LO STRANO CASO DEL LAGO DI BODOM .Gran Finale!

Le tre parti precedenti sono apparse QUI; QUI e QUI.

"Forse la verità dipende da una passeggiata intorno al lago."
Wallace Stevens

"Gli uomini diventano cattivi e colpevoli perché parlano e agiscono senza figurarsi l’effetto delle loro parole e delle loro azioni. Sono sonnambuli, non malvagi!"
Franz Kafka


Accadono tante cose nel frattempo.
Dubbi e sospetti rappresentano alcuni degli aspetti peggiori dell'animo umano: distruggono famiglie, spezzano amicizie; infrangono sicurezze date come acquisite.
Spesso creano mostri invece di rivelare colpevoli.
Questa storia non fa eccezioni.
C'è però qualcosa che differenzia questa macabra novella finlandese dalle decine di altri casi di cronaca che spesso riempiono le pagine dei giornali scandalistici. La vicenda della Strage del Lago Bodom conserva infatti una sua tetra peculiarità.
Molto spesso si fa fatica a trovare il colpevole.
O una confessione.
Stavolta invece di colpevoli reo confessi sembrano essercene fin troppi.

- UN COLPEVOLE, TANTI COLPEVOLI, TROPPI COLPEVOLI.

C'è il carcerato Pentti Soininen ad esempio Ma di lui abbiamo già parlato prima ed a questo punto della narrazione è già uscito di scena e le sue spoglie umane stanno cominciando ad occupare il perimetro di una tomba nelle vicinanze della prigione dove ha vissuto per anni..
Però ci sono anche due pescatori avvistati nelle acque del lago proprio la notte del 4 giugno del 1960 che, nonostante i vari appelli della polizia, non si presenteranno mai in commissariato.
Capitano tante cose in effetti durante tutti quegli anni.
Non ultimo il fatto che i due pescatori abbiano abbandonato parte della loro attrezzatura senza mai più tornare a riprendersela.
Arriva anche il momento di tornare a parlare di una vecchia conoscenza.

Il chiosco di Karl Valdemar Gyllström
All'interno s'intravede il commerciante.
Karl Valdemar Gyllström ha continuato a vendere bibite, circondato dalla diffidenza dei suoi concittadini ha perseverato nella sua attività di venditore sulle sabbiose sponde di Oittaa.
Ha perseverato anche nel mantenere il suo pessimo carattere e ad avere violenti diverbi con tutti gli avventori del lago di Bodom.
Lui è stato l'uomo che ha venduto le limonate ai quattro campeggiatori, lui è stata la persona che li ha minacciati dopo aver pesantemente litigato con loro (QUI).
E' stato l'ultimo ad averli incontrati prima della tragedia, secondo molti in realtà sarebbe lui l'assassino.
Lo sa la polizia, lo sanno gli abitanti di Espoo, lo sa lo stesso Gyllström.

Gli inquirenti lo interrogano più e più volte ma la testimonianza della moglie salva l'uomo: i due sarebbero stati insieme tutta la notte nella loro casa a decine di chilometri di distanza dal Lago proprio mentre si stavano compiendo gli omicidi.
Rimane qualcosa di malato però dentro l'animo di Karl Gyllström.


Un giorno del 1969 parlando con un suo vicino di casa, uno dei pochi con cui mantiene buoni rapporti qualcosa pare spezzarsi nelle recondite profondità di quell'animo.
Il commerciante parlando con l'amico non solo ammette l'omicidio ma sostiene di aver sepolto alcune delle cose sottratte ai defunti in delle buche scavate all'interno del proprio giardino.
Pochi giorni dopo Karl Valdemar Gyllström viene trovato morto.
Annegato, per la precisione.
Provate ad indovinare dove?
Proprio nelle acque del lago di Bodom. L'ennesima vittima di questa infinita lugubre Storia

Immediatamente dopo la morte del sospettato la situazione cambia ancora: la moglie, anzi a questo punto la neo-vedova, di Gyllström ritratta la sua testimonianza, sosterrà anzi di aver mentito per paura del compagno uomo notoriamente violento e che lo stesso in realtà sarebbe arrivato nella loro casa solo nella tarda mattinata del 5 giugno del 1960. Quindi avrebbe avuto tutto il tempo per compiere la strage.
Si scava nel giardino della famiglia Gyllström esattamente nei punti in cui dovrebbero trovarsi le cose sottratte ai tre morti
Non verrà mai rinvenuto niente. 

