Accade in Italia #12- Easter Edition

O come si direbbe nell'idioma dantesco "Edizione Pasquale"
Tra pochi giorni sarà infatti Pasqua (AUGURI A TUTTI GENTE!!!!!!!!!!!!) e così ne approfitto per consigliare ancora qualche lettura in occasione dei giorni di ferie che (spero e vi auguro ) voi possiate vivere.
Tanto per mantenere la tradizione della rubrica Accade in Italia anche questa puntata speciale è arricchita da una pregevole illustrazione di Alessia. H.V. del blog Sicilianamente.

"The Gorge"
illustrazione di Alessia.


Cominciamo?



1) "JOSHUA"  DI MASSIMILIANO RICCARDI.

Il primo libro che segnalo è uscito diversi mesi fa, inoltre è stato scritto da un amico, io però dal momento che sono un cafone, all'epoca promisi che ne avrei parlato su Nocturnia, però....
Beh, da allora ne è passata di acqua sotto i ponti.
Oggi, mantengo finalmente quella promessa fatta a novembre 2015 scusandomi per il ritardo.


 Titolo:  Joshua.

Editore: Cinquemarzo

Euro: 10,20
ISBN88-6970-031-3 - EAN9788869700316

Il male esiste. Esistono gli uomini che lo commettono come ci sono coloro che cercano di fermarlo. Ma tutto ciò che è malvagità è davvero definito e facile da riconoscere? Chi agisce nella zona d'ombra commettendo atti miserabili e sempre e soltanto lui a essere un mostro? Forse pensare al singolo atto di cattiveria distrae da quello che è il vero problema. "La fabbrica dei mostri". Esseri spregevoli insospettabili. Con le loro azioni lasciano in eredità un fardello di marciume e squallore che alimenta l'infinita e tragica "catena di montaggio" produttrice di dolore e sofferenza. A causa di una serie di efferati delitti che sconvolgono una tranquilla cittadina di provincia, gli investigatori si troveranno a ripercorrere, ognuno secondo le proprie inclinazioni e livello di sensibilità, il sentiero dell'oscura memoria. Un serial killer spietato e la sua macabra follia, saranno lo spunto per porsi domande fondamentali sulla vita, sull'amore, sull'infanzia rubata e tradita
QUI trovate tutti i link utili.

2) ESCE "ALIA EVO 2.0".

Mi scrive Massimo Citi, un altro grande amico per parlarmi del nuovo numero di ALIA.

ALIA è una parola che non esiste nella lingua italiana.
Solo per il momento, forse.
Ma per un gruppo di persone, autori e lettori, ha un significato ben preciso fin dal 2003, ovvero
dalla data della prima edizione di un'antologia divenuta leggendaria.
Significa fantastico – gotico, steampunk, space opera, distopia, horror, fantastico quotidiano, ghost
story, fantasy, weird – scritto da autori italiani e autori stranieri. Siamo arrivati alla dodicesima
edizione e alla seconda edizione in formato digitale.
Ma questa dodicesima edizione ha una particolarità: è scritta soltanto da autori italiani. Diciassette
autori che hanno deciso di unirsi in un'operazione bizzarra e inattesa nel panorama italiano,
accostando i loro testi e creando un'antologia di cinquecento pagine. Un'antologia virtuale, perché
l'edizione elettronica è una conferma alla nostra visione corale della narrativa.
Siamo fuori moda, lo ammettiamo.
Siamo superati; collaboriamo piuttosto che litigare, leggiamo prima di scrivere, pensiamo prima di
parlare.
Il risultato l'avete davanti a voi: un testo felicemente ricco di sfumature e carico di visioni:
allucinanti, spaventose, remote o malinconiche

ALIA Evo 2.0 è:

Consolata Lanza,
vive e lavora a Torino. Legge, scrive e tiene un blog, Anaconda Anoressica. È molto fiera di avere
partecipato al progetto ALIA fin dall’inizio e di essere collaboratrice di LN-LibriNuovi nonché
pubblicata da CS_libri. Tutte le sue opere, in cartaceo e in digitale, possono essere trovate su
Amazon o presso la casa editrice digitale DuDag. Sempre più spesso i suoi lavori, anche quando
non sono esplicitamente di argomento fantastico, come la maggior parte dei suoi racconti, sfumanonel surreale e, talvolta, nel fiabesco. E questo la dice lunga sul suo rapporto con la realtà.


