Un Quasi MeMe Cinematografico...anche per Nocturnia!

Sono un grande appassionato di Cinema, penso che questa mia affermazione non stupirà nessuno tra quelli che mi conoscono. Uno dei miei sogni sarebbe proprio quello di poter parlare(in un futuro dossier notturno)  di quanto accadde al Cinema italiano all'epoca della Seconda Guerra Mondiale, nel tragico e grottesco periodo di Salò, quando alcuni artisti come Luchino Visconti rifiutarono (giustamente, per quanto concerne il sottoscritto)  di aderire, anzi contrastarono quella fallimentare parodia di governo - che però ricordiamolo Salò ebbe il torto di contribuire a trascinare l' Italia  dentro una sanguinosa guerra civile ed oltretutto chi era dalla parte di Salò, ricordiamoci anche questo stava dalla stessa parte delle SS che rastrellavano gli ebrei per mandarli ad Aushwitz (perdonatemi la nota politica, ma oggi è comunque il 25 Aprile e  i negazionisti, i giustificazionisti o quelli che sostengono che "tutti i morti sono uguali", "che non esisteva una parte giusta o una parte sbagliata" in questo caso non sanno nemmeno di cosa parlano!) Altri come Amedeo Nazzari ripararono al sicuro in Spagna, mentre altri ancora aderirono alla Cinematografia di Salò andando a lavorare negli studi veneziani della Scalera Film: si tratta di nomi oggi dimenticati come Bianca Doria, Elio Steiner; Luisa Ferica; Osvaldo Valenti e così via.
Fu un periodo molto complesso, che si intreccia con momenti drammatici e con episodi crudeli, quali le scorribande della Banda Koch,  e che ancora non mi sento pronto ad affrontare.
Forse l'anno prossimo, forse mai dato che mi sento inadeguato a trattarne.



Dopo questa lunga introduzione ( e me ne scuso) ne approfitto per partecipare aduna bella iniziativa nata dal blog Sofàsophia e continuata da amici come MikiMoz; Ivano Landi e Ariano Geta, lo faccio con piacere. Lo farò comunque nel solito modo Nocturniano, spero che l'autrice mi perdoni qualche piccola deviazione.
Del resto la invito a passare sul blog per farmi sapere le sue impressioni.

25 INDISCRETE DOMANDE CINEMATOGRAFICHE

1. Il personaggio cinematografico che vorrei essere?

Da bambino avrei amato essere Zorro, oppure un misto di Bud Spencer e Terence Hill, oggi che ho compiuto quasi 47 anni e che di Bud Spencer ho preso solo i chili mi accontenterei di essere un personaggio del gruppo del film Gli Amici del Bar Margherita di Pupi Avati.
O del Bar Sport di Stefano Benni.
Apprezzo molto questi film che non si prendono troppo sul serio.


2. Genere che amo e genere che odio?

Amo molto diversi generi: il cinema horror ( Romero; Carpenter; Craven; la Hammer inglese degli anni 60 ; Mario Bava; Lucio Fulci; Roger Corman); fantascienza, qualche poliziesco, buona parte del cinema italiano dalle origini ai giorni nostri ( le commedie di Totò; Fabbrizi; Macario e Raschel; il primo Salvatores quello del ciclo della fuga; ma anche  Fernando Di Leo) I cartoon Disney (almeno fino a quando c'è stato il 2D) e quelli di Bozzetto (West and Soda, tanto per nominarne uno). Sergio Leone e Tonino Valerii.
Il Fantomas di André Hunnebelle, gli spaghetti western, i film della Troma e così via.
Insomma, credo di avere gusti molto classici.
Quelli che detesto, sono tutti quei film senza anima e costruiti a tavolino giusto per sfruttare la moda del momento o sempre, per rimanere in tema, quelle pellicole che (forse penseranno che gli spettatori sono tutti una manica di decerebrati ) sentono il bisogno di spiegarti tutto.
E non dimentichiamo i Cinepanettoni.....

3. Film in lingua originale o doppiati?

Entrambe le cose.

4. L'ultimo film che ho comprato?

Gli ultimi film che ho comprato quest'anno sono stati nell'ordine: Ant-Man per quanto riguarda i Super Eroi e, grazie alla collana"Dario Argento e i Maestri dell'Horror Italiano", la riedizione del classico "Non si Sevizia un Paperino" di Lucio Fulci.