 Rimangono dei dubbi, tanti per la verità, per cominciare numerosi tra giornalisti e poliziotti dubitano della veridicità della confessione di Gyllström; inoltre non si riesce a chiarire se il suo sia stato un vero suicidio o se il commerciante sia stato ammazzato da qualcun altro.
Per la maggior parte degli inquirenti il caso risulta ancora aperto.
Da quel momento le lettere (anonime o firmate che siano) scritte dai personaggi più disparati che si auto accusano della strage del lago aumenteranno in maniera esponenziale.
 Aumentano anche leggende e dicerie sul luogo, testimonianze di avvistamenti di fantasmi, di incontri con l'aldilà, di rumori inconcepibili, nessuno dei quali però mai realmente documentato. La località del lago di Bodom acquista così durante tutti gli anni '70s per alcune fasce di amanti dell'occulto una sinistra fama di cui farà fatica a liberarsi.
Non è ancora finita però.
Nel 2003 si fa avanti Jorma Palo, un medico e professore universitario di Helsinki, convinto di conoscere il nome del vero assassino.
Anzi, il medico lo avrebbe anche conosciuto ed addirittura curato.

- UNA SPIA CHIAMATA HANS ASSMANN.

Palo racconta una vicenda decisamente interessante.
Secondo l'anziano medico durante la mattina del 6 giugno del 1960 all'ospedale della capitale finlandese si sarebbe presentata una persona dagli atteggiamenti violenza e dai modi sinistri.
Pur essendo molto giovane in quel 1960 Jorma Palo ricorda molto bene quest'uomo dai capelli chiarissimi e con gli occhi ancora più chiari, vestito da un pigiama nero ricoperto di vistose macchie rosse.
l'identikit dell'assassino di Bodom
fatto dal sopravvissuto Nils Gustafsson
sotto ipnosi
Il ricoverato alterna momenti di estrema aggressività ad istanti in cui sembra sprofondare nella più completa incoscienza. 
Forse è anche ubriaco ma su questo le testimonianze non concordano.
Quando gli vengono domandate le sue generalità, l'uomo risponde di chiamarsi Hans Assmann e di provenire dalla Germania dell'Est.
Sopratutto Hans Assmann non sembra essere in grado di spiegare come si è procurato le sue ferite. 
O forse non vuole farlo.
Hans Assmann
Vi ricorda qualcuno?
 Lo straniero però corrisponde alle prime descrizioni apparse sull'assassino dei tre villeggianti e tanto basta ai medici presenti per insospettirsi e per chiamare la polizia della capitale.
In seguito si scopre che il sunnominato Hans Assmann è un agente della Stasi, il servizio segreto della DDR, che, dopo aver abitato per qualche tempo in Spagna adesso vive a pochi chilometri da Espoo, anzi che la sua abitazione è vicinissima alle rive del lago di Bodom. Emergono altri particolari inquietanti, non ultima la scoperta che nelle vicinanze dei posti dove ha risieduto Assmann si sono sempre verificati dei delitti particolarmente efferati.
Una Spia con l' hobby del serial killer?

Palo parla di una indagine fin troppo frettolosa da parte delle forze dell'ordine, testimonia del loro rifiuto di prendere in carica il maglione insanguinato di Assmann ed anche di una troppo rapida esclusione del tedesco dalla lista dei sospettati.
Gli inquirenti davanti ai medici si sarebbero limitati a dire di aver appurato che Assmann al momento dei delitti ha dimostrato di possedere un alibi di ferro.
Jorma Palo non ha dubbi: quel giorno ad Helsinki per alcune ore la giustizia ha avuto tra le sue mani  il responsabile del triplice omicidio di Bodom Lake ma per, non troppo chiari, motivi di realpolitik ha preferito compiere un atto di depistaggio e di insabbiamento.
A partire dal 2003 un sempre più indignato Palo scriverà più di un libro in cui formulerà le sue accuse contro Hans Assmann
Che nel frattempo però è già tranquillamente morto nel suo letto da anni ( dal 1998, per la precisione) quindi non può smentire e nemmeno difendersi dalle accuse.

