DEADPOOL (2016)

A quanto pare lentamente sto riuscendo a tornare alla normalità, il mio PC opportunamente "convinto con le cattive" sta riprendendo a funzionare. Ne approfitto così per riprendere il mano il progetto di collaborazione tra blogger creato da me e da  Arne Saknussemm del blog "Cronache di un Sole Lontano"






Il progetto -ricorderete era stato battezzato Pax Fantascientifica e lo scopo era quello quello di promuovere collaborazioni tra persone che condividono l’amore per la fantascienza e amano parlarne sui propri blog, insomma di creare una sorta di "rete" tra blog e siti che si stimano. Con settembre Pax SF entra nella sua seconda fase, allargando anche il giro delle collaborazioni. Anche per questo, per dimostrare una sorta di nuova maturità il progetto di "scambi culturali" è stato ribattezzato Cosmolinea B-Log. 
Stavolta vi propongo quindi una collaborazione tra me e la brava Linda De Santi del blog "Verso l'Infinito a Tappe". Io oggi vi presenterò la mia recensione del film Deadpool uscito al cinema qualche mese fa e Linda vi parlerà di Deadpool inteso come personaggio dei fumetti proponendovi una bella scheda su questo bizzarro anti-eroe. La scheda la trovate QUI.
Fateci sapere cosa ne pensate di questa nuova collaborazione.
E- come sempre- buona lettura!



Wade Wilson è in cerca della sua vendetta.
Ed è lo stesso Wilson -sboccato e chiacchierone come pochi- a svelarne subito i motivi
L'uomo dopo aver lavorato a lungo nelle forze armate adesso -tra molti bassi e pochissimi alti- sopravviveva come può lavorando come mercenario e "riparatorti" a pagamento. L'incontro con Vanessa una ragazza che condivideva la medesima filosofia di vita dell'uomo aveva messo Wilson in condizione di poter vivere l'anno più felice della sua vita.
Fino al momento in cui la notizia di un cancro terminale non aveva sconvolto questo equilibrio.
Per non far soffrire Vanessa, il giovane Wilson aveva deciso di scomparire per sottoporsi alle cure di Francis "Ajax"Freeman, un medico inglese che promette l'esistenza di una miracolosa cura.
Purtroppo però non solo la cura non esiste ma quello che interessa realmente a Francis e alla sua collaboratrice Angel Dust è la creazione di una nuova generazione di mutanti grazie ad esperimenti sempre più dolorosi.
Nel caso di Wade la terapia funziona, l'uomo ottiene una sorta di potere rigenerante ma ad un prezzo troppo alto.
L'uomo si ritrova con l'intera superficie del corpo sfigurata e coperta di cicatrici al punto tale che Wilson ha paura di essere rifiutato da Vanessa mentre Francis ed il resto della sua organizzazione fanno perdere le loro traccie. Wilson che adesso indossa il costume di Deadpool consacra quanto rimane della sua esistenza per ritrovare Francis.
Ma a modo suo e senza smentire il suo peculiare senso dell'umorismo.
Ed il suo ancora più peculiare senso morale.

In molti hanno tentato di liquidare un film come Deadpool in poche parole prima che uscisse.
Ma quelli che ci hanno provato si sono arenati quasi subito immediatamente dopo averlo effettivamente visto.
Dopotutto quando è uscito nel febbraio di questo anno il film girato da Tim Miller si era ritrovato incastrato da una lunga sequenza di Cinecomics che l'avevano preceduto, mentre altri l'avrebbero quasi immediatamente succeduto.
E almeno un paio tra questi si sarebbero dimostrati dei buoni successi al botteghino




E questo dimostra senza ombra di dubbio quanto, nonostante lo sfruttamento intensivo, quello dei Cinecomics sia un filone che continua ad essere appetibile per produttori e filmakers in termini di ritorno economico, per attori in termini di di ritorno di fama e di successo per la carriera ed anche per gli appassionati e gli spettatori non fidelizzati, che salvo pochissime occasioni ( qualcuno ha detto Fantastic 4 di Josh Trank ?) si ritrovano a vedere un prodotto di alta qualità e ad assicurarsi qualche ora di piacevole visione.
Se poi il successo dei film si riversi effettivamente  anche sulle vendite dei fumetti da cui sono tratti, beh questa è tutta un'altra questione.