5. Sono mai andato al cinema da solo?

Solo una volta, nel 1986 . Era appena uscito Il Giorno degli Zombi di George Romero ed io non avevo trovato nessuno che volesse venire a vederlo, allora mi dissi " E chi se ne frega! Ci vado lo stesso da solo al Cinema!".  Era pomeriggio, entrai in un Cinema del centro di Napoli. Ricordo che in sala ci saranno state si e no una ventina di persone oltre al sottoscritto ma io ero felice lo stesso.
Pochi mesi dopo quel Cinema si trasformò in una sala a luci rosse e poco dopo ancora chiuse.
Quella fu l'unica volta che andai da solo, per il resto sono sempre andato con amici o con la mia fidanzata.

6. Cosa ne penso dei Blu-Ray?

Nella mia collezione possiedo film in Dvd, in Vhs ed anche in Blu-Ray.....mi mancano solo i Super 8, sono un nostalgico è vero, ma non fino a questo punto...  :D

7. Che rapporto ho con il 3D?

In linea di massima sono favorevole, l'innovazione tecnologica deve poter andare avanti.
Troppo spesso però il 3 D si trasforma solo in un modo furbetto per nascondere la povertà di idee della sceneggiatura.
Mettiamola così: finché si tratta di cartoni animati va bene, in altri casi ho i miei dubbi.

8. Cosa rende un film uno dei miei preferiti?

Mi deve far commuovere, pensare, incazzare, insomma mi deve far reagire e non anestetizzarmi.

9. Preferisco vedere i film da solo o in compagnia?

Da solo è meglio. Mi sento più libero.

10. Ultimo film che ho visto?

La maratona della Trilogia de Il Padrino, proprio ieri su Paramount Channel.

11. Un film che mi ha fatto riflettere?

Sono tanti, potrei citare tra tanti L'Attimo Fuggente, visto nel momento giusto della mia vita (avevo più o meno la stessa età dei protagonisti della storia. Oppure Mission di Roland Joffé
Oppure, ancora Amadeus di Forman.

12. Un film che mi ha fatto ridere?

Mi trovo d'accordo con Ariano:  Il Mio Grosso Grasso Matrimonio Greco di Joel Zwick.

13. Un film che mi ha fatto piangere?

A rischio di sembrare ripetitivo, non posso non ricordare la scena finale de L'Attimo Fuggente con il professore che va via e gli studenti in piedi sui banchi. Come si fa a non commuoversi?
Io piango come un bambino e non mi vergogno ad ammetterlo.

14. Un film orribile?

Sono troppi per poterli ricordare tutti. Diciamo Alex l'Ariete, ecco l'avevo rimosso....

15. Un film che non ho visto perché mi sono addormentato?

Una ventina di anni fa ero fidanzato con una ragazza polacca, la quale un giorno insistette per farmi vedere un famoso film del suo paese. Lei era tutta orgogliosa ed emozionata ed il sottoscritto non voleva deluderla. Peccato che il film in questione non fosse un film, ma la collezione completa ed integrale del Decalogo di Krysztof Kiéslowski.
Al secondo comandamento stavo già a russare.....

16. Un film che non ho visto perché stavo facendo le "cosacce"?

Ahem...non c'è una domanda di riserva?    :P

17. Il film più lungo che ho visto?

Il Decalogo di Kiéslowski!
Qualche settimana dopo per farmi perdonare da quella mia ragazza, ho fatto un secondo tentativo...però a spizzichi e in più momenti. L'ho visto in più giorni.

18. Il film che mi ha deluso?

Star Wars: La Minaccia Fantasma. Amo la saga di Guerre Stellari, però mi sarei aspettato qualcosa di diverso da quel film. Probabilmente ero io troppo carico di aspettative, ma diciamocelo chiaramente, il personaggio di Jar Jar Binx era francamente ridicolo.

19. Un film che so a memoria?

L'Attimo Fuggente. Sono ripetitivo, lo so....

20. Un film che ho visto al cinema perché mi ci hanno trascinato?

In linea di massima, non è mai capitato. Negli ultimi anni mi è capitato di portare le nostre nipotine a vedere dei cartoni animati e mi sono sempre divertito.