Eugenio Saguatti,
Nato a Bologna nel 1968, in piena contestazione studentesca. I fumi delle molotov, respirati in
fasce, hanno lasciato il segno.
Per lungo tempo ho tentato di fare la persona normale e a modo, ma ho fallito. Dopo una
imbarazzante serie di insuccessi lavorativi — fabbro, venditore di enciclopedie, elettricista,
tornitore, magazziniere in un atelier di moda (per cinque giorni), giornalista (per tre anni),
pubblicitario, insegnante di grafica — mi sono arreso: sarò scrittore, o morirò nel tentativo.
Ho pubblicato un centinaio di racconti e, nel 2010, il mio primo romanzo. Piuttosto che dare alle
stampe il secondo, l’editore dichiara fallimento. Ricomincio daccapo, di nuovo. Al momento
sbarcatore di lunario professionista, pago i conti con lavoretti da grafico, fotografo, verniciatore di
ringhiere.


Vincent Spasaro,
ha pubblicato il dark thriller paranormale Assedio (Mondadori 2011, ripubblicato nella versione
originale da Anordest a Settembre 2014) e il dark fantasy Il demone sterminatore (Anordest 2013).
È stato tre volte di seguito finalista al Premio Urania e una al Solaria. Ha curato per anni la collana di letteratura weird Fantastico e altri orrori delle Edizioni Il Foglio.

Massimo Citi e Silvia Treves


Danilo Arona,
scrittore, chitarrista e critico cinematografico. Tra le sue pubblicazioni: Melissa Parker e l’incendio perfetto (Dino Audino), Black Magic Woman (Frilli), Palo Mayombe e Cronache di Bassavilla (Flaccovio), L'estate di Montebuio (Gargoyle Books), Ritorno a Bassavilla (Edizioni XII), Malapunta — L’isola dei sogni divoratori (Cut Up), Finis Terrae e Bad Visions (Mondadori), Lacroce sulle labbra (Anordest) in coppia con Edoardo Rosati, Io sono le voci (Anordest), Vento
bastardo (Iris 4), L’autunno di Montebuio (NeroCafè) con Micol Des Gouges, Rock (Edizioni della
sera), Km 98 ancora con Edoardo Rosati (Anordest), Un brivido sulla Schiena del Drago (Larcher)
e Croatoan Blues (NeroCafè).


Maurizio Cometto,
nato a Cuneo il 29.09.1971. Tra i suoi libri pubblicati, il romanzo Il costruttore di biciclette (Il
Foglio 2006), la raccolta L’incrinarsi di una persistenza e altri racconti fantastici (Il Foglio 2008),
e il romanzo per istantanee Cambio di stagione (Il Foglio 2011). Ha pubblicato numerosi racconti in antologie, siti internet e riviste. Laureato in Ingegneria Meccanica, vive a Collegno.

Massimo Citi,
è stato essenzialmente un libraio, episodicamente uno scrittore. In questa veste ha pubblicato
qualche racconto in antologie varie, vinto il premio nazionale Omelas nel 2001 e pubblicato, tra gli
altri, l'antologia In controtempo per CS_libri, il romanzo UKR per DuDag, Luna lontana e
Settembre del ciclo della Corrente presso Amazon.it, Il perdono a dio, Coralinda e La testa tra le
nuvole presso LuLu. Appassionato di fantastico e di fantascienza ha pubblicato i suoi racconti nelle antologie Fata Morgana e ALIA. Questo racconto, come altri precedenti, è ambientato nei mondi
della Corrente.

Fabio Lastrucci,
nato a Napoli nel 1962. Scultore e illustratore, ha lavorato con le principali reti televisive nazionali
e il Teatro lirico nei laboratori Golem Studio e Metaluna. Nel 1987 disegna il fumetto La guerra di
Martìn, su testi di Francesco Silvestri. Come autore teatrale ha scritto lo spettacolo Racconti salati
(con F. Rea e F. Fiori), inoltre ha pubblicato racconti in riviste e antologie edite (tra gli altri) da Il
Foglio Letterario, CS_libri, DelosBooks e Dunwich.
Nel 2012 pubblica il saggio I territori del fantastico con le Edizioni Scudo e nel 2015 il saggio
Fantacomics con Delos Digital. Tra il 2014/15 pubblica con Dunwich edizioni l'horror L'estate
segreta di Babe Hardy, e con Milena Edizioni i romanzi Precariopoli e Il ritorno dell'Arcivento.
Collabora con interviste, recensioni e articoli con le riviste «Delos Science Fiction» e «Rivista
Milena».

