STORIE DAL DOMANI 4 (2018)

Dopo una lunga interruzione riprendo a parlare delle antologie annuali che raccolgono in edizione cartacea il meglio delle proposte della casa editrice Future Fiction nata per volontà dello scrittore Francesco Verso.
Lo scopo della Future Fiction era quello di presentare racconti e romanzi brevi provenienti da tutto il mondo senza per forza privileggiare la narrativa di lingua inglese. Dopo tutto, tra le altre cose, lo stesso Verso negli anni passati si era dimostrato come uno degli alfieri più attivi per la diffusione della fantascienza in lingua cinese.
Un'ampia attività con uscite sia digitali che cartacee della quale l'annuale raccolta Storie dal Domani rappresentava una sorta di ricapitolazione comeplessiva, ora però con questo quarto volume uscito nel 2018 e che raccoglie parte della produzione dell'anno precedente  le cose cambiano ed il discorso si allarga ulteriormente. Già perchè se la narrativa è sempre e per condizione naturale figlia dei suoi tempi allora anche il concetto di nazionalità in senso stretto comincia ad andare stretto.
Sostituito da qualcosa di più grande.
Se si volesse infatti cercare una definizione precisa alle storie e agli autori presenti in questa Storie dal Domani 4  potremmo rappresentarlo come un "Incontro tra Culture".

ENNIO MORRICONE (1928-2020)






C'era una Volta...In Cielo!
Grazie di tutto Maestro!

Accade in Italia # 63. Le Segnalazioni di Luglio.

Avrei voluto preparare e pubblicare prima questo post, diciamo almeno un paio di giorni fa però in questa settimana, mi sono ritrovato tra capo e collo diversi imprevisti che hanno sconvolto la mia routine e ritardato tanti programmi. Non mi lamento certo perché meglio una vita attiva che una noiosa e prevedibile.
In più -sempre che non avvengano altri imprevisti- durante questo mese di luglio dovrei decidermi a ritinteggiare le pareti del mio appartamento, attività, questa si, rimandata da tempo a causa della mia ben nota pigrizia.
Di conseguenza Nocturnia si sta avviando alla sua pausa estiva, pratica che mi ha sempre portato fortuna, diciamo dal 15 luglio fino alla fine di agosto.
Ci saranno comunque almeno un altro paio di post prima di mettere le scarpe al chiodo.
Nel frattempo eccoci con la consueta messe di segnalazioni:

L'ARTISTA OSPITE.

Questo mese abbiamo due illustrazioni di Antonella Aeglos Astori. Per presentare lavori fatti con stili diversi Le prima è realizzata a a mano libera con acrilico su tela mentre la seconda è una illustrazione a tema fantasy fatta a pc con Photoshop.

Copyright: Antonella Aeglos Astori (Acrilico su Tela)
Ricordo che, come sempre, i lavori degli artisti ospiti rimangono di loro diritto, gli artisti ne detengono i copyright in maniera assoluta e totale.
Le opere presentate nelle varie puntate di Accade in Italia appaiono per gentile concessione degli autori.

Copyright: Antonella Aeglos Astori ( lavoro realizzato per PC su Photoshop)

Per la prima illustrazione il link di riferimento è AEGLOS ART PAINTER.

Per la seconda il link di riferimento è AEGLOS ART PHOTO.

Ringrazio l'artista ospite di questa puntata, rinnovandole i miei complimenti per il suo lavoro.
Nelle prossime puntate troverete altre sorprese, senza però dimenticare gli ospiti precedenti.
Starei pensando, tra le altre cose, ad una versione speciale della presente rubrica interamente dedicata a tutti gli invitati apparsi in passato: i poeti, i disegnatori e disegnatrici e così via.
Un "Accade in Italia Hall of Fame"! 
Lancio l'idea agli artisti, se ci saranno abbastanza adesioni a settembre procediamo.
Nel frattempo, cosa ne dite dei lavori di Antonella?
Quale dei due preferite?
Fatele tutti i complimenti che merita.
Procediamo ora con le segnalazioni:

CULTI SVEDESI (2019)

LE VISCERE DEI MITI. NOVE SQUARCI NELL'UNIVERSO DI H.P.LOVECRAFT.

"Un gruppo di ragazze adolescenti di notte va a caccia di ragazzi all'interno di una discoteca, nel bosco vicino qualcos'altro di incredibilmente più antico è anche lui a caccia. Due fratelli partiti dalla Svezia affrontano un lungo viaggio attraverso tutta l'Europa per portare a casa la nonna, una giovane coppia si trasferisce in uno dei quartieri più costosi e alla moda di Stoccolma, attenzione a quello che si desiderà però...perché si potrebbe ottenerlo! Nel 1718 un contadino e la sua famiglia si trovano a dover fare i conti con la guerra e con le sue crudeltà. Di ritorno ai tempi nostri una gallerista conosciuta per le sue opere dai toni decisamente scandalistiche e pornografiche è convinta di aver fatto l'affare della sua vita; ma quando si ha a che fare con la Fondazione Carcosa" non bisogna mai prendere le cose alla leggera.
Per tutti ci sarà un prezzo da pagare".

Da diversi anni nel nostro paese abbiamo assistito ad un enorme incremento delle pubblicazione di opere di genere provenienti dal Nord Europa, in particolare mi sto riferendo a romanzi scritti in Svezia, l'evento scatenante è stato Stieg Larsson con la sua trilogia Millenium, tradotta da noi a partire dal 2007. Quello è stato il Big Bang, da quel momento in poi è stato tutto un fiorire di proposte e di pubblicazioni, in primis di libri a tematiche Noir, quelli che noi chiameremmo Gialli.
Un poco prima però era arrivato anche l'horror.
In quel caso decisamente seminale era stato John Ajvide Lindqvist col suo Låt den Rätte Komma in (Lasciami Entrare) struggente storia di vampiri e di solitudini che s'incontrano, probabilmente uno dei romanzi europei più belli degli ultimi venti anni.
E questo anche volendo prescindere dal genere.

PREMIO ITALIA 2020! I RISULTATI.


Come promesso vi posto i risultati dell'ultimo Premio Italia, la premiazione data la crisi del Covid-19 si è tenuta online.
 Col prossimo articolo si torna alla programmazione ordinaria, con il post odierno col quale spero di compiere un servizio utile a tutti si chiude questa fase 2020 della manifestazione.
Ne approfitto per fare i miei più sentiti complimenti a tutti i vincitori e a tutte le vincitrici della varie categorie, tra i quali riconoscerete senza dubbio molti nomi ben conosciuti ai frequentatori di Nocturnia.
Un saluto particolare all'amico Alessandro Iascy di Andromeda- Rivista di Fantascienza  che si è dimostrato ancora una volta un competitor leale e sportivo (molto più di quanto io abbia meritato) nonché un grande amico. Ed i miei complimenti alla coppia Giulia Abbate & Elena Di Fazio vincitrici nella categoria Articolo su Pubblicazione Amatoriale e che con il loro La tesi dell’Apostolo Cattivo (dedicato alle controversie relative agli ultimi adattamenti di Evangelion) hanno scritto un grande articolo del quale condivido praticamente quasi tutto.
Buona lettura e congratulazioni anche ai vari finalisti e finaliste.
All'anno prossimo.
Io adesso mi prendo qualche giorno per festeggiare e poi all'inizio della settimana prossima ci rivediamo con nuovi post e nuove sorprese.
Ciao a tutti!

CATEGORIE:

Copertina o Illustrazione.