21. Il film più bello tratto da un libro?

Ce ne sono tanti, ne cito due: Il Padrino di Mario Puzo e Sostiene Pereira di Tabucchi con una delle ultime interpretazioni di Macello Mastroianni.

22. Il film più datato che ho visto?

Traffic Crossing Leeds Bridge del 1888 uno dei proto film rimasti attribuiti al pioniere Louis Le Prince.

23. Miglior colonna sonora?

Quelle che i Goblin hanno scritto per i film di Dario Argento, quelle di Morricone per i film di Sergio Leone e quelle che Carpenter ha scritto per i suoi.

24. Migliore saga cinematografica?

La prima Trilogia di Guerre Stellari, i primi due capitoli de Il Padrino; il Batman di Nolan e i due Ghostbusters

25. Miglior remake?

Ancora una volta concordo con Ariano e cito Cape Fear di Martin Scorsese
In ambito fantastico, direi che senza prenderlo troppo sul serio, amo la fracassonaggine del Belfagor di Salomè 
In genere però rifuggo come la peste i remake, li trovo un modo comodo per supplire alla mancanza di idee. 

E con questo è tutto, spero che vi sia piaciuto il post.
Di nuovo Buon 25 Aprile a tutti!

32 commenti:

massimiliano riccardi ha detto...

Il mio meme è più "caciarone", il tuo me lo sono gustato molto attentamente, curioso di trovare indirizzi di gusto fuori dai canoni rispetto allo stile del blog, sono contento di quello che ho letto. Citi, come me, spesso e volentieri Il Padrino, un must. Tutto molto interessante.

Patricia Moll ha detto...

Sì sì..è proprio decisamente contagioso questo meme ahhahahahaha l'ho fatto pure io Nick!
Beh.. guardiamo film diversi Star Wars a parte.
Una volta da ragazzina gli horror erano il mio pane ora non più... diventata troppo delicata ahahahah
Ciao bello

Lady Simmons ha detto...

Anche io ho adorato l'Attimo Fuggente!! :)

Nick Parisi. ha detto...

@ massimiliano riccardi
Non si può non amare " Il Padrino".
Il prmo intendo, non i due seguiti.

Nick Parisi. ha detto...

@ Patricia Moll
Sei sempre in tempo a riconvertirti all' horror.
Ciao cara. ;)

Nick Parisi. ha detto...

@ Lady Simmons
Grandissimo film " L' Attimo Fuggente".

MikiMoz ha detto...

Eheh, sai che io paradossalmente ho recuperato proprio Profondo Rosso grazie a quella collana?
Lo avevo in vhs... mentre gli altri, non tutti ma almeno i capisaldi, li avevo già in dvd^^

Moz-

Nick Parisi. ha detto...

@ MikiMoz
Ti credo, anche io ho recuperato in Dvd un paio di film che non avevo, peccato che la confezione che hanno usato sia veramente miserrima.

Ivano Landi ha detto...

L'abbiam davvero fatto quasi tutti 'sto meme.
Quoto "Non si sevizia un Paperino"... grande film del Fulci delle origini, che apprezzo a differenza del Fulci venuto dopo.

Obsidian M ha detto...

Finalmente qualcuno che si è deciso ad andare al cinema da solo!

Ariano Geta ha detto...

"L'attimo fuggente" che citi più volte è effettivamente un vero capolavoro, condivido in pieno la tua adorazione per questa pellicola.
Riguardo il possibile post sul cinema italiano negli anni della guerra civile, beh, dai, ci hai incuriosito. Noi ci contiamo eh!
;-)

Nick Parisi. ha detto...

@ Ivano Landi
Fulci è uno dei miei registi del terrore preferiti, anche se mi rendo conto di non averne quasi mai parlato finora sul blog. In quanto a "Non si Sevizia un Paperino" ritengo che sia un grande film, molto difficile dato l'argomento ma bellissimo. ;)

Nick Parisi. ha detto...

@ Obsidian Mirror
L'ho fatto solo una volta e sinceramente non credo che oggi come oggi lo rifarei.
Crescendo sono diventato molto meno estroverso.

Nick Parisi. ha detto...

@ Ariano Geta
Credimi è da tanto che sogno di scrivere quel dossier. Ed è da altrettanto tempo che sto raccogliendo dati ed informazioni, ma la materia è vastissima, frastagliata ed in molte cose contraddittoria.
Quindi, ci vorrà tempo, per questo penso che mi ci vorrà almeno un anno prima di parlarne.