Chiara Negrini,
Mantovana di nascita e piacentina d'adozione, ha pubblicato racconti per Delos Books e per
Edizioni Domino, esplorando vari generi: umoristico, fantastico, romance, drammatico.
Nel 2014 esordisce per i tipi di Edizioni Domino con il suo primo romanzo, Il Vampiro della Bassa,
urban-fantasy dal background umoristico che raccoglie l’eredità di un Giovannino Guareschi dai
contorni fantastici; scritto in dialetto mantovano-viadanese e con traduzione italiana a fondo. Il
lavoro le frutta il primo premio al Premio Nazionale Cittadella come miglior urban fantasy italiano.
Attualmente alterna la scrittura al disegno, attività a cui non ha mai rinunciato, e allo studio della
lingua giapponese.

Davide Zampatori,
Nato a Roma, nel 1986, lavora come sistemista in un parco divertimenti. Dal 2011 gestisce il blog
di racconti a puntate Menestrello Itinerante, mentre dal 2012 è uno degli autori di «Rivista
Fralerighe», collaborando nelle rubriche di fantastico. Nel 2014 Timeshifters, storia
precedentemente comparsa su Menestrello Itinerante, viene pubblicata con Lettere Animate Editore.
Il 2015 lo vede tra i fondatori del collettivo di scrittura «Scrittori in corso» di cui è anche curatore.

Consolata Lanza


Vittorio Catani,
pubblica fantascienza dal 1962. Dal 1990 collabora alla pagina culturale della «Gazzetta del
Mezzogiorno» con articoli su nuove tecnologie, futurologia, fantascienza. Ha al suo attivo cinque
romanzi, fra cui Gli universi di Moras (che vinse la prima edizione del Premio Urania Mondadori
nel 1990); Il quinto principio («Urania», 2009, Meridiano Zero, 2015); Per dimenticare Alessia
(romanzo non di “genere”, ed. CS Libri, 2007); inoltre sette volumi di racconti, tre di saggistica.
Collabora a Fantascienza.com, a «Robot», al trimestrale di ecologia online «Villaggio Globale» con racconti di fantascienza su temi ecologici. È stato tradotto in Francia, Germania, Svizzera,
Repubblica Ceca, Ungheria, Finlandia, Brasile, Giappone. Ha vinto 17 volte il Premio Italia per la
fantascienza; alla sua opera sono dedicate alcune tesi di laurea.

Valeria Barbera,
scrive dal 2011. Ha pubblicato un romanzo e racconti in antologie e riviste quali Robot e Writers
Magazine Italia. È stata finalista al Premio Robot e al Premio Francis Marion Crawford.

Paolo S. Cavazza,
Informatico di professione, fotografo per passione, Paolo Cavazza sognava da ragazzo di diventare
un emulo di Arthur C. Clarke. Il sogno è sbiadito nel corso della sua vita professionale, ma la voglia di scrivere è riemersa da quando ha lasciato il suo lavoro ed è, più o meno felicemente, in attesa della pensione. Oltre ad una disordinata collezione di file scritti negli ultimi venticinque anni su sistemi grandi e piccoli, da Windows al mainframe IBM passando per Unix, conserva una pila di dattiloscritti ingialliti e polverosi, che sono ora oggetto di accurate analisi stratigrafiche allo scopo di recuperare le cose migliori, ed eventualmente di riscriverle in una forma aggiornata.

Francesco Troccoli,
autore dei romanzi Ferro Sette(Curcio 2012 e Delos Digital 2016) e Falsi Dei (Curcio 2013 e Delos
Digital 2016), ambientati nel cosiddetto Universo Insonne. L'uscita di un terzo volume è prevista
per aprile di quest’anno. Del 2012 è Domani Forse Mai (Wild Boar), raccolta di racconti a cura
dell'associazione RiLL. Ha curato con Alberto Cola l’antologia Crisis (Della Vigna 2014) ed è
membro della Carboneria Letteraria, con cui ha pubblicato il romanzo collettivo Maiden Voyage
(Homo Scrivens 2014).