Però, per tornare a quanto scritto all'inizio di questo post, è anche vero che in questi ultimi anni il numero di pellicole di questo peculiare genere sia cresciuto esponenzialmente fino a sfiorare una sorta di intasamento, principalmente tra pellicole dedicate agli eroi D.C. e  film tratti dalle vicende degli eroi Marvel, e per quanto riguarda quest'ultime lo spezzettamento dei diritti di concessione cinematografica, tra le produzioni "quasi interne" realizzate da Kevin Feige e dai Marvel Studios ( coi vari ThorCaptain America; Iron Man; Avengers; Guardiani della Galassia ed Ant Man) e quelli assegnati  all'inizio degli anni 2000 a figure come Avi Arad e alla 20th Century Fox (come i già ricordati Fantastici Quattro e l'intera saga degli X-Men di cui fa parte lo stesso Deadpool) o alla Sony per quanto riguarda il solo Spider-Man e questo di fatto ha finito per creare la peculiare situazione di tre universi distinti (cinematograficamente parlando) spesso altamente in competizione tra loro ma relativi a personaggi e a serie che a livello editoriale appartengono ad una sola casa editrice.


Inoltre Deadpool -nonostante della sua realizzazione se fosse parlato almeno dal 2004, individuando anche già allora nella figura di Ryan Reynolds il suo attore interprete - con soli 54 milioni di dollari di budget si poteva configurare come un b-movie, una produzione minore. Senza dimenticare un altro piccolo particolare cioè che il personaggio di Wade Wilson \ Deadpool era certamente molto popolare tra i lettori di fumetti sin dalla sua creazione avvenuta nel 1991 per opera di Rob Liefeld e Fabian Nicieza (ma, vi ricordo che del personaggio a fumetti ve ne parla in maniera più compiuta e precisa la mia amica Linda De Santi QUI) era praticamente sconosciuto al mare magnum degli spettatori abituali delle Sale cinematografiche.
Come poteva quindi questo piccolo film riuscire a ritagliarsi il suo spazio? sarebbe stato in grado di farsi notare in mezzo a tanti blockbuster?
Le cronache di febbraio e di marzo i mesi nei quali il film è stato in programmazione, ci hanno fornito la risposta.
Una risposta più che positiva.
Nonostante i divieti per i minori di diciassette anni ( o forse proprio grazie ad essi ) la pellicola solo negli Stati Uniti ha incassato qualcosa come 363 Milioni d dollari risultando una delle più viste del 2016, nel resto del mondo e le cose sono andate anche meglio ed anche la critica in genere ha dimostrato di saper apprezzare il risultato finale


Il merito?
Sicuramente non grazie alla trama.
Il plot scritto da Rhett Reese e Paul Wernick in fondo non aggiunge niente di nuovo alle classiche storie del genere: Deapool è sia un racconto di Supereroi, che la vicenda di un anti-eroe che aspira ad una sorta di redenzione morale, ma è anche la cronaca di una vendetta, ed ovviamente non si fa mancare l'immancabile (scusate il gioco di parole) storia d'amore.
Probabilmente non è nemmeno completamente merito di chi ha diretto il film.
Intendiamoci Tim Miller, qui alla sua prima regia ma che già si era fatto le ossa lavorando per anni nel comparto degli effetti speciali con la sua compagnia dei Blur Studios, dimostra di avere una certa dose di stoffa, dirige bene le scene d'azione, gestisce in maniera discreta il poco budget a disposizione però oltre questo non va. Il suo stile di riprese si rivela ordinario, forse non anonimo ma decisamente impersonale, Miller svolge il suo compitino con equilibrio e diligenza ma senza punte di eccellenza.
Quello che cambia, ciò che rende il film piacevole e degno di essere visto è "il modo" con cui la storia viene raccontata