Marco Lazzara ha detto...

Paramount Channell è un canale davvero figo!
Alex l'Ariete... ma davvero hai avuto il coraggio di vederlo?
Per quanto riguarda Episode I, fosse solo Jar Jar Binks in problema di quel film. Comunque sarei curioso di sapere come hai trovato Episode VII (me lo sono rivisto in dvd giusto ieri sera).

Nick Parisi. ha detto...

@ Marco Lazzara
Si, ho avuto il coraggio di vedere "Alex l'Ariete" e sto ancora ridendo nonostante siano passati almeno sedici anni e tre fidanzate dopo.....
Tra l'interpretazione (si va beh, chiamarla interpretazione significherebbe fargli un grosso regalo) scadente di Tomba e quella ridicola della Hunziker, la trama che nemmeno Uwe Boll nei suoi giorni peggiori, le battute che al confronto quelle di Zalone sarebbero da Nobel per la letteratura non ti saprei dire cosa sia stato l'aspetto peggiore di quel film.

Episode I è stato una delusione su quasi tutti i fronti, mi ero concentrato solo su Jar Jar sia per non infierire, sia perché indubbiamente era la cosa peggiore uscita da quel film, non a caso dopo tutte le proteste lo stesso Lucas ha deciso di ridurre l'apporto del personaggio nei vari seguiti.
Su Episode VII, ti dirò: mi è sembrato già molto più vicino allo spirito originario di Star Wars, sicuramente molto di più rispetto all'intera seconda trilogia.

Glò ha detto...

L'attimo fuggente è stato un film per me importantissimo: ero al liceo quando uscì e lo rivedevo spesso in vhs con l'amica di allora. Però... ad un certo punto, nonostante sia ancora oggi legatissima a quella pellicola, la mia visione è cambiata. Il professore di filosofia ci chiese se davvero avremo voluto un insegnante come il prof. Keating... e no, sinceramente no, a pensarci bene. Si capisce che non era in discussione il film eh!
Bello che hai partecipato anche tu, Nick ^_^ Qualche risposta la "sapevo" XD ormai un pochino ti conosco!
Ciao e a presto (voglio sapere dell'uomo di Somerton XD)

Nick Parisi. ha detto...

@ Glò
Io invece ero all'Università, al primo anno di corso, figurati era il 1989-1990: carico di sogni e di ideali. Poi arrivavi all'Università e trovavi professori assenteisti, altri che rubavano i libri dalla biblioteca universitaria, altri ancora che non rispettavano le regole. Inoltre erano gli anni in cui ci fu l'ennesima riforma universitaria, quella del Ministro Ruberti che finì per alzare le rette universitari e togliere diritti alle rappresentanze studentesche.
Insomma,quel film arrivò al momento giusto e fu una delle ispirazioni del movimento studentesco del 1990, quello chiamato della "Pantera" a cui partecipai anche io.
logico che io sia particolarmente legato a quel film, ai miei occhi ricorda un periodo molto felice della mia vita (anzi uno dei tre periodi più felici), un epoca in cui realmente credevo che le cose si potessero cambiare. :D

Fumetti di Carta (Orlando Furioso) ha detto...

Mi piace tantissimo leggere tutti i vostri meme sul cinema; col tuo in particolare, Nick, concordo in toto per quanto riguarda la parte iniziale (anche se oggi è già il 26 Aprile e più nessuno parla di Resistenza o Salò o Liberazione...)
Anche se blatero principalmente di fumetti è venuta voglia anche a me di partecipare a questo meme cinematografico... :)

Nick Parisi. ha detto...

@ Fumetti di Carta (Orlando Furioso)
Hai ragione, certi valori dovrebbero essere sempre validi, non certo per un giorno solo. Noi però nel nostro piccolo (io, te e molti altri) per fortuna facciamo in modo che siano sempre presenti.
In quanto ad una tua eventuale partecipazione al meme, io leggerei volentieri il tuo post, anche perché cinema e fumetti sono due generi molto più collegati tra loro di quanto si pensi.
E so che la pensi come me su questa cosa, giusto?

Diego ha detto...