Mario Giorgi,
Nato a Bologna nel 1956, è stato co-autore e regista del gruppo comico Trioreno, ha scritto testi per radio e teatro, ha pubblicato Codice (Bollati Boringhieri 1994), Biancaneve (Bollati Boringhieri 1995), Sulla torre antica (Portofranco 1998),23 : 59 (Rai Eri 1999), Torpore (Portofranco 2001), Alter E (Un fagiano) (:duepunti 2010).


Fulvio Gatti,
è un giornalista, project manager e networker torinese, ma di radici monferrine. Ha pubblicato un
saggio su «Star Wars», racconti per svariate antologie, la sceneggiatura per un graphic novel edito
in Italia e Francia, tradotto volumi a fumetti dall'inglese, scritto e coprodotto cortometraggi e videoistituzionali. Ha collaborato con i più importanti eventi nazionali legati al fumetto e organizzato le manifestazioni «Libri in Nizza», «Festival del Paesaggio Agrario», «La notte degli ultracomics» e «Segno Critico» (le ultime due con il gruppo di lavoro Marley&Scrooge). Conduce il programma radiofonico e podcast «Sono solo nuvolette». È vicesindaco di un piccolo, ma meraviglioso, paese del Monferrato Astigiano.

Massimo Soumaré

Massimo Soumaré,
Torino 1968. È scrittore, traduttore, insegnante, saggista e ricercatore indipendente. Ha collaborato con riviste specializzate sulle culture orientali e con riviste di cultura letteraria italiane e giapponesi quali Quaderni Asiatici (Centro di Cultura Italia-Asia «G. Scalise»), Semicerchio (Le Lettere), Studi lovecraftiani (Dagon Press), Komatsu Sakyô Magazine (IO Corporation) e Ronza (Asahi Shinbunsha). Ha inoltre tradotto numerose opere letterarie di scrittori giapponesi moderni econtemporanei. Come autore, suoi racconti sono stati pubblicati in diversi volumi tra cui ALIA
(CS_libri), Igyô korekushon (Kôbunsha), Kizuna: Fiction for Japan (Brent Millis), Onryo, avatar dimorte (Mondadori) e sono stati anche editi in Cina, Giappone e USA.
Tra le sue ultime pubblicazioni, si segnalano il racconto Kareena edito in Robot 76 (Delos Books) e saggi inclusi in Aspects of science fiction since the 1980s: China, Italy, Japan, Korea (Trinity
College Dublin /Nuova Trauben) e nel volume I mondi di Miyazaki-Percorsi filosofici negli
universi dell’artista giapponese (Mimesis Edizioni) a cura di Matteo Boscarol.
Il volume Sekai no SF ga yatte kita!! Nipponkon fairu 2007 (Kadokawa Jimusho) che include due
suoi saggi si è aggiudicato in Giappone il Premio Seiun 2009 nella sezione non-fiction e Il Vampiro della Bassa (Edizioni Domino) di Chiara Negrini, opera di cui è co-autore, ha vinto il Premio Cittadella 2015 nella sezione miglior urban fantasy italiano.
Attualmente, insegna lingua giapponese presso il CentrOriente e la Fondazione Università Popolare di Torino, fa parte del comitato scientifico dell’associazione culturale di Bologna NipPop ed è membro del World Chinese-language Science Fiction Research Workshop.

Silvia Treves,
Scrive quando riesce a liberarsi del suo lavoro (docente di Scienze e Matematica, ma soprattutto
produttore di scartoffie virtuali). Scrive un certo numero di recensioni per LN, frequenta pochissimo i social network e scrive racconti di genere fantastico, spesso di fantascienza, che sono quasi sempre troppo lunghi. Il suo obiettivo è mettere insieme un racconto breve. Ha pubblicato numerosi racconti su Fata Morgana e su ALIA e per CS_libri il romanzo Sarà ieri. Ha vinto il Premio Omelas nel 2001 con il racconto Cielo clemente.

ALIA Evo 2.0
Curatori: Silvia Treves e Massimo Citi
disponibile in formato .mobi, .epub, .pdf e .azw3.
Pagine totali: 510,
€ 5,99
Link per l'acquisto: QUI.


Qualche settimana fa mi ha contattato Mario Pacchiarotti, un collega blogger che è anche autore per presentarmi la sua raccolta di racconti di fantascienza.