I dialoghi, le situazioni narrate, i linguaggi impiegati risultano sin dalla prima inquadratura estremamente sarcastici, irriverenti e sopra le righe, di politically correct in questa pellicola ne troverete ben poca; Deadpool anzi non si prende sul serio è un film volutamente fracassone, umorale ed a-morale che in molti momenti si spinge ad irridere l'intero genere dei Cinecomics.
Questa sua scanzonatezza di fondo fa sì che lo spettacolo possa essere apprezzato non solo dagli appassionati ma anche e sopratutto dal pubblico giovane e dalla gran massa degli spettatori che magari non andrebbero a vedere Avengers o non ne gradirebbero l'estrema pomposità. Si respira quasi un'aria da metacinema, con i personaggi che spesso infrangono la quarta parete rivolgendosi direttamente agli spettatori e proprio questo fa dimenticare una sceneggiatura fin troppo scontata e con scarsi se non quasi nulli colpi di scena.
L'ironia decontestualizza la violenza, comunque presente nel film.

Sotto questo aspetto il mattatore assoluto si dimostra proprio Ryan Reynolds nei panni e nel lattice del protagonista, il suo Wade Wilson dà il via ad un vero e proprio show con continue strizzatine d'occhio e battute ai fans. L'attore che ha dovuto aspettare dodici anni per rivestire il ruolo di Deadpool (e che mentre aspettava si è però tolto lo sfizio di interpretare Green Lantern, un altro personaggio dei fumetti, stavolta appartenente alla Distinta Concorrenza, ed anche in chiave più seria ) e che ha talmente creduto nel progetto da volerne diventare uno dei produttori risparmia nessuno ironizzando sul basso budget del film, sulla continuity dei film degli X-Men e perfino sulle scarse capacità attoriali di Ryan Reynolds, per l'appunto.


Un ottima scelta si rivela anche la presenza di Morena Baccarin nel ruolo di Vanessa, la compagna di Wilson, l'attrice brasiliana, procede sempre più a grandi balzi nel trasformarsi in una figura costante in produzioni legate al mondo dei fumetti vista anche la sua recente partecipazione alla serie Gotham (che recensirò a breve), in questo caso specifico la Baccarin crea una ennesima variante alla sua caratterizzazione di donne forti, non stereotipate e sessualmente emancipate, parti per cui l'attrice eccelle alla grande.

Da segnalare anche la partecipazione al film dell'ex lottatrice Gina Carano ( nelle vesti della villain Angel Dust), l'abituale cameo di Stan Lee, stavolta nei panni di un maestro cerimoniere di uno strip club e la presenza della coppia di mutanti Ciclope e Testata Mutante Negasonica, giusto  per far contenti i patiti della continuity e per garantire, sia pure al minimo sindacale, i collegamenti con le altre pellicole del ciclo degli X-Men.
Deadpool si rivela così come un'operazione commercialmente furbetta ma decisamente riuscita e divertente, il Cinema di genere ha sempre avuto bisogno di operazioni come queste, produzioni di  serie B ma onesta e dichiarata, per poter continuare a narrare sogni.
Il non prendersi sul serio inoltre sembra dimostrarsi come la carta vincente, almeno se si vuole affrontare un personaggio apparentemente "minore".


Ma che sia questa la strada giusta per conservare il successo di un genere ormai inflazionato come quello dei cinecomics?
Ne riparleremo.
Eccome se ne riparleremo.

26 commenti:

Ariano Geta ha detto...

Non l'ho visto (ormai vado al cinema sempre con mia figlia, e un divieto ai minori per ora mi costringe a recitare il mio ruolo di padre che assolve ai suoi obblighi bla bla bla).
A questo punto aspetto con curiosità la sua uscita in tv. E magari lo faccio vedere anche a mia figlia :-D

Nick Parisi. ha detto...

@ Ariano Geta
A te potrebbe piacere, per quanto riguarda tua figlia il mio consiglio è quello di farle aspettare qualche anno prima di fargli vedere "Deadpool".
Credimi sulla parola.





