alla raccolta e all'analisi di dati sull'agricoltura iraniana - che vedeva tutto dal suo ufficio al sesto piano di un palazzo antistante la sede diplomatica. Ma già alle tre del pomeriggio ogni comunicazione in lingua inglese era cessata, compreso quella di Codename Palm Tree.

Ma facciamo adesso un salto spazio-temporale e spostiamoci al di là dell'Europa e dell'Atlantico, e alla mattina del giorno successivo, il 5 novembre. Dopo che il Consiglio rivoluzionario iraniano aveva subito respinto ogni possibilità di trattativa, agli americani non restava che percorrere la strada dell'operazione clandestina, ossia passare la patata bollente alla CIA. In particolare, la guida delle operazioni venne affidata al trentottenne Tony Mendez, da quattordici anni agente del dipartimento di scienza e tecnologia della famosa, e famigerata, agenzia di intelligence. Ma è soprattutto la sua
passata esperienza sul campo, come specialista in esfiltrazioni attraverso cambi di identità, a farlo ritenere l'uomo giusto a risolvere il caso.






Mendez, ancora all'oscuro dell'esistenza dei cinque fuggitivi, concentrò dapprima i suoi sforzi sulla ricerca di un modo di liberare i cinquantadue prigionieri in ambasciata. Ma si trattava di un compito tutt'altro che facile, dopo che la rete d'intelligence stabilita dalla CIA in Iran ai tempi dello Shah era andata quasi completamente distrutta e con gli unici tre agenti rimasti sul campo tutti e tre prigionieri nella sede diplomatica. La soluzione che propose, fingere di restituire il corpo dello Shah usando un body double cadavere venne bocciata dai vertici della Casa Bianca e tutto sembrava ormai giunto a un punto morto. Finché un giorno gli fu consegnato un dispaccio segreto del Dipartimento di Stato che lo avvisava di sei cittadini statunitensi scampati alla cattura e nascosti da qualche parte a Teheran. Erano loro a correre i rischi più seri nell'immediato, dal momento che la sede diplomatica aveva pur sempre puntati addosso gli occhi del mondo intero, e fu deciso che il loro caso dovesse avere la precedenza. Mendez, stavolta, non ebbe dubbi sul suo piano d'azione: prima avrebbe procurato ai sei delle false identità, poi si sarebbe recato in Iran, li avrebbe accompagnati all'aeroporto e fatti imbarcare su un volo di linea.

A Teheran, nel frattempo, i cinque si erano divisi in due gruppi e avevano trovato rifugio nelle residenze diplomatiche dell’ambasciatore canadese Ken Taylor, e di John Sheardown, un altro membro della stessa ambasciata amico di Anders. Da Sheardown trovò inoltre rifugio Henry Lee Schatz, vale a dire Codename Palm Tree, tenutosi nascosto fino ad allora nella residenza di un diplomatico svedese. I sei fuggitivi formavano così, per la prima volta, un unico gruppo. Ma la loro situazione era tutt'altro che comoda. Più volte i Guardiani della rivoluzione erano arrivati a un passo dallo scoprire i loro nascondigli, mentre il paziente lavoro di ricostruzione dei documenti fatti a striscioline dagli americani al momento dell'assalto all'ambasciata, portato avanti da dei tessitori di tappeti iraniani, avrebbe potuto condurre da un momento all'altro alla scoperta che mancavano sei persone all'appello*. Inoltre, a peggiorare le cose, ci si mettevano anche gli organi di stampa americani, che cominciavano a far filtrare voci sul loro conto. Il 10 gennaio 1980, un cablogramma dettato da Mark Lijek e
Robert Anders, con una richiesta di soccorso immediato, fu recapitato a Washington attraverso l'ambasciata canadese.






Tony Mendez aveva nel frattempo deciso di fornire a sei proprio delle identità canadesi. Gli mancava solo una storia plausibile da fornire alle autorità iraniane riguardo alla loro presenza a Teheran. Giornalisti, membri di associazioni umanitarie e prospettori petroliferi nordamericani erano una presenza costante da quelle parti, ma erano anche tutti strettamente monitorati. Il Dipartimento di Stato gli propose allora di trasformare i sei in insegnanti in cerca di impiego, ma c'era il dettaglio, non da poco, che tutte le scuole in lingua inglese della capitale iraniana erano state chiuse. Mendez respinse inoltre l'idea del governo canadese, di trasformarli in agronomi: da quelle parti, fece notare, il suolo si ricopre di neve a gennaio. Un'altra settimana si era così conclusa con un nulla di fatto.