A dare manforte alle teorie di di Palo c'è un altro scrittore, un ex alto funzionario di polizia chiamato Matti Paloaro.
Anche Paloaro scrive libri che cercano di ricostruire la verità sulla Strage del 1960, a volte in collaborazione con Palo, a volte da solo.
Quello che conta è che anche Matti Paloaro come Jorma Palo prima di lui è convinto di della colpevolezza di Assmann.
Anzi, l'ex poliziotto si spinge ancora più avanti quando dichiara di aver intervistato l'ex agente segreto nel 1997, e che quest'ultimo in privato gli abbia confessato di essere stato davvero lui il responsabile delle morti di  Anja Tuulikki Mäki ; Maila Irmeli Björklund e di Seppo Antero Boisman


Ancora una volta però mancano prove certe, si tratta di una confessione solo verbale e non risultano altri testimoni o registrazioni a supporto di questa dichiarazione, c'è solo la parola del giornalista e questo non può e non potrà mai bastare a nessuna polizia, a nessun giudice o giuria per poterne stabilire con certezza assoluta la veridicità.
Inoltre, dato non secondario, Assmann non avrebbe nemmeno svelato il motivo per cui avrebbe ucciso tre innocenti adolescenti o cosa lo avrebbe spinto ad agire proprio in quel momento.
Ed infatti la polizia finlandese non tarda a bollare come "false", " poco credibili" e come "estremamente fantasiose" le ricostruzioni dei due scrittori 
La versione ufficiale degli inquirenti di Helsinki è che già nello stesso giorno 6 di giugno del 1960, Hans Assmann fosse riuscito a chiarire la sua posizione: l'uomo si sarebbe trovato invischiato in un triangolo amoroso particolarmente complicato, che le ferite per cui si è dovuto curare gli erano state inflitte da una donna molto gelosa e che la sua iniziale ritrosia davanti alle domande dei medici era dovuta al semplice desiderio di non creare altri problemi alla sua amante.
E di non mettere in crisi il proprio matrimonio.
Non tutti si reputano convinti di questa spiegazione così il nome e la persona di Hans Assmann rimangono tutt'ora implicati nella vicenda.
Una fama sinistra, forse non del tutto meritata, ma che contribuisce ad aggiungere un macabro fascino ad una tragedia già complicata di suo.

Così senza quasi rendercene conto siamo arrivati ai nostri giorni, non tutto è passato invano, la tecnologia e la ricerca scientifica hanno compiuto passi da gigante, al' alba del nuovo millennio le forze dell'ordine di tutte le nazioni hanno a loro disposizione tecniche inesistenti nel 1960, quali l'analisi del Dna.

Abbastanza per poter riaprire molti vecchi casi.
Il primo di questi è proprio il massacro di Bodom
Lo chiede l'opinione pubblica finlandese, lo pretendono i parenti ancora in vita delle giovani vittime.
Così nel marzo del 2004 la polizia di Espoo, d'accordo con il tribunale distrettuale e sulla base di nuove prove compie un arresto importante.
La persona arrestata è Nils Wilhelm Gustafsson.
L'unico superstite della strage.
Nils Gustafsson durante il processo
- ANATOMIA DI UN SOPRAVVISSUTO.
Come per il lago di Bodom sono sorte molte voci anche nei confronti di Gustafsson, la maggior parte di queste leggende metropolitane sostengono che Nils dopo essere scampato alla morte non abbia resistito ai traumi provocatigli dall'aggressione e che sia rapidamente impazzito. Si racconta anche che sia stato ricoverato all'interno di un, non meglio specificato, istituto psichiatrico di massima sicurezza.
Il suo è diventato uno di quei nomi di quelle fiabe che le mamme raccontano ai figliper spaventarli e per non farli uscire di casa.
Niente di più lontano dalla verità.
In realtà Nils Gustafsson  ha trascorso una vita tranquilla ma ritirata, ha lavorato come autista nel trasporto pubblico ed ha sempre fatto di tutto per far dimenticare il suo nome.
Eppure è il primo a non stupirsi quando la procura di Espoo ordina il suo arresto. 
Dopo 44 anni dagli eventi un invecchiato Nils Gustafsson torna sotto i riflettori della cronaca nera.


- IL PROCESSO

Comincia così una difficile fase dibattimentale, come è ovvio la società finlandese si spacca in due, cominciano lunghe diatribe tra colpevolisti ed innocentisti, dopotutto mettere a processo un indiziato per il massacro di Bodom significa mettere a processo buona parte della Storia recente di quella nazione.
Significa anche dover rimettere in discussione tante certezze oramai date per assodate.