Quattordici racconti in totale, alcuni dei quali già pubblicati in varia forma, sia con editori che come indie, altri del tutto inediti. L’ambientazione fantastica viene sfruttata per giocare con le situazioni, spesso ribaltandole, coinvolgendo il lettore nella ricerca di risposte a domande complesse. L’ironia è una nota costante nella maggior parte di queste storie anche se in alcune si abbandona la leggerezza per affrontare temi più impegnativi. Il sorriso allora tende a farsi amaro, nonostante un’eco canzonatoria rimanga comunque percettibile. Tutto gira intorno ai difetti dell’uomo: razzismo, odio, passioni carnali, guerre, avidità e sfruttamento, egocentrismo. Per ogni situazione, per ogni racconto, un piccolo stralcio di fantastico viene creato solo per accogliere una storia, per creare una situazione da raccontare. Porre domande fuori dagli schemi, immaginare situazioni diverse da quelle che affrontiamo tutti i giorni, mettersi nei panni degli altri, sono tutti passi imprescindibile per la ricerca di qualsiasi risposta. Specialmente di quelle che coinvolgono l’animo umano e le sue mille sfaccettature. 

I racconti contenuti nella raccolta: 


Come ai vecchi tempi - Il figlio di Dio torna tra noi per una nuova missione di salvezza. Nasce in una favela brasiliana e conduce una folla oceanica… L’epilogo fornisce spunti di riflessione. 

Teutovirus - Uno scienziato fa una scoperta di grande importanza ma, spinto da un certo razzismo paternalista, decide di utilizzare questa conoscenza per cambiare i “cittadini inferiori”. Le cose non andranno come pianificato. 

Dente per dente - In un futuro inquietante la punizione per i reati contro la persona assume, grazie alla tecnologia, la forma del contrappasso. La realtà quotidiana rende però alquanto difficile considerare questa una forma di giustizia perfetta. 

Cena Vegana - Commesso viaggiatore con la passione per la gastronomia insegue nuovi sapori, esperienze nuove. Avrà forse più di quel che sperava. 

La soluzione - Un manipolo di soldati super specializzati utilizza una nuova arma per sgominare gli avversari definitivamente. Nessuna passione, nessun pentimento nel dare la morte. Ma il sapore della vittoria sarà duraturo? 

La valigia color ciclamino - Una strana valigia viene abbandonata su un aereo di linea. Una bomba? Semplice dimenticanza? Le caratteristiche dello strano bagaglio sono tali da innescare una progressione senza senso. 

Acqua su Marte - Gli uomini finalmente sbarcano su Marte. Sarà quindi svelato il mistero sulla presunta presenza di acqua. La missione avrà un successo inaspettato. 

Macellai - A volte la fede cieca nei propri principi ci porta a tradirli nella sostanza anche se apparentemente li seguiamo alla lettera nella forma. Il conflitto tra vegani e carnivori viene portato in questa piccola distopia alla sua estrema conseguenza. 
La preda perfetta - L’uomo è spesso un predatore nei confronti delle femmine della sua specie. Questa passione può risultare tuttavia piuttosto pericolosa. 

Il cacciatore - Le forze della natura si risvegliano di fronte all’ennesimo affronto dell’uomo. 

Inshallah - Oggi tocca a noi affrontare con l’accoglienza una migrazione di proporzioni bibliche. Chissà che il futuro non ci riservi qualcosa di diverso? 

Paleocoder - Siamo in un futuro dove programmare è un’arte dimenticata e riservata a pochi eletti, i Paleocoder, mentre i lavori più infimi nei data center vengono svolti da subumani appositamente creati. Ironia, sprazzi di futuro e puro gioco narrativo. 

Madre Terra - Viaggiare tra le stelle è possibile, dei portali ci consentono di viaggiare istantaneamente tra i mondi, ma solo se pesiamo meno di quaranta chili. 

La Strada - Un uomo, preso nei suoi pensieri, dimentica di uscire dall’autostrada e si trova imprigionato in un viaggio apparentemente senza fine. 





Mario Pacchiarotti


Link Utile:  QUI.

Link per l'acquisto: QUI.


Di Andrea Micalone ho già parlato in passato, qualche giorno fa mi ha ricontattato per chiedermi se avevo voglia di parlare anche del nuovo capitolo della sua saga fantasy.
Cosa che faccio con molto piacere.

Il Quarto Volume de “Il Tramonto della Luna”.