Vincitore

Franco Brambilla, Locandina Stranimondi 2019, Stranimondi

-Finalisti (in ordine alfabetico)

(2°) Maurizio Manzieri, Locandina Cartoons on the Bay 2019, Rai Com
(3°) Annalisa Antonini, La città dell'orca, Zona 42
Ivo Torello, Hypnos 10, Edizioni Hypnos
Ksenja Laginja, Cacciatore di Sirene, Kipple Officina Libraria
Luca Oleastri, Simbiosi, Simbiosi, Edizioni Scudo, 2019

Nocturnia ha vinto il Premio Italia!

Ve lo giuro, questo sarà l'ultimo post auto celebrativo per un bel pezzo, ma questa notizia ve la dovevo dare.
Credetemi sono felicissimo!
Poche ore fa Nocturnia ha ottenuto il Premio Italia nella Categoria Rivista o sito web non professionale, ancora stento a crederci.
Sono anche arrivato Secondo nella Categoria Articolo su pubblicazione amatoriale ed anche questa è una bella soddisfazione.

Questa vittoria  mi ripaga di tante piccole e grandi battute d'arresto avvenutemi nella mia "cosidetta" Vita reale.
Per la verità il mio avvicinamento al Premio Italia è stato graduale, prima alcune segnalazioni e poi cinque finali consecutive compresa quest'ultima.
Nei prossimi giorni pubblicherò l'elenco dettagliato dei vincitori categoria per categoria.
Mi prenderò qualche giorno per festeggiare la bella notizia.
Nel frattempo ci tenevo a ringraziare tutti quanti voi che mi seguite, che mi leggete ed anche tutte le persone che mi hanno votato.

Dedico questo premio a due donne meravigliose: mia moglie Venusia che mi supporta e sopporta da anni e a mia madre morta di cancro nel 1991 a soli 46 anni (mamma se tuo figlio è riuscito a combinare qualcosa di buono nella sua vita lo deve a te). Dedico la vittoria anche a mio padre, ai miei fratelli e sorelle, ai loro mariti e mogli e ai miei nipoti.
Per finire ci tengo a ringraziare due città: Napoli dove sono nato e Mira in provincia di Venezia dove vivo.
In passato in effetti avevo reagito troppo male per la sconfitta e me ne scuso, a mia parziale scusante, posso solo dire che in quel periodo stavo affrontando dei grossi problemi lavorativi e di salute quindi avevo investito la mia partecipazione di valenze di riscatto per tutto. Quest'anno invece avevo vissuto le cose in maniera molto più tranquilla.
Un grande abbraccio a tutti quanti e grazie ancora!

YOGT'ZE! LO STRANO CASO DI GUNTHER STOLL!- Seconda parte.

La prima parte è uscita QUI.


"Mai nessuno giudichi felice un uomo prima del giorno della morte, prima che la sua vita sia trascorsa priva di dolore."
Sofocle (Edipo re)

"Il futuro lo conoscerete quando sarà arrivato; prima di allora dimenticatelo"
Eschilo.

In tutte le storie arriva sempre un momento ben preciso.
Quello in cui gli eventi si fanno confusi.
Non solo dal punto di vista della narrazione, ma della natura fattuale stessa dei fatti. 
C'è un vuoto in quell'ultima notte del 26 ottobre del 1984.
Un vuoto quasi senza testimoni.
Quasi.

GLI ATTORI DEL GOTICO PADANO.

I VOLTI DEI PRIMI FILM HORROR DI PUPI AVATI.

Mentre stavo lavorando ai seguiti dei miei dossier ancora in corso (non preoccupatevi arrivano presto le nuove parti sul "Caso Yog'tze" e "Le Streghe di Milano") mi sono reso conto che Nocturnia si sta avvicinando a raggiungere il Milione di visualizzazioni dalla sua nascita ad oggi, anzi probabilmente quando leggerete queste righe potremmo aver già superato questo simbolico traguardo. 
Mi rendo conto che non si tratta davvero di un milione di persone passate in questi nove anni di blogging ma degli stessi lettori che spesso e volentieri tornano a leggere i miei deliri, ma la cifra mi fa lo stesso tremare i polsi e mi rende felice.
Per un piccolo blog che racconta argomenti di nicchia questo è un traguardo importante, grazie a tutti.
Ne approfitto per realizzare un piccolo post, su un argomento per me riposante.


Alcune settimane fa diverse reti nazionali, compreso il neonato canale Cine34 hanno voluto omaggiare il grande regista Pupi Avati trasmettendendo molti dei suoi film, compresi diversi dei suoi lavori delle origini che da decimillenni non venivano più replicati e non trovavano più spazio nei palinsesti delle reti nostrane. Molti appassionati, specialmente quelli che conoscevano solo i lavori più recenti del cineasta bolognese hanno scoperto un lato, per loro, inedito di Avati. Sto parlando della sua fase horror, quando per lui venne praticamente coniato il termine di "Gotico Padano".
Si trattava di film a volte tipicamente perturbanti a volte semplicemente grotteschi che tratteggiavano una immagine molto diversa da quella solita dell' Emila-Romagna godereccia e disinibita che conosciamo tutti ma che spesso finisce per diventare un mero stereotipo. Quella dei film di Avati era una realtà di leggende e superstizioni contadine, di paure secolari, di villaggi isolati rinchiusi su sè stessi e difficilmente raggiungibili, di indicibili orrori nati tra i canali e gli acquitrini del ferrarese, di pittori maledetti che ritraggono vere agonie, di nebbie autunnali e di estati malate, di deviazioni umane partorite all'interno di un humus sociale e territoriale umido ed afoso.
Ma anche di atmosfere appicicaticcie e disperate.

YOG'TZE ! LO STRANO CASO DI GUNTHER STOLL!- Prima Parte.

"Non c'è giorno a cui non segua la notte, non c'è notte senza alba...né gioia imperitura...né dolore infinito"
I- Ching.

"Il mistero fa parte della storia del mondo, è il lato oscuro della mente dove prendono vita le emozioni che non hanno una spiegazione. Senza il mistero tutto sarebbe piatto, l’arte e la scienza naufragherebbero in un lago stagnante e perfino il destino rimarrebbe ingabbiato nella rete dell’ovvio."
Romano Battaglia.

Siamo attratti da quello che non conosciamo, inutile negarlo.
Sin dai tempi dei nostri antenati più ancestrali abbiamo sempre cercato di conoscere quello che esisteva oltre i limiti di quello che vedevamo, abbiamo sempre tentato di scoprire quanto esistesse oltre i confini che delimitavamo.
E di volta in volta siamo andati oltre.
E' la nostra forza più grande e al tempo stesso il nostro limite maggiore.
Siamo condannati a non trovare pace.
Eppure per quanta strada potremo mai fare, per quante scoperte potremo effettuare rimarrà lo stesso qualcosa che non riusciremo mai a comprendere fino in fondo.
La mente umana.

Prendiamo il caso di Gunther Stoll, ad esempio.

Accade in Italia # 62- Le Segnalazioni della Fase 3. - Seconda Parte

La prima parte la trovate QUI

Continuo il mio giro di segnalazioni. Come vi avevo preannunciato un paio di giorni fa il menù di proposte di questa fase è particolarmente succoso e pieno di novità, alla luce di una serie di considerazioni ho preferito suddividere l'articolo mensile in due porzioni distinte, in maniera da poter concedere il giusto e meritato spazio a tutte le proposte.
Ma ho parlato fin troppo, adesso cominciamo con le notizie:

L'ARTISTA OSPITE:

Ripropongo con piacere una poesia (perticolarmente adatta a questi tempi) di Daniele Verzetti detto il Rockpoeta. La poesia è stata già pubblicata su L'Agorà il blog di Daniele.
Il post con i relativi commenti -se volete potete andare a leggere e ad aggiungere i vostri- è QUESTO.