Bara Volante ha detto...

Per prima cosa bentornato, spero che tu abbia finalmente avuto la meglio sul PC.
Altrimenti chiamiamo Deadpool a sistemarlo ;-) Il pregio di questo film, oltre al suo folle protagonista e alla guardabile Morena Bacarin è quello di aver dimostrato che un film "Rated-R" è in grado di fare soldoni.
Ci sono tanto fumetti, di super eroi e non solo, che potrebbero sbarcare con successo al cinema, penso solo ad "Hellblazer" se mai John Costantine potesse fumarsi una sigaretta senza urtare la sensibilità americana ;-) Cheers

Diego ha detto...

Ho il dvd da MESI ma non sono ancora riuscito a vederlo, ti rendi conto? E' una tortura!!!
Ps: Bentornato!

Lucius Etruscus ha detto...

Bentornato ;-)
Non amo gli eroi a fumetti e me ne tengo a debita distanza, ma quando ho scoperto Deadopool è stato amore a prima vista: adoro il suo umorismo citazionista e metanarrativo. Per questo ero profondamente scettico sul film: invece mi sono dovuto ricredere, perché riesce a ricreare l'atmosfera cazzona e irriverente del fumetto. Peccato però abbiano tolto le voci nella testa di Wade :-P

Patricia Moll ha detto...

Passo volentieri.
Conosco poco di cinema soprattutto ultimamente, non mi piacciono i fumetti e odio la fantascienza... ops
Mi butto via da sola, Nick ahahahhahahahha

ps con le cattive hai convinto il pc? Si chiamano martello? :)

Nick Parisi. ha detto...

@ Bara Volante
Il Pc pare funzionare anche se ci ho dovuto disinstallare e reinstallare l'ira di Dio, incrociamo le dita...
Riguardo al tuo commento, io ho in Dvd il Constantine con Keanu Reeves, simpatico ma non era il "vero" Constantine e non parlo del colore dei capelli o del fatto che la pellicola fosse ambientata a Los Angeles invece che a Londra. No il fatto che avevano completamente stravolto il personaggio trasformandolo da quel cinico disilluso ed egoista che era nei fumetti ad una sorta di crociato del bene.
Il particolare della sigaretta è indicativo di un "buonismo" forzato ed inutile che al cinema ha fatto fin troppi danni.
E tieni presente che io sono contrario al fumo, so che fa male ma se un personaggio viene descritto come un fumatore incallito, che bisogno c'è di stravolgerlo?

Nick Parisi. ha detto...

@ Diego
Quando puoi vedilo: Deadpool è un film di serie B ma serie B onesta!

Nick Parisi. ha detto...

@ Lucius Etruscus
Deadpool è il classico film tratto da un fumetto che riesce a piacere anche ai non appassionati di fumetti. Ryan Reynolds secondo me ha fatto un lavoro egregio nel rendere il ruolo di Wade Wilson.
P.s
La mancanza delle voci nella testa di Wilson è davvero una delle poche pecche nella pellicola, hai pienamente ragione.

Nick Parisi. ha detto...

@ Patricia Moll
In effetti ho minacciato di usare sia il martello che il trapano ed il pc ha ripreso a funzionare.
LOL

Obsidian M ha detto...

Ennesima ottima iniziativa! Non conoscevo il blog di Linda... vado a curiosare.

Nick Parisi. ha detto...

@ Obsidian M
Il blog di Linda merita, te lo assicuro.

Fabrizio Borgio ha detto...

Ciao @Nick Parisi il film come giustamente sottolinei è onesto e aspettarsi un'opera autorale da un lavoro come Deadpool è sbagliato. Semplicemente. Evita l'ingenuità di una morale e calca sul politically scorrect in coerenza col personaggio

Nick Parisi. ha detto...

@ Fabrizio Borgio
Parole sante, non avrei saputo dirlo meglio! Ce ne vorrebbero di più di prodotti come questo, lo stato di salute di un genere è dato anche dalle produzioni di serie B come questa ed anche il politically scorrect serve.

cristiana2011 ha detto...

