Jack Vance (1916- 2013)

Avevo giurato a me stesso di non pubblicare più notizie di decessi, ma quando vieni a sapere della scomparsa dell'ultimo dei grandi maestri della SF ... come si fa a far finta di niente?



John Holbrook Vance meglio conosciuto come Jack Vance era uno dei miei autori preferiti, anche se le ultime opere non reggevano certo il confronto con i capolavori del passato.
Scrittore di fantascienza, fantasy ed anche di polizieschi, Vance dava il suo meglio nella creazione di ecosistemi alieni e nella descrizione delle multiformi culture umanoidi del futuro.
Infiniti sono i romanzi e i cicli creati dallo scrittore originario di San Francisco, tanto che mi risulta difficile il riuscire a citarli tutti.
Il Ciclo della Terra Morente; Alastor; La quadrilogia del Pianeta Tschai;  Il Grande Pianeta  Lyonesse e tanti altri.


Come lettore devo molto a Jack Vance, come appassionato molto di più, a partire dal giorno in cui scopersi l'edizione italiana del bellissimo The Blue World ( Pianeta D'acqua in una traduzione della Fanucci oramai introvabile )
 Riposa in pace Jack, questo è solo un altro dei tuoi viaggi verso un nuovo ecosistema alieno.
Magari in compagnia di Cugel l'Astuto e di tutti quanti gli altri tuoi personaggi.

8 commenti:

Eddy M. ha detto...

Io metterei il timbro per arrivare alla sua età... cosa dici? ;)
RIP Jack!

Massimo Citi ha detto...

Vance soffriva da anni di una cecità che, insieme all'età avanzata, gli ha impedito di dedicarsi alla scrittura, ovvero - diciamocelo - a rallegrarci e rendere la nostra misera vita un po' più tollerabile. Non so se vorrei arrivare così avanti con gli anni da non riuscire più a scrivere. In un certo senso non avrebbe più senso farlo.
Anche Jack Vance è stato soltanto un treno lanciato nella notte, ma è stato bello incontrarlo.
Sto ascoltando i Sigur Ros, non stupirti del mio umore :)

Nick Parisi. ha detto...

@ Eddy
Certo che ci metterei la firma, dipende però in che condizioni.;)

Nick Parisi. ha detto...

@ Max
Come dicevo ad Eddy, Vance era arrivato ad una veneranda età purtroppo le sue condizioni di salute non erano per niente buone.
Mi dispiace davvero, ero molto legato alla sua narrativa.
È stato davvero bello incontrarlo.

Salomon Xeno ha detto...

"They don't call me Cugel the Clever for nothing!"

Direi che ha vissuto. È stato bello conoscerlo quando ancora era vivo. Ora ho una motivazione in più per leggere l'altra metà del ciclo della Terra Morente!

Nick Parisi. ha detto...

@ Salomon
E' stato veramente bello conoscerlo da vivo, i suoi libri tranne alcuni tra gli ultimi erano meravigliosi.

EDU ha detto...

Lo adoravo Jack Vance, scoperto eoni fa sugli "urania" a 1000 lire della Newton :)

Nick Parisi. ha detto...

@ EDU
Io l'ho scoperto su un vecchio volume Fanucci, di quelli curati da Fusco & de Turris, volume che conservo ancora.
Era uno dei miei scrittori preferiti. :(

Ricordando il passato

Ricordando il passato
 
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...