ADDIO ITALIA

Pronti
Ai nastri di partenza, via!
Vi ho nascosto le mie paure per proteggervi

Pronti
Al mio segnale
Via!
Un Paese fermo ai blocchi di partenza
Ancorato ad un iceberg che lo trascina sempre più giù

Ammortizzatori sociali inesistenti
Attesi come Godot
Ed a singhiozzo
E come una sit - com tragicomica a puntate
Si interrompono sul più bello
Terminano nel periodo più critico
E tu rimani senza un paracadute
Quando loro è la colpa
Il lockdown non lo hai voluto tu
Anzi era meglio ammalarsi
Che sentire la propria vita ed i propri risparmi
Squagliarsi al sole come un gelato al gusto di ricino.

Senti un grido lancinante di rassegnazione
Oltre il Campidoglio
Sono gli operai della ArcelorMittal che lottano per sopravvivere
Avverti una fitta di dolore disperato
Sotto la Torre di Pisa
Frutto di piccoli imprenditori che protestano
Perchè non vedono arrivare gli aiuti promessi
Scorgo un corpo
Precipitare lungo la parete liscia della mia Lanterna

È il nostro 11 settembre
Gente che si suicida
In preda alle fiamme della disperazione
Altri invece
Riescono a non crollare e provano a lottare
Con le poche forze loro rimaste.

Pronti
Ai vostri posti
Via!
I primi 100 avranno il privilegio di ricominciare tutto da capo
Ma non in Italia
All'estero

Pronti
Ai nastri di partenza
Via
E corriamo più velocemente possibile
Non per qualificarci tra i primi 100
Ma per arrivare assolutamente primi
Ed avere la certezza di poter abbandonare questa valle di lacrime

Traguardo tagliato
Ed ora
Ready
Set
Go
Addio Italia!

DANIELE VERZETTI ROCKPOETA®

Ricordo che la poesia rimane di proprietà di Daniele e il copyright è tutto suo.
E ora le segnalazioni: 

Accade in Italia #62 - Le Segnalazioni della Fase 3. -Prima Parte.

In questi giorni sono arrivate molte segnalazioni, mi dispiace che alcune iniziative sono anche già concluse senza che riuscissi a segnalarle, ad ogni modo sono talmente tante le iniziative in cantiere che dividerò il presente post in due parti: oggi esce la prima trance di notizie, uscite varie e novità e tra pochi giorni troverete una seconda e conclusiva sezione con altre ghiotte informazioni su quanto sta avvenendo nel settore.
Un passo alla volta e benvenuti ancora una volta su Nocturnia!


L'ARTISTA OSPITE.

Ospito una nuova illustrazione della brava Alessia H. Valastro. Che ringrazio di cuore.

High Seas, digital 2020 Copyright & Diritti: Alessia H.V.
L'illustrazione rimane di proprietà assoluta dell'artista.
Il blog di Alessia lo trovate QUI.
Adesso andiamo a cominciare con le segnalazioni:

FUMETTI

SPECIAL ! - volume 4 by INAGHESHI 

Comincio con una bella notizia riguardo il nostro amico Ariano Geta, il quale sotto il consueto nickname di Inagheshi ha confezionato il capitolo conclusivo di:




I mesi scorrono rapidamente e si avvicina il giorno della consegna dei diplomi. Cosa resterà agli studenti della Fudeko della loro esperienza scolastica? Che ricordi avranno del loro triennio? Chiunque abbia vissuto quella lunga primavera in cui si concludono le scuole superiori, si ottiene un diploma e si diventa legalmente adulti, sa bene che in quei giorni sogni, speranze e paure si accavallano costantemente... 

  • Formato: Formato Kindle
  • Utilizzo simultaneo di dispositivi: illimitato
  • Editore: Edizioni gTerma; 1 edizione (18 maggio 2020)
  • Venduto da: Amazon Media EU S.à r.l.
  • Lingua: Italiano
  • Euro: 2,99.
  • Link QUI 

LIBRI & RIVISTE.

1) NOVITA' "INDIPENDENT LEGIONS".

Tanta carne al fuoco per la casa  editrice di Alessandro Manzetti specializzata nell'horror ma non solo. Alessandro -che spesso utilizza lo pseudonimo Caleb Battiago- ha vinto (e per ben due volte) il prestigioso Bram Stoker Award (QUI trovate il suo sito, QUI e QUI le mie due interviste con l'autore). Ecco alcune novità di casa Indipendent.

- MOLOTOV MAGAZINE.

A giugno esce:


MOLOTOV è un Magazine quadrimestrale in formato cartaceo, contenente racconti in italiano di grandi maestri internazionali, articoli di approfondimento e fumetti di genere horror, dark fantasy e pulp. Il primo numero, già presentato, è in programma a Giugno 2020, e già acquistabile sullo Store della Indipendent Legions (QUI) , per singolo numero o in abbonamento annuale (tre numeri). Tra i contenuti del primo numero: racconti di Joe R. Lansdale, Ramsey Campbell, Richard Christian Matheson, Owl Goingback, Graham Masterton e Jess Landry. La graphic novel 'Antinferno' sceneggiata da Alessandro Manzetti e illustrata da Stefano Cardoselli, la striscia a fumetti 'Satanlio e Hellio' di Paolo di Orazio, interviste a Ellen Datlow e Victor GIschler, articoli di approfondimento, recensioni e rubriche tematiche, su letteratura dark, horror e weird, cinema di genere, poesia a cultura dark, di Stefano Fantelli, Daniele Bonfanti, Cristiano Saccoccia, Francesco La Manno, Pietro Guarriello, Christian Lamberti, Barbara Manzetti, Silvia Riccò e tanto altro. Illustrazione di copertina di Wendy Saber Core, traduzioni di Alessandro Manzetti, Francesca Noto e Chiara Beltrami, editing e proofreading di Miriam Mastrovito, lettering di Alessio Stucci (fumetto One Shot). Formato 21x29, interni in bianco e nero, spillato, carta patinata, circa 60 pagine

- TARANTINO.



E' invece già disponibile da alcuni giorni l'Artbook TARANTINO di Stefano Cardoselli, con contributi inediti dei Premi Bram Stoker Award Ramsey Campbell, Jonathan Maberry e Caleb Battiago. Edizione collection a tiratura limitata e copie numerate, formato 21x29, tutto a colori, 100 pagine, carta patinata. Il libro è acquistabile sullo Store della Indipendent legions. .

- "COLPEVOLE MA PAZZA" DI POPPY Z. BRITE.

Altra uscita, altra tipologia di libro:


Prima edizione italiana del diario/saggio autobiografico 'Guilty But Insane', pubblicato in lingua originale nel 2001, a tiratura limita, da Subterranean Press.

A metà strada tra un folle diario e un saggio autobiografico, il libro comprende 23 scritti di nonfiction e diaristici, affascinanti e stravaganti, riguardanti il mondo dell’autrice, dedicati a eterogenei argomenti e sviluppati con un approccio diretto estremamente originale, che consentono di entrare a contatto diretto con l’animo, la sensibilità, le esperienze, le ispirazioni, le disillusioni, la cultura undeground degli anni ‘90, e la visione della vita e di se stessa di una delle più grandi interpreti della narrativa horror e dark moderna.

Tra i contenuti: La formazione e le fonti di ispirazione, attraverso mini-saggi sulla letteratura e poesia horror, dark e mainstream moderna, con approfondimenti su William S. Burroughs (in R.I.P.), Peter Straub, i poeti maledetti, tra Rimbaud e Wilde, e altri grandi autori; La bellezza e decadenza della città natale, New Orleans, (in ‘Sur le Decadence’) cuore di tutte le più note opere dell’autrice; Un ritratto espressionista (in ‘Mardi Gras’) della propria giovinezza; La cultura dark e transgender riportata tramite l’esperienza diretta dell’autrice; Un diario di viaggio (in ‘Depraved in Dublin’) con meta Dublino, in compagnia di un amico transessuale; Scritti provocatori di fantasia, tra i quali un’immaginaria storia d’amore tra John Lennon e Paul Mc Cartney; Resoconti sul sesso, sul tema ‘gender’ e la lotta contro la dipendenza, gli orrori dell’assistenza sanitaria moderna e il panico del caos; Articoli scritti per la celebre rivista Cemetery Dance sulla narrativa horror e dark, e tanto altro.

