Il Premio UNIA di NoctUrNIA.

I Meme sono uno dei guasti del nuovo secolo, l'ho sempre detto io. LOL
Peggio sono come le patatine al gusto di lime  e pepe rosa: ogni volta dichiari che sarà l'ultima volta e poi puntualmente ci ricaschi.
Ma come si fa a dire no?
Chiunque conosca in rete dichiara di odiarli, di non volerli fare eppure, credetemi, chiunque conosca in rete ci rimane male se non viene nominato almeno una volta.
E io non faccio eccezione.

Tutti noi alla fine ci divertiamo molto nel partecipare a queste cosucce, tutti noi abbiamo il nostro ego solleticato dall'idea di poter parlare del nostro argomento preferito: noi stessi.
Per quanto possiamo negare, per quanto possiamo motivare, alla fine è così.
E io non faccio eccezione.

In più spesso e volentieri, una bella nomina, un nuovo Meme, rappresenta l'occasione di sfuggire alla carenza d'idee per nuovi post, un modo per "vincere facile" , se vogliamo metterla così.
E io non faccio eccezione.

In questo caso,l'occasione è doppiamente ghiotta perché non solo Il Premio UNIA, è dedicato ai libri e alla lettura ma perchè posso vantare ben due nomination: il buon Paolo di VITE DI CARTA e il Gianluca Santini  dell'altrettanto fondamentale NELLA MENTE DI REDRUM.
Ringraziando entrambi per  la rottura di scatole   il pensiero gentile che tanto prima o poi mi vendicherò mi hanno fatto  piacere direi che possiamo cominciare con le domande...
(Sto scherzando boyz! E' sempre un divertimento partecipare a questi giochini, anzi grazie sul serio.)



- Qual è il primo libro che hai letto in assoluto?
Bella domanda! In realtà io ho cominciato da piccolissimo a leggere fumetti di Topolino, Geppo  e tanti altri. Sin da quando ho memoria  mi lasciavano con i giornaletti a guardare le figure così stavo tranquillo. In realtà il primo vero libro che potrei aver letto potrebbe essere il Pinocchio  di Collodi, l'edizione che avevamo era illustrata da Jacovitti ed ogni pagina era una sorpresa, da ogni figura sbucava fuori un rutilante mondo di forme, colori ed invenzioni.  Insomma chi non conosce Jacovitti dovrebbe andarsi a ricercare le sue illustrazioni e i suoi fumetti.
In seguito sono passato ai soliti libri: L'Isola del Tesoro; Verne; Salgari; London e gli altri classici.
Insomma, non vedo l'ora un domani dovessi avere un figlio di potergli far conoscere tutte queste meraviglie.
Magari a lui o a lei non gliene fregherà niente, però questo è un altro discorso...

Hai mai fatto un sogno ispirato a un libro che hai letto? Se sì, racconta.
Veramente no! Non mi è mai capitato. In realtà mi è capitato di sognare singoli personaggi di film o di libri magari mescolati tra loro, per farci capire cose del tipo Cristoforo Colombo che fa rapire Elena di Troia da Robin Hood, il tutto durante una Zombi Outbreak  (gli Zombi ci sono sempre, mi conciliano il sonno...)
Poi la mattina dopo mi sveglio sempre stanco.
E ho sempre voglia di ammazzare Cristoforo Colombo, magari facendolo mangiare dagli Zombi...^    ^

-  Qual è la prima cosa che ti colpisce in un libro? La copertina, la trama o il titolo?
In linea di massima sono due le cose: l'autore e  la copertina, anche se ci sarebbe da dire che le copertine italiane salvo alcune eccezioni come quelle disegnate dai ragazzi di Diramazioni per la XII quelle di Brambilla per Urania e quelle di Alexa Cesaroni per Della Vigna, e pochi altri, le copertine italiane spesso o sono anonime o veramente brutte ultimamente però arrivo in libreria già sapendo quello che vorrei comprare, quindi diciamo che è una combinazione di elementi che mi convince ogni volta a comprare un libro.

Ti è mai capitato di piangere per la morte di un personaggio?
Si, mi è capitato, non ultimamente però ma quando ero più giovane sicuramente si. Di solito piangevo quando a morire era un bambino o un animale, mi è capitato ad esempio per la morte di un personaggio minore (molto minore ) in THE LAST AND SECRET SHOW di Clive Barker, tradotto da noi con l'orrido titolo di APOCALYPSE, che muore mentre cerca di liberare dalle gabbie gli animali rimasti prigionieri nel suo negozio.
Ultimamente mi capita un altra cosa, cioè di empatizzare con un determinato personaggio o con un determinato brano durante la lettura di un libro.
O purtroppo di incazzarmi di brutto rimanere alquanto deluso vedendo quanto è scritto male un determinato libro.
Purtroppo questa è una cosa che capita sempre più spesso ultimamente.

- Qual è il tuo genere preferito?
C'è bisogno di dirlo?
L' Horror e la Fantascienza. Il Fantasy l'ho abbandonato ai tempi del primo SHANNARA, certo datemi LA LEGIONE PERDUTA di Turtledove, datemi l 'Heroric Fantasy alla Howard o alla Leiber e mi fate contento però Elfi, Spade Incantate e roba simil celtica non fa per me.
In realtà leggo di tutto, da Kundera a Banana Yoshimoto però mi piace giocare il ruolo del Nerd senza speranza.
E poi per motivi che spiegherò in un altro post mi piacerebbe riuscire un giorno a creare una collezione che comprenda quanto più possibile tra fumetti, cartoon, libri e film ad argomento fantastico.
Tutti hanno i loro pallini io ho questo in particolare.