Ma Mendez ebbe infine un'intuizione, che capì subito essere quella giusta. I film di fantascienza, rifletté, erano spesso girati in località esotiche che dovevano evocare il paesaggio di un altro pianeta, cosa di meglio quindi che trasformare i sei uomini in una squadra di pre-produzione approdata in Iran alla ricerca di una location adatta a girarvi un film hollywoodiano ad alto budget. Un investimento più che allettante per il nuovo governo iraniano, affamato di dollari. Mendez si dedicò così a particolareggiare il suo piano, che poi propose ai suoi superiori, ottenendo, sebbene a denti stretti, il loro sì e quello della Casa Bianca. Tutto è pronto, a quel punto, per l'entrata in scena di Kevin Costa Harkins, produttore cinematografico irlandese di belle speranze.







Il 19 gennaio 1980, Tony Mendez AKA Kevin Costa Harkins vola a Los Angeles con 10.000 $ in tasca per incontrarvi il truccatore cinematografico John Chambers (1922-2001), da tempo suo collaboratore alla CIA e vincitore dell’oscar per il miglior make-up con Il pianeta delle scimmie. Chambers accetta di collaborare con Mendez e coinvolge a sua volta nel progetto un amico e collega, come lui specialista in make-up, di nome Robert Sidell. In quattro giorni i tre mettono in piedi una finta casa di produzione, la STUDIO SIX PRODUCTIONS, più sei finte identità e sei finti curriculum per le sei persone che avrebbero formato la finta troupe cinematografica. E il film? A quello provvederà lo stesso Chambers.

Dobbiamo fare adesso un salto di alcuni mesi, indietro fino al giorno in cui John Chambers ricevette una telefonata da Barry Ira Geller. Geller, uomo di scienza oltre che scrittore e produttore per il cinema e la televisione, aveva acquistato i diritti cinematografici del romanzo di fantascienza di Roger Zelazny (19371995), Lord of Light, aveva scritto la sceneggiatura del film che ne avrebbe tratto e raccolto i fondi necessari alla sua produzione. Si era poi messo alla ricerca di qualcuno che disegnasse come Jack Kirby (1917-1994), il celebre autore di fumetti idolo della sua infanzia e adolescenza, per realizzare i disegni di scena. Ma nessuno dei disegnatori che gli si proponevano appariva abbastanza bravo ai suoi occhi da reggere il confronto. Allora, si disse alla fine, perché non provare a interpellare direttamente Jack Kirby?



* * *


* I documenti in questo modo recuperati furono in seguito pubblicati dal governo iraniano in una serie di libri raccolta sotto il titolo Documents From the US Espionage Den.

L'immagine in alto sotto il titolo è: Jack Kirby, Brahma's Pavillons of Joy (1978, colori di Mark Englert, 2015).

Le altre immagini sono frames del film Argo (Ben Affleck, 2012).

INTERVISTA CON TRICIA SULLIVAN !

Ciao a tutti gente!
Finalmente riesco a presentarvi l'intervista con la scrittrice Tricia Sullivan, l'autrice del romanzo Selezione Naturale pubblicato l'anno scorso da Zona 42.
Tricia è una delle voci nuove della fantascienza internazionale: un' artista di origine statunitense ma che da anni vive e lavora in Gran Bretagna.
Desidero ringraziare due persone: la prima è proprio Tricia Sullivan, per la sua pazienza nel confrontarsi col mio pessimo inglese, per la sua disponibilità e per la sua sincerità.
Nel caso vogliate approfondire QUI trovate una breve scheda sulla autrice.
La seconda è Andrea Viscusi che mi ha fatto la gentilezza di tradurre per me l'intervista!
Grazie Andrea! Mi hai davvero aiutato molto in un periodo incasinato della mia vita!
Anche per questo troverete una novità rispetto alle precedenti interviste con la traduzione in italiano ( in rosso nel testo) affiancata alla versione originale in inglese ( in nero nel testo)
Buona lettura a tutti! Attendo i vostri commenti