Contenuti Extra: i racconti dell'autrice: 'Xenofobia', 'Mancanza' e 'L'Ultimo Desiderio'

Edizione Standard, 180 pagine, Prezzo  15,50  14,90 Euro Collana Descent (Saggistica e diaristica), lllustrazione di copertina di Wendy Saber Core, Marzo 2020 
Link per l'acquisto QUI.

2) "OVAL", DI ELVIA WILK BY ZONA 42 


"Un’affascinante esplorazione futurista delle relazioni, della sostenibilità, e del potere. Un romanzo di debutto straordinariamente compiuto.” 
Jeff VanderMeer 

“Oval di Elvia Wilk è una meraviglia. Al centro di questa acuta e seducente riedizione contemporanea dei temi cari a J.G. Ballard c’è un cuore che batte profondo e che continua a sognare.” Jonathan Lethem

“Oval è un’arma affilata, e al contempo una provocazione e una resa dei conti. Una chiamata alle armi per chiunqueviva dedicandosi ogni giorno all’industria creativa.” 
The Observer

“J. G. Ballard incontra William Gibson e Jeff VanderMeer. Cosa potrebbe mai andare storto?Scopritelo nel vivace ed elegante debutto di Elvia Wilk.” 
McKenzie Wark autrice di An Hacker Manifesto

IL LIBRO

“Anja immaginò quelle luci verdi che si diffondevano dalla base della Berg. Il tempo fluttuante, fiocchi di neve, scottature. Il colore della malattia, disfunzione. L’umidità nella sua stanza da letto, il tritarifiuti che sputava pezzetti di plastica.”

Berlino oggi. Contemporaneità e creatività, globalità culturale e dinamismo aziendale, musica techno e gentrificazione. E domani? Il domani di Berlino è la Berg, esperimento ecosostenibile eretto come guida ed esempio per un futuro verde da una corporazione tentacolare.
Anja non ha neanche trent’anni e vive sulla Berg nella sua nuova casa a emissioni zero,nell’incertezza di un futuro che tarda ad arrivare, proprio come tutti i suoi amici e gli affetti, uno più smarrito dell’altro. Tra tutti, il suo sfuggente partner Louis, fresco reduce da un lutto e sull’orlo di una metamorfosi.

Elvia Wilk interpreta queste sorti ben poco magnifiche e progressive con un piglio affilato à la Don DeLillo e la spietata capacità di analisi di un J. G. Ballard, raccontandoci le miserie del mercato del lavoro e del sistema tardocapitalista, senza risparmiare stoccate acide contro la “classe culturale”. Quella che si racconta tale ma vive di reputazione, menzogne e meschinità assortite.
Se siete mai stati precari - per contratto, domicilio o affetti - questo libro è la vostra chiamata alle armi. Articolata da una voce letteraria poderosa che ribalterà ogni vostra precedente convinzione.


L’AUTORE

Elvia Wilk vive a New York. Il suo lavoro verte sull’arte che chiama in causa tecnologie emergenti, pratiche femministe ed ecologia. Ha scritto su diverse riviste tra cui Granta e The White Review, e attualmente è editor della rivista e-flux. Oval è il suo primo romanzo, ed stato pubblicato nel 2019 da Soft Skull Press.

TRADUZIONE

Chiara Reali vive a Milano. Scrive in rete dal 2005 e ha pubblicato racconti su Linus, ‘tina, e nelle antologie Tu sei Lei. Otto scrittrici italiane (Minimum Fax) e Propulsioni d’improbabilità (Zona 42). Nel 2019 ha vinto il Premio Italia per la traduzione.

352 pagine, formato 14x19,
brossura cucita a filo refe
con copertina a quattro ante plastificata.
Euro 16,90 ISBN 978-88-98950-48-5
ZONA42

3) "L'ALTRA ANIMA DELLA CITTA'", DI FRANCESCA CAPPELLI BY ASS. CULT. NATI PER SCRIVERE.

Titolo: L’altra anima della città
Autore: Francesca Cappelli
Editore: NPS edizioni
Genere: urban fantasy
Formato: cartaceo e digitale
Pagine: 322
Prezzo: 14 euro (cartaceo), 2,99 euro (digitale)
ISBN: 978-88-31910-293 (cartaceo)
Copertina a cura di Mala Spina.
Uscita: 1 giugno 2020 (digitale), 1 luglio 2020 (cartaceo).

 Link Amazon: https://www.amazon.it/Laltra-anima-della-Francesca-Cappelli-ebook/dp/B089FMD4FY/
Sito NPS: www.npsedizioni.it


Quarta di copertina:
Nel giorno del suo diciannovesimo compleanno, Elia Chiari, un liceale fiorentino, viene aggredito da una vecchia in Piazza Santa Croce. Da quel momento, inizia ad avere visioni di versioni alternative della città e a incontrare bizzarri personaggi che nessun altro vede.
Il ragazzo cerca di ignorare le strane presenze sovrannaturali, concentrandosi sull’imminente esame di maturità, sugli amici e sulla sua sgangherata rock band, ma “l’altro mondo” continua a presentarsi con prepotenza, finché il Raduno dei Magici Fiorentini non lo mette al corrente del suo ruolo: egli è una Memoria, custode delle storie e dei ricordi di Firenze e delle vite che vi sono vissute, e come tale ha il potere di viaggiare tra tutti i mondi possibili.
Proprio quei mondi adesso sono in pericolo, minacciati da qualcuno che sta uccidendo tutte le Memorie, cancellando le storie e i ricordi dell’umanità. Davanti a Elia si apre una strada splendida e rischiosa, e percorrerla è l’unico modo per impedire il crollo dei mondi.

«Quindi io posso viaggiare liberamente tra le città?»
«Sì. Città che sembrano perse in epoche antichissime, ma che in realtà hanno avuto semplicemente una storia diversa da questa. Città magiche, città tecnologiche, città rumorose e città silenziose. Città guidate da uomini saggi e città nelle mani di tiranni. Città strabilianti, mediocri,
all’avanguardia, degradate, invitanti, pericolose, piene di segreti, spaventose. Tante quante sono gli universi. E gli universi non finiscono mai».

Biografia autrice:
Francesca Cappelli nasce in provincia di Firenze nel 1983. È insegnante di Lettere nella scuola media. Dal 2009 a oggi i racconti di Francesca, che esplorano il fantastico in tutte le sue declinazioni, sono apparsi su varie antologie.
Nel 2015 esce il suo primo romanzo, l’urban fantasy "Il Negoziato del Numero 47", per Lettere Animate. Si dedica anche alla musica folk, con il nome di Edlynn, e al teatro. Tra le sue passioni ci sono il gioco di ruolo e il cosplay. 

Biografia illustratrice:

 Mala Spina è lo pseudonimo di una scrittrice toscana appassionata di narrativa del fantastico e collezionista di fumetti. Lavora nel campo dell’editoria, illustrazione digitale e web design.
Scrive storie Fantasy, Steampunk e Horror.Ha pubblicato in proprio l'Urban Fantasy "Victorian Horror Story", la Black Comedy Horror "Il Mangia Peccati" e la serie Fantasy-Sword and Sorcery "Altro Evo".
Il primo romanzo interattivo è stato pubblicato da Acheron Books, "Gremlins ad alta quota".Ha pubblicato racconti brevi in antologie per vari editori come NPS, Lethal Books, Dunwich, Watson e Acheron Books

Sito Internet: www.AltroEvo.com

Contatti:
“NPS Edizioni” è il marchio editoriale dell’associazione “Nati per scrivere”, nata da un gruppo di appassionati lettori per promuovere la cultura del libro. L’associazione cura laboratori di scrittura creativa, workshop su scrittura e editoria, letture animate, incontri con autori e rassegne letterarie.

www.npsedizioni.it

E per adesso ci salutiamo.
A tra pochi giorni con la seconda parte del nostro excursus. 
(Continua...)