La tenda delle vittime utilizzata come prova
durante il processo a Gustafsson
La tesi dell'accusa è semplice:la notte tra il 4 ed il 5 giugno del 1960, il diciottenne Nils Gustafsson avrebbe ucciso i suoi tre compagni Seppo  Boisman; Anja Mäki e Maila Björklund e dopo si sarebbe auto-inflitto alcune ferite per distogliere ogni sospetto dalla sua persona.
Il Movente?
La rabbia e la gelosia.
Rabbia per un rifiuto amoroso, quello della Maila Björklund che avrebbe respinto le avances sessuali e sentimentali di Nils.
Gelosia per aver notato come la stessa ragazza subito dopo aver rifiutato Nils avesse invece accettato senza problemi il corteggiamento dell'amico-rivale Boisman
L' Alcol ingerito in gran quantità ha fatto il resto.

Questo spiegherebbe il perché tra tutti e quattro i ragazzi l'assassino si siamaggiormente accanito proprio sul corpo di Maila Björklund ( frattura del cranio e più di dieci coltellate) mentre invece Gustafsson se la sia cavata con ferite più superficiali (ferite alla testa, al mento e allo stomaco).
Se questo fosse vero la povera Anja Mäki sconterebbe l'unica colpa di essersi trovata -scomoda testimone- al posto sbagliato nel momento sbagliato.
E l'identikit (sia pure fin troppo vago) rilasciato da Nils Gustafsson sotto ipnosi?
Un ulteriore tentativo di depistaggio.

Dal canto suo la difesa controbatte punto su punto.
Le accuse sono deboli, prove nuove non vengono portate.
Certo non aiutano alcuni atteggiamenti dell'imputato, troppe volte davanti alla corte o durante le conferenze stampa organizzate dai suoi legali Nils dirà di non ricordare bene questo o quel particolare (salvo poi contraddirsi in un secondo momento), in un paio di occasioni si lascerà andare a dichiarazioni ambigue e controproducenti ( una volta in risposta ad una domanda di un cronista l'uomo risponderà di essere diventato una persona molto diversa rispetto a quella che er entrata in quella maledetta tenda e che certi errori e certi comportamenti che ha tenuto allora oggi  non li ripeterebbe. Alle orecchie del cronista la dichiarazione suona una sorta di ammissione di colpa ). Gli avvocati difensori però hanno gioco facile nel ripetere che il loro assistito ha davvero perso la memoria e che l'aggressione gli ha provocato gravi danni cerebrali.
Il processo va avanti fino al 4 agosto del 2005.
In aula viene rimontata la tenda utilizzata nel 1960, vengono autorizzate escursioni in loco sul terreno di Bodom, sia l'accusa che la difesa chiamano esperti su esperti ed antiche ferite vengono riaperte.
Finché arriva il momento della sentenza.

- FINE  DEI GIOCHI.

Nonostante le roboanti promesse iniziali l'accusa non riesce ad ottenere niente dal' impiego delle nuove tecnologie, l'analisi del Dna non porta nessuna prova riguardo alla colpevolezza di Gustafsson, anzi sembra escludere alcune delle premesse accusatorie.
In aula poi ci si ricorda delle dichiarazioni di Risto Siren, l'uomo che per primo aveva soccorso Nils ed i suoi tre sfortunati compagni. Siren aveva parlato di una figura che si allontanava dal luogo a gran velocità dal campeggio proprio mentre stavano giungendo i soccorritori.
Per tutti questi motivi il 7 di ottobre, con una sentenza ritenuta "esemplare"dalla stessa corte di giustizia, il tribunale di Espoo assolve con formula piena Nils Wilhelm Gustafsson per non aver commesso il fatto.
La procura decide di non ricorrere in appello e così la sentenza assume immediatamente valore definitivo.
Certo, non tutti accettano di buon grado questo risultato ma agli occhi della legge - e di conseguenza davanti agli occhi di chi scrive le regole e di chi le rispetta- Nils Wilhelm Gustafsson va considerato un uomo innocente.
C'è stato un macabro crimine sulle sabbiose sponde di Oittaa sul lago di Bodom, Finlandia in quel lontano 1960, si è mosso qualcosa di selvaggio tra le canne e gli arbusti di quello specchio d'acqua dolce, quella notte è cominciata una lunga serie di delitti,di sospetti e di morti misteriose che non si è ancora conclusa.
Questa è la cosa di cui siamo certi.
Eppure la mano che ha dato inizio a tutto questo non è ancora stata identificata.
Ed anche questa, seppure poco piacevole, a suo modo è una certezza.

- EPILOGHI.