Accade in Italia # 26 - Le Ultime Segnalazioni di Aprile


Il nuovo lavoro (temporaneo ma dagli orari spaccati, molto spaccati ) mi sta lasciando davvero poco tempo per il blog e - credetemi- mi dispiace veder languire la mia creatura. Tuttavia in questo fine settimana dovrei riuscire ad avere tempo per far uscire questa serie di segnalazioni ed anche per cominciare a scrivere la recensione di un film che recentemente ha fatto davvero parlare molto di se.
Penso che dovrei riuscire anche a tornare a visitare i vostri blog a breve.
Insomma, farò di tutto per mantenere il contatto visto che mi mancate davvero molto tutti quanti.
Adesso però cominciamo con le segnalazioni, davvero molto ghiotte anche stavolta.

1)   ARCANI MAGGIORI"  DI SERGIO L. DUMA

Di Sergio L. Duma ho già parlato in passato (QUI). Adesso vi presento la sua ultima uscita, un thriller in piena regola:

Titolo: ARCANI MAGGIORI

Un paese di provincia. Un adolescente che ha una relazione con un compagno di classe. La sua vita sconvolta dalla scomparsa di Lisa, la ragazza più bella della scuola, che frequentava adulti ed è forse finita in un brutto giro. Numerose persone avrebbero avuto interesse a farle male. Il leader di un gruppo di naziskin potrebbe conoscere particolari importanti sul suo conto. Lo stesso vale per una ragazza che la incontrava di frequente per ragioni enigmatiche. Persino l’insegnante di religione della scuola, un fascinoso sacerdote, sa qualcosa al riguardo. Mentre l’esistenza del protagonista diviene più problematica, il mistero si fa più intricato, e la soluzione si trova in una soap opera intitolata Amore Infinito, imperniata sugli intrighi di un’infida casalinga, e sulle figure dei tarocchi, gli Arcani Maggiori, letti da una vicina di casa del ragazzo. Alla fine, il protagonista intuirà tutti i collegamenti e scoprirà la verità. E nel colpo di scena finale, ci sarà un inaspettato ribaltamento di prospettiva.

Prezzo versione cartacea: € 17,50
Prezzo versione ebook: € 6,99
ISBN: 9788869342301
ASIN: B06Y1PY8TX
Pag. 408

Link Acquisto 1: http://www.bibliotheka.it/Arcani_maggiori_IT

Link Acquisto 2: https://www.amazon.it/Arcani-Maggiori-Thriller-Sergio-Duma-ebook/dp/B06Y1PY8TX/ref=sr_1_1?s=books&ie=UTF8&qid=1491469496&sr=1-1&keywords=sergio+l.+duma

2) " L' INCONSISTENZA DEL DIAVOLO " DI DANIELE PICCIUTI

Anche di Daniele Picciuti ho già parlato in passato ( QUI), con molto piacere ritorno oggi ad ospitarlo su queste pagine virtuali.


La storia è quella di Maura Allegri, una giovane giornalista che, alla ricerca della storia giusta che le permetta di far colpo sul suo capo, si ritrova a pedinare un uomo inquietante dalla bocca storta che, da alcuni gesti e sguardi intercettati mentre era in metropolitana, lei sospetta essere un pedofilo. L’uomo scompare in una fabbrica abbandonata dove lo aspettano altri criminali con i quali ha degli affari in corso. Maura scopre così che una bambina e una ragazza sono tenute prigioniere ma, prima che possa chiedere aiuto, viene scoperta e costretta a fuggire nei meandri della fabbrica, che sarà preludio a una vera e propria discesa negli inferi.
Ciò che viene chiesto al lettore è che cosa sia il diavolo, se esiste davvero o se il male è soltanto frutto delle scelte degli uomini. Per Maura la risposta è nel titolo stesso del romanzo mentre per altri… non è così.
L’inconsistenza del diavolo è un thriller claustrofobico, a tratti psicologico, in cui non mancano azione e immagini violente ma, come di consueto, mai fini a se stesse.