Quel Due di Giugno del 2020...

Buona Festa della Repubblica a tutti quanti.




E non dimentichiamo mai il passato, le cose che abbiamo vissuto, quello che ci unisce che è sempre di più di quanto ci divide.
Sopratutto facciamo si che le recenti esperienze ci abbiamo perlomeno insegnato qualcosa.
Buona giornata a tutti.
Italiani vecchi e nuovi che siate.
Senza distinzioni di nessun tipo.

INTERVISTA CON LEVENT CAKIR! L'UOMO CHE FU "ZAGOR".

"MOLTI FILM TRASH TURCHI MERITANO DI RICEVERE UN AMICHEVOLE RISPETTO, NON UNA FORMA SUPERFICIALE DI DERISIONE."

INTERVISTA ESCLUSIVA A LEVENT CAKIR / ACTION STAR TURCA  E STUNTMAN, IL PRIMO E -ANCORA - IL SOLO “ZAGOR” NELLA STORIA DEL CINEMA MONDIALE
Di Nick Parisi
Levent Cakir oggi.


Oggi è il giorno di Levent Cakir, vi propongo l'intervista realizzata con l'attore turco, interprete nel suo paese di molti film di genere. In Italia lo conosciamo sopratutto per la sua interpretazione del bonelliano "Spirito con la Scure"in due pellicole "apocrife" dell'inizio degli anni '70s
Parlare con Levent Cakir significa scoprire un mondo cinematografico quasi totalmente sconosciuto per noi italiani, ma anche parlare del mondo dei fumetti, di come essi possano influenzare intere vite e di come possano creare legami di amicizia tra persone provenienti di paesi diversi.
Ci sono alcune persone che desidero ringraziare: in primis ovviamente lo stesso Levent Cakir per la sua gentilezza e disponibilità,tutte le mie interviste sono importanti, tutti i miei intervistati mi hanno regalato qualcosa di speciale però raramentedurante tutta la mia vita di blogger ho visto qualcuno mettersi a nudo in maniera così totale e con una tale partecipazione trasmettendoci una passione così totalizzante come ha fatto Levent Cakir oggi. Se noi esseri umani siamo fatti della stessa materia con cui sono fatti i sogni, beh...per fare una citazione a tema, la Forza scorre ancora potente in Levent Cakir. Poi c'è il mio amico TOM che mi ha fornito molti spunti interessanti. Infine il giornalista ed esperto di cinema turco Ali Murat Guven, il cui apporto è stato fondamentale per la riuscita finale di questa intervista. Tra le altre cose Mr. Guven mi ha inviato tantissime immagini stupende, mi dispiace anche di non averle usare tutte.
Queste tre persone meritano tutta la gratitudine ed i complimenti possibili ed anche se ne ricevessero a milioni ancora non sarebbero abbastanza.
A tutti voi lettori auguro buona lettura ! Dò il benvenuto a tutti, un saluto speciale a tutti i lettori ed appassionati turchi che dovessero venire per la prima volta su Nocturnia a leggere questa intervista.
Alla fine della versione italiana troverete l'originale in lingua inglese.
Attendo le vostre impressioni e commenti in proposito.

(For english version please scroll down )

Nick: Benvenuto su Nocturnia Levent Çakır, quali sono stati i tuoi inizi nel mondo del cinema?

Levent Çakır:  Mio padre è morto nel 1952, io ero un bambino piccolo di appena due anni. Quindi, non ho nessun ricordo nemmeno di come fosse la faccia del mio papà. So solo che mio padre è andato nella Turchia orientale per svolgere il servizio militare. Lui era in artiglieria ed è morto accidentalmente durante un' esercitazione sul campo dell'esercito turco. Le condizioni naturali sono molto difficili in Anatolia. Soprattutto nei periodi invernali ... Alcuni suoi amici del servizio militare hanno parlato della sua morte negli anni successivi e hanno detto che è morto in una giornata molto nevosa a causa di un errore di calcolo. Il proiettile sparato da un mortaio è caduto vicino ad una intera squadra che è andata completamente sterminata. Il suo corpo è stato sepolto in un cimitero nella città di Erzurum, nell'Anatolia orientale. Molti anni fa ho visitato Erzurum, ma non sono riuscito a trovare la sua tomba. Non c'erano abbastanza informazioni nei registri militari.

L'Attore che fu Zagor presto intervistato su Nocturnia.


In questi giorni mi trovate poco in rete, un poco per via delle continue emergenze di quest'ultimo periodo che mi hanno costretto a cambiare più e più volte i programmi, un poco anche perchè dopo tanti segnali il mio antico e glorioso P.C si è deciso a passare a miglior vita raggiungendo così i suoi antenati nel paradiso degli hardware. Per fortuna sto usando l'apparecchio di mia moglie, però durante tutta la passata settimana lo ha dovuto usare quasi sempre lei col sottoscritto che (giustamente) si doveva accontentare dei pochi momenti liberi.

C'è comunque anche un ulteriore motivo per quanto riguarda la mia latitanza.
Sto traducendo dall'inglese un paio di interviste e se tutto va bene dovrei riuscire a presentare la prima  a breve, una intervista che mi darà l'occasione di poter parlare sia di Cinema che di fumetti.

In passato ho parlato spesso del Cinema di genere anche degli altri paesi, quando si trattava della Turchia mi sono dedicato in un paio di occasioni dei due film che in quel paese sono stati dedicati al personaggio di Zagor, si trattava di film realizzati senza richiedere i diritti alla Bonelli che, anzi ignorava del tutto l'operazione.
Ovviamente gli attori impegnati erano del tutto incolpevoli e va detto che quella delle edizioni senza diritto (libri, fumetti, film) era una pratica comune del paese della Porta d'Oriente (e non solo, lo stesso accadeva in altre nazioni, come la Russia...e non è che noi in Italia siamo stati sempre dei santarellini)


Oggi le cose in Turchia sono radicalmente cambiate anche dal punto di vista del pagamento dei diritti. Inoltre la cinematografia di quella nazione (anche quella di genere) ha sempre goduto di una discreta diffusione (magari non da noi ma in diverse realtà dell'Europa dell'Est, dell'Asia e dell'Africa)
Nel frattempo le due pellicole di Zagor sono diventate, questo si anche da noi dei piccoli kult, per la gioia di tanti, anche dello stesso Sergio Bonelli, che dopo la nascita di tante edizioni regolari ed autorizzate dei fumetti bonelliani, ha vissuto con piacere la sempre crescente popolarità dei suoi personaggi.


Già, perché i fumetti Bonelli sono sempre stati popolari anche all'estero, specie in alcune nazioni, la Turchia, la Croazia (e un poco tutta l'area dell'ex Jugoslavia), il Portogallo o il Brasile.
Ma sopratutto il popolo della penisola anatolica ha una vera e propria adorazione per i personaggi Bonelli, Zagor in testa, al punto che il tour effettuato da Gallieno Ferri, il mitico disegnatore del character è diventato un evento epocale.

A breve, il prima possibile salvo imprevisti ulteriori, vi proporrò l'intervista esclusiva rilasciatami da Levent Cakir, l'attore che è stato Zagor, nelle due pellicole citate. L'unico attore al mondo che abbia mai vestito i panni dell'eroe dei fumetti sul grande schermo.