L'attimo fuggente! Al solo ricordo faccio difficoltà a trattenere la lacrimuccia.
E' un film che ho odiato per anni! Ma non per motivi estetici o di gusti personali (anche se Robin Williams non mi è mai piaciuto) ma perché all'epoca ero fresco reduce da una solenne delusione "amorosa" (una scoppola, che non ti dico!) e i miei amici, in buonissima fede, per tirarmi su il morale mi telefonarono dicendomi di schiodare da casa e di andare con loro al cinema. Così non pensi troppo, mi dissero...

Nick Parisi. ha detto...

@ Diego
Con amici del genere non c'è certo bisogno di nemici....;)
"L'Attimo Fuggente" è un grande film ma non è certo adatto ad una persona che vuole tirarsi su di morale....

Anna Massè ha detto...

Che meme carino! Mi trovo in disaccordo però su L'attimo fuggente, non so, ha colpito tutti ma a me non ha preso così tanto (che poi parlo io che mi metto a piangere ogni volta che guardo UP...).
:)

Nick Parisi. ha detto...

@ Anna Massé
Visto? Ognuno ha il suo film "culto", io "L'Attimo Fuggente" e tu "UP" (qualunque cosa sia). Ognuno di noi ha la sua fonte di commozione e di lacrime assicurate! ;)

Anna Massè ha detto...

@Nick meglio non scoprire che si tratta di un cartone animato della pixar... dovresti vederlo anche se non è il tuo genere :)
E dire che i miei cuginetti di 3, 5 e 7 anni non piangono mai quando lo guardiamo insieme D:

Nick Parisi. ha detto...

@ Anna Massé
Beh, a me i cartoni animati piacciono molto, anche quelli della Pixar. UP non lo conosco, ma mi fido del tuo giudizio. Anche se per me la vera Disney è ancora rappresentata dai Topolino in 2D, però UP lo vedrò con piacere. :D

Romina Tamerici ha detto...

Si imparano tante cose sulle persone leggendo questi meme!

Nick Parisi. ha detto...

@ Romina Tamerici
É verissimo, oltretutto sono molto divertenti!

Sofàsophia ha detto...

Ciao Nick, mi sono piaciute molto le tue risposte soprattutto perchè mi hai fatto ricordare del decalogo di Kieslowski, chiamami pure pazza ma io ho una predilezione per questa decalogia!
Ammetto che è più un fattore "emotivo" che di reale apprezzamento perchè è stata una sfida anche per me arrivare indenne a fine visione, però ricordo con piacere il perchè lo avevo visto e soprattutto ricordo che avevo molto apprezzato l'idea di portare su schermo l'infrangimento dei 10 comandamenti.
Mi trovi d'accordo su molti punti a partire dall'apprezzamento per i western, fino ad arrivare alle musiche, passando per la trilogia di Nolan (uno dei registi che apprezzo di più) ma soprattutto per Alex l'Ariete, ancora oggi non ho trovato un film che lo eguagli in "trashitudine".
Alla prossima e grazie per aver partecipato! :)

vanessa varini ha detto...

Ciao "L'attimo fuggente" è un film favoloso! Questo è il link delle mie 25 domande cinematografiche http://gattaracinefila.blogspot.com/2015/10/dopo-aver-aperto-da-poco-questo-blog-di.html! A presto!👋

Nick Parisi. ha detto...

@ Sofàsophia
Ciao Sophia!
Grazie sia per la visita che per aver dato il via a questo bellissimo meme.
Il Decalogo di Kieslowski...quanti ricordi, guarda quel film è legato ad una fase particolare della mia vita, quindi lo ricordo nel bene (un paio di "comandamenti" non erano male, specie quello dedicato a Non Uccidere) ma anche nel male( il fatto di non essere riuscito a finirlo la prima volta ed anche il non trascurabile particolare di essere legato ad una storia d'amore che poi è finita nella maniera peggiore). Però rimane un film importante per la mia educazione di cinefilo.
In quanto ad Alex l'Ariete mi stupisce sempre che le persone coinvolte non si siano rese conto di quale tremenda boiata stessero creando nel momento in cui lo giravano..... ;-)
Grazie ad alla prossima.

Nick Parisi. ha detto...

@ vanessa vanini
Ciao gattara cinefila! Corro a leggere il tuo post.;-)

Ricordando il passato

Ricordando il passato
 
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...