Dopo l'assoluzione Nils Gustafsson è tornato a condurre la sua vita.
Prima però ha citato per danni morali e materiali lo Stato ed ha provato a citare alcuni media finlandesi per diffamazione, nel primo caso è riuscito ad ottenere un indennizzo di circa 45.000 euro.
Nel secondo caso la sua domanda è stata rigettata.
Comunque la si pensi in proposito, è un dato di fatto che "l'uomo" Nils Gustaffson ha trascorso la sua intera esistenza all'ombra della tragedia di Bodom, qualsiasi idea ci si possa essere fatti è altresì un altro dato di fatto che il suo nome sarà sempre legato a quegli eventi.
Eventi che è come se avessero congelato alcune vite lasciandole là come sospese a rivivere in continuazione gli avvenimenti di 57 anni fa.

Jorma Palo e Matti Paloaro continuano a scrivere libri ed articoli dedicati ai fatti del 1960, libri che i portavoce della polizia continuano a bollare come poco credibili e scandalistici.
Entrambi gli scrittori continuano a puntare il dito contro Hans Assmann, entrambi continuano a ritenere che sia lui il responsabile delle morti di Seppo Boisman e delle due ragazze.

Lo stesso Assmann ormai- anche a causa degli scritti di Matti Paloaro - risulta ormai sospettato di diversi crimini irrisolti in Finlandia, compresa la morte di un ex primo ministro di quel paese avvenuta nel '56 s in circostanze poco chiare.
Una fama post mortem della quale sono sicuro, quell'ex agente della Stasi avrebbe fatto volentieri a meno
 
I Children of Bodom

Forse è  proprio perché la Finlandia è un posto così tranquillo, una delle nazioni più vivibili al mondo, che i suoi abitanti sono rimasti così sconvolti -ed in fondo così legati- a quello che rimane tutt'ora oggi uno degli atti criminali più efferati che siano mai accaduti a quelle latitudini; le ipotesi non si sprecano e ancora oggi esistono seguaci di ognuna delle teorie ( e dei nomi dei possibili colpevoli) tra quelle mostrate finora.

Gli avvenimenti del 1960 hanno profondamente condizionato la cultura popolare di quella piccola nazione: nel 1993 alcuni ragazzi di Espoo hanno fondato un gruppo Death Metal ed hanno deciso di chiamarlo Children of Bodom, gruppo che ha ottenuto un buon successo internazionale.
Le loro canzoni sovente si ispirano ai fatti del 1960 e forse non potrebbe essere altrimenti.
Nel 2016 inoltre è uscito il film horror Lake Bodom, una coproduzione tra Finlandia ed Estonia  che ha già ottenuto alcuni premi internazionali; lo interpretano alcuni giovanissimi attori di talento probabili future star, tra cui la polposetta Mimosa Willamo.
E così è come se fossimo pronti a ricominciare col girotondo di questa nuova saga nordica.

Saga che ha avuto come vera protagonista la location di un minuscolo lago di origine glaciale, con due piccole isole e famoso per le sue rive sabbiose.
Un lago dotato di una sua personalità, di un suo particolarissimo Genius Loci che sembra essersi tranquillizzato parecchio.
Oggi il Lago di Bodom è, quasi del tutto, tornato ad essere quello che era: una tranquilla località turistica per famiglie e per sportivi in cerca di tranquillità; buona parte della sua sinistra fama si è dissolta al vento ed è giusto così.
Rimane ancora il ricordo di una tragedia lontana.
Ed un assassino ancora senza volto.

                                 " Riducete la Storia alla verità e la distruggerete"
                                                                     Voltaire
FINE.


34 commenti:

Alessia H.V. ha detto...

Stava quasi per risolversi come avevo immaginato nel post precedente e chi lo sa, magari la follia umana ha dettato proprio quel corso di eventi. Grandissimo articolo Nick.

Nick Parisi. ha detto...

@Alessia H.V
Grazie!Sono contento che ti sia piaciuto il mio dossier.

Ariano Geta ha detto...

Mamma mia, altro che la vicenda del mostro di Firenze qui da noi. L'orrore e il dubbio dell'irrisolto trovano casa in tutte le latitudini.

cristiana2011 ha detto...

Una storia che mi ha tenuta col fiato sospeso , il cui epilogo lascia l'amaro in bocca.
Mi ha stupito la quantità di colpevoli comparsi in questa atroce vicenda, scritta magistralmente con dovizia di particolari.
Alla prossima!
Cri

Ivano Landi ha detto...