Non è il mio genere , ma leggo sempre con interesse tutto ciò che ci proponi.
Aspetto una di quelle storie misteriose e 'maledette'.
Ciao.
Cristiana

Massimo Citi ha detto...

Ottimo lavoro, Nick. Non ho visto il film ma mia figlia sì e me ne ha parlato a lungo. Il tuo commento ricalca abbastanza fedelmente il suo. Il che potrebbe significare che avete torto tutti e due. O magari no. *_* In ogni caso cercherò di vederlo on line. E grazie.

Nick Parisi. ha detto...

@ cristiana2011
E la storia "misteriosa e maledetta" arriverà presto, prometto.

Nick Parisi. ha detto...

@ Massimo Citi
Non credo che sarà completamente il tuo genere come film, però è abbastanza divertente ed in un paio di momenti contiene anche una certa forma di critica al "sistema americano", di conseguenza potrà soddisfare anche i tuoi gusti.

Glò ha detto...

Ho in progetto di vederlo, quindi non aggiungo osservazioni personali alla tua presentazione. Però... da altre fonti mi è stato detto che è "da vedere", considerando scorrettezza e l'essere sopra le righe :D

E bentornato dopo i guai con QuellaCosaCheNonNomino per scaramanzia XD

Babol ha detto...

Finalmente qualcuno che ha tributato il giusto omaggio a Deadpool: ci voleva "solo" la convinzione di un attore che ha messo anima e corpo nel progetto, dopo che il personaggio era stato preso a pesci in faccia con Wolverine: Origins.
Aspetto trepidante un sequel, nel frattempo piango la DC che non ha avuto il coraggio di osare con la Suicide Squad ciò che ha tentato la Marvel con Deadpool.

Nick Parisi. ha detto...

@ Glò
Grazie, non nominiamoquellacosachesenoportamale. XD
Tornando al film,"Deadpool" vale la visione proprio per il suo essere sopra le righe. XD

Nick Parisi. ha detto...

@ Babol
La convinzione di Reynolds è stata una delle cose che hanno permesso che questo film arrivasse al suo completamento, raramente ho visto un artista tanto fedele ad un progetto al punto da aspettare più di dieci anni per la sua realizzazione.
In quanto a Suicide Squad, beh veramente si è trattato di una occasione mancata.

Belushi ha detto...

Mi è piaciuto più di quanto avessi "previsto", anche se, come dici tu, è un film parecchio furbetto e paraculo e il livello di scorrettezza è quasi quello dei bambini che dicono le parolacce e poi si coprono al bocca. Però è molto divertente e Reynolds è, a mio parere, piuttosto bravo. Per me ha retto anche dopo una seconda visione, cosa che non è accaduta con "Guardians of The Galaxy", almeno per quanto mi riguarda. Un grande saluto!!!

Nick Parisi. ha detto...

@ Belushi
Quello della "seconda visione" è il modo migliore per giudicare un film, in questo modo si notano meglio aspetti, pregi e difetti che la prima volta magari erano stati sottovalutati o, peggio, erano completamente sfuggiti alla visione. Che "Deadpool" sia un filmetto furbetto e paraculo, siamo perfettamente d'accordo, anzi un po tutti i film tratti dai fumetti Marvel lo sono, solo che come hai notato giustamente tu, c'è modo e modo di esserlo.
In questo caso Tim Miller e Ryan Reynolds sapevano che non stavano realizzando un capolavoro ma un film d'intrattenimento e almeno sotto questo aspetto non hanno scazzato.
Un grande saluto a te fratello.

Romina Tamerici ha detto...

Non l'ho ancora visto, però mi incuriosisce da tempo... chissà...

Nick Parisi. ha detto...

@ Romina Tamerici
Sinceramente non credo che sia il tuo genere, però il film è divertente, dagli una possibilità e fammi sapere come va a finire. ;)

Ricordando il passato

Ricordando il passato
 
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...