Levent Cakir è sempre rimasto affezionato al personaggio, un poco come quanto è successo con John Phillip Law per il Diabolik di Mario Bava.
Ma Levent Cakir non è stato solo Zagor, si tratta di un interprete legato a doppio filo a tutto il Cinema di genere di quella nazione, parlare con lui significa parlare con un testimone vitale di una intera cinematografia.
Ne approfitto per ringraziare alcune persone: lo stesso Levent Cakir, il giornalista ed esperto turco Ali Murat Güven ed anche il mio amico TOM che mi aveva fornito alcuni spunti interessanti.

Nel frattempo, se volete approfondire la materia vi rimando ad alcuni post del passato:

MARCIA TURCA (sui film di Zagor)

DRAKULA ISTANBUL'DA ( su un altro film turco)

I PREMI DELLA FANTASCIENZA AMERICANA. - Prima Parte

LA SOLITA INUTILE PREFAZIONE.

Alcuni giorni fa (l'introduzione la trovate QUI)  ho deciso di cominciare una nuova ed aperiodica rubrica dedicata al mondo dei Premi Internazionali, i motivi sono molteplici. 
Più che altro mi ha sempre incuriosito l'alto numero di questo tipo di riconoscimenti, in un settore come quello della narrativa di stampo fantastico che presenta molte differenze rispetto agli altri.
Noi di solito ci concentriamo su quelli più conosciuti come lo Hugo o il Nebula.
Parlerò anche di questi, però la loro fama finisce spesso per oscurare l'esistenza di tanti altri riconoscimenti.
Quindi a tempo perso, molto perso, ogni tanto darò vita a dei post in merito.
Senza nessuna pretesa di completezza. 
Cominciamo con:



Premio Sturgeon- Theodore Sturgeon Memorial Award:

Come dice stesso il nome questo premio è dedicato alla memoria dello scrittore Theodore Sturgeon, lo ha istituito lo scrittore e saggista James Gunn nel 1987, quando era direttore del Center for the study of Science Fiction alla Kansas University. Lo scopo è quello di premiare il miglior racconto di fantascienza ( e quindi alla narrativa breve) in lingua inglese uscito nel corso dell'annata precedente. Viene assegnato nel mese di luglio nel corso del Campbell Conference Awards Banquet, che si tiene a Lawrence, ovviamente nel Kansas

PIU' QUARANT'ANNI CON STAR WARS: SENSAZIONI E SUGGESTIONI .


Il 25 maggio del 1977 negli Stati Uniti usciva il primo Star Wars, quello che anni dopo sarebbe stato conosciuto meglio come Episodio IV: A New Hope.  Ben pochi scommisero sul successo della pellicola, tra questi c'era perfino l'attore più famoso tra quelli che avevano partecipato alle riprese, il britannico Alec Guinness (che ebbe sempre un rapporto molto controverso con la saga e con Obi-Wan Kenobi il personaggio da lui interpretato). Nei primi giorni solo una quarantina di sale in tutto il territorio americano accettarono di proiettare la pellicola e oltretutto solo in accoppiata con un altro film.
Dopo pochi giorni Star Wars si era trasformato nel maggior successo di quell'annata a livello mondiale.
Anche nel nostro paese Guerre Stellari, come fu tradotto da noi il titolo, si  rivelò come il film di maggior incasso del periodo, numerose persone accorsero a vedere quel film che all'inizio nessun Cinema voleva.
Tra questi c'era anche un bambino di appena otto anni portato al Cinema da suo padre, quel bambino come avrete capito ero io, la passione per la fantascienza ce l'avevo già ma quel film che nessun esercente voleva avrebbe rappresentato la consacrazione definitiva.
Questo però è un altro discorso. 
E lo faremo un'altra volta.

Accade in Italia #61! - Le Segnalazioni della Fase 2

Bentrovati a tutti gente!
Che siate esseri umani, zombi, vampiri o diversamente viventi siamo tornati ad una nuova puntata di Accade in Italia con alcune segnalazioni relative ad una parte delle tante uscite editoriali del nostro paese.
Nel mondo là fuori -a quanto pare- stiamo passando dalla fase "Restiamo in Casa per Evitare l'Apocalisse" a quella :"Ripartiamo Senza Nemmeno Guardarci Indietro", quando invece è evidente che quella che affronteremo sarà una nuova forma di a-normalità, che sarà un processo lungo e che, magari, dovremmo anche cominciare ad interrogarci sul tipo di vita che conducevamo prima e del perché siamo arrivati a questo punto.

Horror Heads Two by Alessia H.V.
Inoltre sarebbe anche meglio cominciare a mettere in azione tutta una serie di comportamenti virtuosi in maniera tale da non dover fare in modo che questa esperienza non si debba ripetere mai più, che una nuova pandemia non solo venga scongiurata, ma che non nasca nemmeno e questo vale per noi singoli ma anche per i vari governi.
Finito il pistolotto torniamo ora alla ragione sociale di Nocturnia.
Veniamo alle nostre segnalazioni:

PROFESSIONE ILLUSTRATORE: L'AGGIUNTA DI TIZIANO CREMONINI.

Qualche giorno fa ho pubblicato sul blog una intervista collettiva dedicata agli illustratori, questa QUI per la precisione , alla quale hanno partecipato diversi artisti del settore suddivisi in maniera tale da ospitare il più ampio ventaglio di profesionalità possibili.
C'era tuttavia un disegnatore che pur avendo dato la sua adesione ed avendo cominciato a rispondere alle domande, non era riuscito ad inviarmi le sue risposte prima che io pubblicassi l'intervista.
Oggi quindi con molto piacere colmo quella lacuna presentandovi il contributo di Tiziano Cremonini.


Art by Tiziano Cremonini.

Per qualche giorno il contributo sarà presente in maniera autonoma su questo post a sè stante, poi la inserirò assieme a tutte le altre nel precedente articolo, lo scopo è quello di fornire un quadro quanto più possibile esaustivo su quanto avviene nel settore. Una sorta di indagine non ufficiale volta a fornire quante più informazioni possibili su un aspetto affascinante della nostra editoria di genere.
Per adesso leggete questo post e tenete sempre presente quanto già detto durante l'intervista collettiva.
Buona lettura!


INTERVISTA

Nick: Prima di cominciare a lavorare come illustratori\disegnatori cosa conoscevate della narrativa di genere (italiana e straniera)?

Tiziano Cremonini:  Ai tempi del liceo, grazie ad un amico, ho letto tanti romanzi di SF della Nord e parecchi Urania. Poi nel tempo, seppur con discontinuità, ho mantenuto la passione per la letteratura fantascientifica. Miei autori preferiti Vance, Farmer, Hamilton.

Nick: Quali sono stati gli artisti (pittori\illustratori\ fumettisti\ copertinisti ) italiani e stranieri che più vi hanno colpito ( e che considerate come vostri maestri o ispiratori) quando eravate ancora semplici lettori o lettrici?

TC:  Fin da ragazzino ho sempre disegnato, Ispirato dalla serie Ufo e poi da Spazio 1999. Sono figlio d’arte: mamma pittrice e babbo scultore. Ho sempre adorato sia il fumetto che l’illustrazione.
Nel fumetto i miei autori italiani preferiti erano Crepax, Manara, Eleuteri Serpieri, ma anche tanti disegnatori di scuola bonelliana. Come autori internazionali, fin da giovane, mi hanno appassionato i disegnatori della scuola francese (Metal Hurlant etc). Su tutti Certamente Moebius, Caza, Druillet e Bilal.
Nel campo dell’illustrazione fantastica il primo amore è stato certamente Chris Foss. Copiando da lui, da studente di grafica e illustrazione, ho imparato ad usare l’aerografo. Ma anche Peter Elson, Boris Vallejo, Frank Frazetta, Tim White, Jim Burns, Michael Wheelan e tanti altri che ora tralascio per non farla troppo lunga. 🙂

Nick: Il primo lavoro non si scorda mai, il vostro debutto qual'è stato?