Daniele Picciuti è romano, classe 1974, vincitore e finalista a numerosi concorsi letterari, ha all’attivo varie pubblicazioni in antologie multiautore. È Presidente dell’Associazione Culturale Nero Cafè. Tra le sue pubblicazioni ricordiamo Ritorno alla Mary Celeste (Dunwich Edizioni, 2013), La polvere del tempo (Nero Press, 2014), Terraluna (Runa Editrice, 2014), Virtual Flux e Room 12 (Delos Digital. 2014), R’lyeh. Dal profondo (Dunwich Edizioni, 2015), Clowns vs Zombies, scritto a quattro mani con Luigi Bonaro (Nero Press Edizioni, 2015). A dicembre 2015 è uscito il romanzo Nero Elfico (Watson Edizioni), vincitore nel 2016 del Premio Cittadella come migliore romanzo Fantasy. Sempre nel 2016 esce I Racconti del Sangue e dell’Acqua, dopo l’esordio nel 2011 con Bel-Ami Edizioni (vincitore nel 2013, del concorso letterario Io Scrivo), in una nuova edizione illustrata da Roberta Guardascione, sotto il marchio Nero Press Edizioni.

Daniele Picciuti
L'INCONSISTENZA DEL DIAVOLO
Collana: Le Vespe. Ed. GOLEM
pag. 256  
€ 9,90
ISBN 978-88-98771-71-4


3)  "UN FANTASMA MOLTO AFFAMATO"  DI EMILIA CINZIA PERRI

Una segnalazione da parte di una mia conoscente dei tempi in cui a Napoli realizzavo fanzine (cioè per chi non lo sapesse, delle riviste amatoriali cartacee realizzate tramite fotocopie e distribuite gratuitamente in alcune librerie e fumetterie della città partenopea.
Mi atteggiavo a grande artista, a ripensarci bene mi sembra non una vita ma tante vite fa.
Con grande gioia do il giusto spazio alla mia "storica" amica Emilia Perri.

Un romanzo fantastico per ragazzi ambientato durante l’Hungry Ghost Festival di Singapore

Ang Mo Kio, periferia di Singapore.

Come ogni anno, gli abitanti della cittadina si preparano al ritorno dei defunti. È iniziata, infatti, la Festa dei Fantasmi, il periodo in cui, secondo tradizione, le anime dei morti abbandonano il mondo delle ombre e vagano tra i vivi, spinti dalla fame. Mei Lin Chen, adolescente insicura segretamente innamorata dell’amico Faran, conosce bene le regole per la convivenza: deve ignorarli, lasciarli in pace e, se sente chiamare alle sue spalle, non deve rispondere, perché potrebbero essere loro. Quando scopre che il fratellino Yan vede i fantasmi e ha risposto al richiamo di uno di questi, la sua vita si complica. Lo spirito, un vecchio dalla pelle bianca, ha appena aggredito Faran e adesso sembra essersi attaccato a Yan e ai genitori.
Cosa fare? E, soprattutto, come liberarsene? Il target ideale della storia va dai 7 ai 12 anni

Emilia Cinzia Perri, Un Fantasma molto Affamato

pagine 106, 10 euro, Collana Colori, Watson edizioni

Cover di Silvia Vanni, da Aprile 2017 in libreria

ISBN9788898036943

Sito della casa editrice: http://watsonedizioni.it/

Autrice Emilia Cinzia Perri

Vive tra Roma e Bologna e insegna materie letterarie nei licei. Ha seguito corsi di scrittura e sceneggiatura e vinto nel 2005 il premio Carlo Boscarato per la sceneggiatura dell’albo Korea 2145. Diversi suoi racconti sono stati pubblicati in antologici editi da Delos Books, Plesio editore, Alcheringa, La lettera scarlatta. Nel Novembre 2016 è edito da Kleiner Flug, su disegni di Silvia Vanni, il graphic novel “Salomé”, di cui firma la sceneggiatura.


  )  LE GRAPHIC NOVELS DI STEFANO LABBIA

Mi scrive anche Stefano Labbia un giovane autore di fumetti.
Ecco come si presenta:
Sono un giovane autore romano in procinto di uscire con due graphic novel, una a colori e di genere supereroistico, per così dire, ed un'altra di genere black humour - gangster in tricromia.
La prima ha editore e sarà probabilmente distribuita nel circuito delle librerie specializzate, la seconda vedrà la luce con un albo autoprodotto a breve - 50 pagine / tavole - ma distribuito presso il circuito delle librerie (Feltrinelli - Mondadori etc.).