- Hai mai incontrato uno scrittore?
Si, mi è capitato. Anni fa ad una Napoli Comicon incontrai Valerio Evangelisti.
A parte questo, a parte gli incontri dal vero, devo dire che grazie al web ne ho conosciuti diversi in rete, ma non credo che sia a questo che si riferiva la domanda.

- Posta un immagine che rappresenta cosa significa per te la lettura.
Vediamo un poco...ecco direi che è questa:


"Naufragar m'è dolce in questo mare..."

 Adesso dovrei nominare altre sette vittime   fortunate persone prescelte, diciamo che la tentazione di rinominare i due che mi hanno taggato sarebbe fortissima giusto per vendetta   divertimento, come pure l'idea di nominare sette volte sempre e solo l'amico Eddy  di DIREZIONE ERRATA così giusto per bastardagine  amicizia. ^___^
Ragazzi, scherzo! Vi stimo fratelli, a tutti e tre ! :)
Ma sarebbe troppo una carognata anche per me, quindi fermo il Meme, non nomino nessuno e lascio la partecipazione libera a chiunque voglia farlo.
E' stato divertente.

20 commenti:

Maxciti ha detto...

Bella l'immagina della copertina. L'avrei scelta se facessi ancora il libraio, ma visto la mia attuale situazione di pocofacente (per denaro, perlomeno) ho scelto un Signor Libro per autoillustrami. E accipicchia, i Topolini io non li avevo mica contati, non è che valgono anche quelli?

Nick Parisi. ha detto...

@ Max.
Sono rimasto in dubbio a lungo se considerarli o meno come libri i Topolino letti da bambino.
Diciamo che per me lo sono, mi hanno insegnato il gusto per la lettura come i Soldino, i Pisellino, i Geppo e i Nonna Abelarda.
Riguardo alla tua situazione, comprendo bene, purtroppo sono anche io un pocofacente.

Narratore ha detto...

Ti avevo promesso che mi sarei vendicato, no?

Scherzi a parte, belle risposte, complimenti. :)

Nick Parisi. ha detto...

@ Narratore.
Non ti preoccupare: a buon rendere! :P
Muahhahhahhhhahhh! :)
Al momento buono, la mia vendetta sarà tremenda. :)

Gianluca Santini ha detto...

Ottimo, ottimo! :)

Sulle cover hai ragione, anche a me - a livello italiano - quelle che hanno colpito di più erano quelle di Diramazioni.

Nick Parisi. ha detto...

@ Gianluca Santini.
Gli editori dovrebbero far lavorare molto di più ai ragazzi di Diramazioni, hanno talento da vendere.
Le loro copertine per XII sono semplicemente sbalorditive.

Romina Tamerici ha detto...

Bel post, Nick! Questi meme sono sempre occasioni preziose per conoscere un po' gli essere umani che stanno dietro lo schermo.

Se solo Freud fosse vivo! I tuoi sogni credo lo affascinerebbero molto... ah ah ah!

angie ha detto...

Sei forte....Nick....e si vede...
Un abbraccio da Angie

Nick Parisi. ha detto...

@ Romina.
Credo che Freud scapperebbe invece, anche Jung mi sa! :)

Nick Parisi. ha detto...

@ Angie.
Grazie. ;)

Melinda ha detto...

Le patatine al gusto di lime e pepe rosa ormai sono una droga per me :P
Anche io credo che il primo libro in assoluto, dopo i vari Topolino, sia stato Pinocchio :D
Belle risposte Nick...e a proposito, nella risposta in cui parli di sogni (sai quanto io ne sia affascinata), ho scoperto che fai dei sogni bellissimi: hai mai pensato di scriverci un post? ;)

Nick Parisi. ha detto...

@ Melinda.
Le patatine al gusto di lime e pepe rosa sono diventate una droga per moltissime persone, compresi me e mia moglie. :P
Riguardo allo scrivere un post sui sogni che faccio, mi sa che mi hai dato un idea.
Grazie. ;)

Melinda ha detto...

Nel caso tu scriva un post simile fammi un fischio, non vorrei proprio perdermelo :D

Nick Parisi. ha detto...

Sarà fatto, cara Melinda ! :)

Ariano Geta ha detto...

Simpatica l'immagine prescelta.
Io invece... (ebbene sì, a breve anch'io posterò le mie sette risposte essendo stato nominato).
P.S.: ma lo odi così tanto Colombo?

Nick Parisi. ha detto...

@ Ariano.
No, in realtà odio solo il Colombo che sogno di notte. ;)

TheObsidianMirror ha detto...

Noooooo ! Mi hai spoilato Apocalypse !!!!!

Nick Parisi. ha detto...

@ Obsidian.
Dai su, si tratta di una scena secondarissima e che oltretutto riguarda una comparsa.;)
Le cose importanti non le ho rivelate. ;)

Eddy M. ha detto...

Guarda... oggi sono a brescia per lavoro e quindi non riesco a fare battutacce... ma stai tranquillo che la Uendetta arriva prima o poi. Eh! Come se arriva

MUUAHAHAHAHAH! Il mondo èèèèèmmmmmiiiooooo!!!

vabbè, ho un pò esagerato, dai :P

Nick Parisi. ha detto...

@ Eddy.
"vabbè, ho un pò esagerato, dai :P"
Giusto un filino. Lol
Brescia ?
Che ci fai a Brescia? :)

Ricordando il passato

Ricordando il passato
 
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...