TC:  Copertina per un libro di illustrazione della Editrice Nord che raccoglieva tutte le cover dei romanzi. In seguito realizzai svariate copertine per il compianto Viviani e la sua memorabile Editrice Nord.

Nick:  Nel momento in cui avete iniziato pensavate che sarebbe diventata un'attività duratura?

TC: Ci contavo molto. Poi lo è diventato! Illustratore e graphic designer free lance da 37 anni!

Nick: Quali sono gli autori e i lavori che vi hanno dato maggiori soddisfazioni nel realizzarli? E quali invece hanno rappresentato le maggiori sfide e difficoltà? Se volete potete raccontare anche qualche aneddoto che considerate particolarmente significativo.

TC:  Certamente le cover realizzate per la collana “Biblioteca di un sole lontano”, in particolare per Kristine K. Rusch, Walter Jon Williams, Elizabeth Bear, Paul Di Filippo e Robert Reed. Spesso mi hanno portato ad interagire e avere dei feedback preziosissimi dagli autori stessi.

Nick : La cover che avreste voluto disegnare e l'autore che avreste voluto illustrare senza mai riuscirci fino ad oggi?

TC:   Mi sarebbe piaciuto moltissimo illustrare le cover per I romanzi di Vance. 🙂 Mi devo accontentare di aver fatto la tesi di laurea su TSCHAI illustrato, nel lontano 1985.

Nick:  Pregi e difetti del vostro lavoro.

TC: Difetti? Tanti, anche perché sono abbastanza autocritico. Ma la passione, dopo 37 anni è rimasta inalterata. Un pregio, o meglio, semplicemente una mia caratteristica, muovermi abbastanza agevolmente dalle tecniche tradizionali a quelle digitali, amando sperimentare.


Art by Tiziano Cremonini.

Nick:    Aspetto economico: ci si può mantenersi solo col lavoro di illustratore e di copertinista oppure no?

TC: Assolutamente NO, per quella che è la mia esperienza! Se non fossi anche grafico professionista (nonché docente universitario) probabilmente sarei già morto di fame da tempo.

Nick: Tempi di lavoro e scadenze di consegna: dite la vostra. 

TC: Non ho particolari problematiche su questi aspetti. So adattarmi alle circostanze. Se c’è da correre, corro. Purtroppo ho il vizio di ridurmi sempre all’ultimo…

Nick:  Secondo voi la figura dell'illustratore è considerata e valorizzata adeguatamente nel nostro paese oppure no? E secondo il vostro parere cosa andrebbe cambiata o semplicemente migliorata?

TC:  A mio avviso, da noi non è particolarmente valorizzata, almeno dal punto di vista economico. Poi certamente c’è qualche eccezione.

Nick:   Qual'è lo stato dell'editoria fantastica italiana secondo voi? Nel bene e nel male.

TC: Alla frutta”, pare brutta, come risposta? Ancora resistono alcuni appassionati editori ( tra cui Delos Digital con cui collaboro) che fanno i salti mortali, animati da grande entusiasmo, anche se i lettori sono una razza in via di estinzione.

Nick: Più in particolare che anno è stato per voi il 2019? Per quali romanzi, autori o editori avete lavorato? E secondo voi in generale-quali sono state le opere e gli autori e le iniziative editoriali più importanti venute fuori? 

TC:  Un anno forse un po’ sottotono, per quel che mi riguarda. Ma realizzare copertine per la narrativa di K.K.Rusch, Di Filippo, Elizabeth Bear, tra gli altri, è stato molto divertente e stimolante.
Più In generale mi sembra apprezzabile lo sforzo che continua a fare Mondadori con Urania, Urania Jumbo etc.

Nick:  Che previsioni fate per il futuro e cosa invece vorreste possa succedere (sia in generale che per la vostra attività personale) 

TC:  In generale spero si possa tornare al più presto alla normalità dopo questo incubo Covid che ci ha comportato uno sconvolgimento tremendo. Per quello che mi riguarda, ringraziando Sosio e Pergameno per il loro entusiasmo e lavoro prezioso per la collana Biblioteca di un Sole Lontano, so già che ci saranno nuovi racconti e nuovi autori da illustrare, e questo è sufficiente a rendermi felice.

FINE

BIOGRAFIA:

TIZIANO CREMONINI è illustratore e grafico. Opera come professionista della comunicazione da 33 anni.
Nasce a Bologna nel 1960 ma vive e lavora a Fano.
Nel 1983 si è diplomato nel Corso di Progettazione Grafica dell'ISIA di Urbino, con una tesi di illustrazione fantastica.
Dal 1981 opera, anche se saltuariamente, nel settore del fumetto con alcune pubblicazioni su riviste del settore in Italia e all'estero: Robottino Rosso e Onirosfera pubblicati in Italia su 2984; Robottino Rosso viene pubblicato anche in Germania su Schwermetall.
Dal 1983 collabora come illustratore con la Editrice NORD realizzando alcune copertine per le sue collane (incluso l'Annual di Illustrazione di Fantascienza e Fantasy). Contemporaneamente realizza copertine per libri di genere fantastico per l'editoria tedesca collaborando con Heyne Verlag, Moewig Verlag, Alpha Verlag, Goldmann Verlag, Bastei Verlag, Taurus Film Video. In Francia ha realizzato copertine per Edition J'AI LU di Parigi. Sue copertine sono state pubblicate anche in Russia e Polonia.
Dal 1980 ha collaborato inoltre come illustratore free-lance con numerose agenzie pubblicitarie e studi grafici realizzando immagini per campagne nazionali su periodici e affissioni principalmente nei settori moda, arredamento, alimentazione, giochi e metalmeccanica. Ha realizzato inoltre illustrazioni e progetti grafici per packaging di prodotti alimentari, calzaturieri, erboristici e farmaceutici.
Suoi lavori sono apparsi su Portfolio Illustratori e sull'Annual di Illustrazione italiana.
Nel 1993 collabora con Clementoni Giochi realizzando illustrazioni per puzzles e giochi. Sempre nel 93 realizza copertine Fantasy per Solfanelli Editore.
Nel 1994-95 collabora con la rivista a fumetti Penthouse Comix pubblicando 2 storie a fumetti. In Romania ha collaborato con l'Editore S.C.Miron Edcom realizzando copertine di fantascienza.
Nel 1995 inizia a collaborare con Fanucci per cui realizza copertine di fantascienza, horror e fantasy curandone anche la grafica. Contemporaneamente realizza un set di cartoline di genere fantastico per KELTIA Editrice.
Dal 1997 è docente di Comunicazione Visiva e Illustrazione presso l'ISIA (Istituto Superiore per le Industrie Artistiche) di Faenza.
Realizza inoltre i packaging della collana di videogames Avatar per l'editore Tecniche Nuove in collaborazione con Colors Arti Multimediali.
Nel 1998 realizza illustrazioni digitali per Delos e Internet News, continuando collaborazioni con editori esteri.
Nel 2000 inizia a realizzare packaging ed espositori di prodotti erboristici e cosmetici per Planta Medica e Aboca in collaborazione con lo Studio Valenti. Insegna, inoltre, computergrafica presso la Scuola di Formazione Professionale Provinciale di Pesaro (CIOF - JOB).
Dal 1992 ad oggi svolge attività di consulenza grafica e web design per Profilglass, Eurotubi, Metalgamma, Radiant Bruciatori, Impresa Lungarini, Edilmix, BIV Italia, BIV Impianti, Coldiretti-Umbria, Comune di Fano, Fondazione Teatro della Fortuna (in collaborazione con Newton Comunicazione), sviluppando progetti grafici per i più vari ambiti dal tecnico-industriale all'edilizia, dal metalmeccanico all'alimentare e viti-vinicolo.
Dal 2000 inizia una proficua collaborazione con Giovanni Corbelli che porta alla pubblicazione dei calendari Techno Pin Ups e Atmosfere e a due raccolte di cartoline illustrate: Techno Pin Ups e Future Visions. Realizzano anche racconti ed illustrazioni per il mensile Lisippo e il libro illustrato I Confini dell'Infinito.
Dal 2006 collabora con il Centro di Formazione Professionale CERCAL di S.Mauro Pascoli come docente di computer-grafica.
Nel 2006 fonda assieme a Giorgio Pisciolini l'agenzia Wethink Comunicazione.
Dal 2009 realizza progetti grafici per l’industria farmaceutica realizzando packaging di prodotti, schede tecniche e illustrazioni scientifiche.
Dal 2013 realizza le copertine per la serie di e-book di fantascienza Biblioteca Di Un Sole Lontano, edita da DELOS DIGITAL.