In un mondo sottomesso dalle menzogne, la pace ormai si regge sul potere dittatoriale della Mente. Tutte le popolazioni del Norrendal si sono inchinate a questo misterioso padrone, convinte che egli sia il salvatore del mondo e il distruttore dei Demoni.
Airalos e i compagni intanto continuano a combattere in segreto. Perseguitati come traditori, sulle loro teste pendono taglie tanto grandi da renderli i maggiori ricercati del continente. Questo però non può fermarli.
Ha inizio così un’ultima, tremenda missione: dovranno scoprire le origini del terrificante nemico per tentare di affrontarlo. Rivelando il suo passato, forse sarà possibile porre fine al suo spaventoso futuro.

In un mondo dal cuore corrotto, l’unica possibilità che rimane è seguire i propri principi morali sino alla morte.



Pagine:190
Genere: fantasy
Serie: Il Tramonto della Luna
ISBN: 9788892559523

Eccovi alcuni link per l'acquisto:
Amazon:http://www.amazon.it/Il-Tramonto-Della-Luna-Diadema-ebook/dp/B01CB8HMK4/ref=sr_1_1?s=digital-text&ie=UTF8&qid=1456657294&sr=1-1 








Ok, anche per oggi è tutto.
Ancora una volta vi auguro una Buona Pasqua!
La solita domanda finale che faccio giusto per curiosità mia, quale tra queste proposte vi incuriosisce di più?

19 commenti:

massimiliano riccardi ha detto...

Ma grande, grazie Nick, grande vetrina la tua. Un miliardo di grazie. Intanto ne approfitto per farti gli auguri di buone feste. Un abbraccio.

cristiana2011 ha detto...

Sei una fonte inesauribile di novità, grazie.
Buona Pasqua e Pasquetta!
Cristiana

Nick Parisi. ha detto...

@ massimiliano riccardi
Te l'avevo promesso, no? Anzi scusami se ci ho messo così tanto tempo!

Nick Parisi. ha detto...

@ cristiana2011
Buona Pasqua e Pasquetta anche a te!
Nick

Patricia Moll ha detto...

Ciao Nick, tantissimi auguri a te e a VEnusia!
Bacio!

Massimo Citi ha detto...

Un grosso ringraziamento. È un po' poco ma ti scrivo col telefono.

Obsidian M ha detto...

I primi due sono già in lista, il terzo ci entra adesso. Mi dispiace per devo per forza impormi dei limiti.

Nick Parisi. ha detto...

@ Patricia Moll
Augurissimi a te e alla tua famiglia cara amica.

Nick Parisi. ha detto...

@ Massimo Citi
I ringraziamenti sono sempre graditi in qualsiasi forma arrivino!

Nick Parisi. ha detto...

@ Obsidian Mirror
Mi rendo conto, nemmeno io riesco a comprare tutto quello che vorrei.

Glò ha detto...

Passo veloce per un saluto pasquale (appena riuscirò leggerò tutto per bene, perché la vetrina - come puoi capire - è interessantissima *__*) Belle segnalazioni!
Buone giornate a te e famiglia, Nick! Auguri a tutti ^_^

Glò ha detto...

E mi sono dimenticata di lasciare saluti e Auguri da parte di Michele e Paolo, ché son già dispersi :D

Nick Parisi. ha detto...

@ Glò
Auguri a tutti e tre! Ci sentiamo con calma al mio ritorno!
:)

Ivano Landi ha detto...

Stavolta voto per "Joshua". E buone ferie altrettanto!

Nick Parisi. ha detto...

@ Ivano Landi
Massimiliano merita davvero tanto.
Buona Pasqua !

Coriolano ha detto...

Auguri Nick, e se ti trascinano a vedere il film sul panda mi raccomando, prendi appunti che poi ce ne parli. ;)

Nick Parisi. ha detto...

@ Coriolano
Quello no, in compenso le mie nipotine mi hanno già obbligato a rivedere Monster University^^
Auguri!

Marco Lazzara ha detto...

In Alia vedo tanti piemontesi/torinesi.
Buona Pasqua, zio Nick! :)

Nick Parisi. ha detto...

@ Marco Lazzara
Si, ci sono molti piemontesi segnalati e questo penso dovrebbe far riflettere un certo piemontese che sai! ;)

Ricordando il passato

Ricordando il passato
 
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...