KREMISI di Stefano Labbia
Sinossi: Giorni nostri. USA NY. Jackson Moore è un metalmeccanico newyorcheese di origini africane sui trent'anni. Ha un figlio pre adolescente ed è vedovo. Un esplosione di un laboratorio segreto, presente negli scantinati di un palazzo newyorchese, lo travolge mentre una sera sta andando al lavoro. L'uomo rimane ferito e strane sostanze lo pervadono e confluiscono all'interno del suo corpo. Scopre, successivamente di potersi trasformare in Kremisi, un super essere in grado di fare qualsiasi cosa gli passi per la mente. I suoi poteri sono infatti illimitati. Salvo quello della conoscenza. Per trasformarsi basta che Jackson pensi al suo costume rosso e subito questi appare attorno al suo corpo. Ogni cosa che immagina viene creata istantaneamente, ogni potere che desidera, viene a lui donato solo usando il pensiero. Kremisi inizierà a pattugliare, così, New York di notte, in segreto. Ma quando il guerriero della notte (James Karl Viper ) si imbatterà in lui....




Killer Loop di Stefano Labbia
 Sinossi Giorni nostri. Kimberly – questo il suo nome "d'arte" - è un
uomo sui trent'anni. Girovaga per il mondo, armato del suo coltello a serramanico e della sua 9 mm munita di silenziatore. Irriverente e loquace almeno quanto Deadpool, con cui condivide la professione (killer prezzolato) ha in sé un dramma interiore che maschera attraverso sarcasmo ed ironia tagliente. Sua sorella, infatti, è stata brutalmente uccisa e violentata da una gang affiliata ad un sindacato criminale chiamato Pauraz. Ottenuta vendetta sui criminali colpevoli del massacro della sorella, l'uomo decide che la sua "missione" è quella di eliminare il marcio che si annida nella società. Dietro compenso, ovviamente. Ma, complice un misunderstanding, presto, incrocerà la strada proprio con Pauraz... Kimberly si troverà quindi ad affrontare, da solo, senza nessun aiuto, se non quello del(l'in)fido hacker Jimmy Jones, l'intero sindacato criminale. Una ricompensa a 5 zeri per chi lo porterà da loro, sguinzaglia piccoli e medi criminali che si gettano letteralmente alle calcagna del giovane killer. Preso tra fuoco incrociato, Kimberly sarà capace di arrivare sino alla fine e sgominare il male alla radice?

E per Aprile è davvero tutto!
Il prossimo mese forse il formato delle segnalazioni cambierà tornando ad una sola puntata mensile, una sorta di " best of" delle segnalazioni che mi giungeranno e che proporrò volta per volta secondo il mio sindacabilissimo giudizio.
E adesso, la domanda delle domande:
Quale tra le segnalazioni di oggi è stata stavolta la vostra preferita?

BUONA PASQUA !

Buona Pasqua a tutti gente!
Godetevi questi giorni sia che siate in ferie sia che lavoriate come me!



Auguri "Nocturni" a voi e alle vostre famiglie!
Ci risentiamo tra giovedì e venerdì con un nuovo post!

I Campi Elisi secondo Jennifer Marie Brissett

Con questo post riparto con un altra sana abitudine, ricordate quel progetto di collaborazione tra blogger di cui vi parlai l'anno scorso? 
Oggi io e Derek Zoo de Un Blog Senzapretese  aggiungiamo un altro importante tassello a quel discorso: il bravissimo Derek vi parlerà da par suo, del romanzo Elysium uscito qualche mese fa per i tipi di Zona 42 mentre il sottoscritto vi traccerà un breve, brevissimo ritratto della scrittrice Jennifer M. Brisset.

Il progetto era partito col nome Pax Fantascientifica e poi si era evoluto trasformandosi in Cosmolinea B- Log, io per non sbagliare inserirò entrambi i loghi uno all'inizio e l'altro alla fine del post.
Buona lettura!

Ricordando il passato

Ricordando il passato
 
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...