TRATTI PER UNA GUIDA POCO RAGIONATA DEI PREMI LETTERARI DELLA FANTASCIENZA (E NON SOLO)- Introduzione Ancora Meno Ragionata.


La ricorrenza dell'assegnazione Premio Italia mi ha fatto venire l'idea per una serie di post riguardanti proprio i vari premi che animano il nostro amato settore. Chi mi segue da tempo sa che sono sempre abbastanza attento a questo argomento e che ogni volta che recensisco o segnalo un libro non dimentico mai di ricordare se il testo in questione (o qualcuno dei racconti che lo compongono nel caso si tratti di antologie o raccolte ) abbia vinto un determinato concorso o premiazione varia. Da un lato senza dubbio c'entrerà la mia maniacale natura di collezionista compulsivo  ma d'altro canto bisogna riconoscere che-come per tutti campi dello scibile umano- un riconoscimento rappresenta sempre l'attestazione di un gradimento presso lettori e colleghi.
Riconoscimento parziale e magari incompleto quanto si vuole, ma pur sempre un atto di gratificazione per il lavoro compiuto da quel determinato autore.
E dico parziale perché un Trofeo non rappresenta l' indice assoluto del successo di un autore, o della riuscita o meno di testo scritto ma finisce per diventare un ottimo biglietto di presentazione degli stessi.
I premi sia chiaro hanno un valore enorme,  fatti bene  per un opera letteraria possono diventare un attestato di qualità.
Non l'unico, uno dei tanti, non l'unico.
Volendo fare un paragone, proviamo a pensare ad un Mare, grande o piccolo che sia decidetelo voi.
Ma perché esista il Mare, bisogna che ci siano piogge abbondanti, fiumi che portano acqua.
Ecco i Premi sono uno dei fiumi, di quegli affluenti che portano l'acqua al settore.
Tanti affluenti, tanti metodi per giudicare.
Inoltre fenomeni come le fasi di candidatura, le cerimonie di assegnazione, le premiazioni e le manifestazioni in loro stesse costituiscono un importante momento di aggregazione per appassionati ed addetti ai lavori.
Nonché una occasione, anch'essa non certamente completa in maniera assoluta quanto si vuole ma importante per far si che l'intero settore si ponga della domande ed emetta dei punti fermi al riguardo della produzione letteraria e sull'evolvere delle sue tendenze annata dopo annata.
Insomma, i vari premi concorrono a creare un fenomeno importante per la vita del settore, non danno certo il quadro completo di quanto sta avvenendo ma ne compongono una parte non certo secondaria di questo stesso quadro.

La Quinta Volta di Nocturnia al Premio Italia.

Oggi mi sono svegliato con una bella notizia.
Stamattina hanno rivelato i nomi dei finalisti al Premio Italia (QUI e QUI
Ebbene, per il quinto anno di seguito c'è anche Nocturnia .
Spero che mi perdonerete questa autocitazione, però dato che-come tutti sappiamo- in quest'ultimo periodo le belle notizie sono state gran poche considero questa notizia come un regalo di compleanno anticipato.

Dunque, Nocturnia è in finale nella categoria: 

Rivista o sito web non professionale

Finalisti:
Nocturnia, http://wwwwelcometonocturnia.blogspot.com/
Andromeda, http://andromedasf.altervista.org
Cose da altri mondi, https://www.altrimondi.org/
Fondazione Sf Magazine, https://www.facebook.com/FondazioneSfMagazine/
Minuti Contati, http://www.minuticontati.com/landing/

Si tratta della quinta finale consecutiva per me e per un blog piccolo e gestito da una sola persona si tratta di un risultato meraviglioso e per nulla scontato.
Come sempre poi i competitor sono di tutto rispetto, vere e proprie istituzioni del settore,alcuni hanno già vinto negli anni passati è un piacere ritrovarmi nello stesso spazio con loro.
Inoltre - e qui si tratta della terza volta- il Buon Vecchio Zio Nick si ritrova in finale anche in un altra categoria:

Articolo su pubblicazione amatoriale

Finalisti :

Nick Parisi, Professione traduttore: Tradurre fantascienza in Italia nel 2019, Nocturnia https://wwwwelcometonocturnia.blogspot.com/2019/11/professione-traduttore-tradurre.html

Giovanni De Matteo, Di cosa parlate quando parlate di fantascienza?, Holonomikon https://holonomikon.wordpress.com/2019/04/28/di-cosa-parlate-quando-parlate-di-fantascienza/

Giulia Abbate e Elena Di Fazio, La tesi dell’apostolo cattivo: il nuovo adattamento di Evangelion e il traduttore camaleonte, Lezioni sul domani https://lezionisuldomani.wordpress.com/2019/06/25/la-tesi-dellapostolo-cattivo-il-nuovo-adattamento-di-evangelion-e-il-traduttore-camaleonte/

Linda De Santi, Totalitarismi, ruoli di genere e maternità: uno sguardo alla narrativa distopica delle donne, Next Station
 http://www.next-station.org/fe-art-d.php?_i=259

Tea C. Blanc, Crepax, le copertine fantascientifiche gi Galaxy, Giornale Pop https://www.giornalepop.it/galaxy-di-crepax/


Adesso comincia la fase delle votazioni che si terranno dal 27 aprile al 15 maggio 2020.
Mentre la premiazione si terrà (sempre se le progressioni del coronavirus lo permetteranno) nel corso della serata del 13 giugno durante la manifestazione chiamata Fantàsia 2020 nella splendida cornice (come direbbe un animatore turistico) di San Marino

Non so come andrà; in passato, specie l'anno scorso-lo ammetto-  ci sono rimasto un poco male per non aver vinto. A causa di tutta una serie di problemi lavorativi e di salute che stavo vivendo avevo dato al premio delle valenze di riscatto sociale e di risoluzione di un periodo nero che un titolo-per quanto importante possa essere ed il Premio Italia importante lo è di sicuro- non potrebbe mai fare o creare.
Un Premio dà tante soddisfazioni, è fondamentale per tante cose, ma di certo non per quello che credevo io. 
Sbagliavo io a prendermela in maniera esagerata.
 
Quest'anno però voglio si vivere la competizione, ma voglio farlo in maniera sana e divertendomi.
Se otterrò qualcosa in più come risultati ne sarò ovviamente ben contento.
Ma come prima cosa voglio senza dubbio divertirmi e vada come vada.
Se siete curiosi di sapere se siete tra gli aventi diritto al voto e le modalità dello stesso trovate tutte le informazioni QUI.
Mentre l'elenco di tutti i finalisti categoria per categoria li trovate QUI e QUI.
E complimenti ed in bocca al lupo a tutti i finalisti di tutte le categorie.
Chiunque vincerà vincerà meritatamente. 

Ricordando il passato

Ricordando il passato
 
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...