E bravo Nick, un finale che non ha deluso le alte aspettative suscitate dai primi due post!

Massimo Citi ha detto...

Curioso come molti di questi eventi di sangue estremi non trovino una soluzione definitiva e un colpevole indiscutibile. Una storia amara sulla quale cadrà, inevitabilmente, l'oblio. Ben raccontata, comunque, grazie Nick.

Poiana ha detto...

Ciao Nick, trovo credibili entrambe le ipotesi di colpevolezza, ma credo che non si potrà mai sapere con certezza come siano andati i fatti. In ogni caso è una storia interessante, di quelle che si vorrebbe fossero solo frutto della fantasia di qualche scrittore con il gusto del macabro. Purtroppo non è così.
Buona serata zietto :)

Patricia Moll ha detto...

Ciao Nick, complimenti a te per come hai gestito tutta la faccenda anche se mi spiace che non sia stato trovato il colpevole.
Magra consolazione ma almeno certo misteri non sono solo italianoi

Nick Parisi. ha detto...

@ Ariano Geta
Purtroppo non esistono latitudini privilegiate o popolazioni geneticamente migliori rispetto ad altre, certe cose -come hai detto tu - sono uguali ovunque.
E l'animo umano non cambia mai, è lo stesso da sempre.

Nick Parisi. ha detto...

@ cristiana2011
La cosa mi ha stupito davvero molto, in centinaia di altri casi si fa fatica a trovare un reo confesso, stavolta invece ce ne sono stati a decine e tutti hanno più o meno le stesse possibilità di essere davvero l'assassino.

Clementina Daniela Sanguanini ha detto...

Bellissimo finale, Nick! Sei riuscito a tenerci sul filo del rasoio fino all’ultimo.
Conoscevo l’amara e tremenda vicenda per sommi capi, ma ignoravo i singoli dettagli che tu, invece, hai documentato e sistemato l’uno dopo l’altro, con sapienza, restituendoci una narrazione magistrale.

Nick Parisi. ha detto...

@ Ivano Landi
Te l'avevo detto che c'era ancora molto di cui parlare rispetto a questa vicenda!;)
Assieme al Mistero di Passo Dyatlov credo sia una di quelle che mi ha preso di più e penso sia
chiaro il perché.

Nick Parisi. ha detto...

@ Massimo Citi
Se ci fermiamo a pensarci sopra poi scopriamo che ognuno di noi si è fatto precise idee in proposito, solo che la prova materiale e definitiva in casi come questo non si troverà mai.
Troppo tempo è passato, troppe stratificazioni ed eccessivi errori da parte degli inquirenti.

Nick Parisi. ha detto...

@ Poiana
Io una mia idea me la sono fatta in proposito, sono sicuro che sia lo stesso anche per te ed ogni lettore avrà la sua idea\teoria in merito, il problema di casi come questo è che più passa il tempo e più risulta difficile trovare la verità.
Triste ma è così :(

Nick Parisi. ha detto...

@ Patricia Moll
Ti racconto un fatto interessante:personalmente ho sempre considerato la Polizia inglese come una delle migliori del mondo, questo perché la cosa veniva certificata dai maggiori esperti internazionali e dalle classifiche che venivano compilate annualmente. Un paio di anni fa però mi è capitato di leggere una statistica interna di Scotland Yard che diceva che la Polizia inglese in media riesce a risolvere il 50% degli omicidi.
Non so se la statistica sia vera, ma se lo fosse capisci cosa significherebbe?
Che per ogni delitto risolto ce ne sarebbe almeno un altro che rimane impunito, se non di più! E stiamo parlando di una delle polizie migliori al mondo, figuriamoci le altre.
L'animo umano è uguale ovunque, inoltre: rimarrà sempre un lato oscuro dentro molte persone per quanto ci si possa evolvere o civilizzarsi.

Nick Parisi. ha detto...

@ Clementina Daniela Sanguanini
La sfida il più delle volte è proprio questa, riuscire a rendere appetibile la narrazione di queste vicende sia alle persone che non le conoscono (e questo è relativamente possibile) sia a chi già ne ha sentito parlare (molto più difficile). I dettagli poi sono quanto di più difficile da inserire: se ne metti troppi rischi di annoiare, se non ne inserisci per niente diventi superficiale, insomma non invidio gli investigatori che seguono casi come questi o gli storici professionisti, spesso infatti è il singolo dettaglio che fa la differenza.
E ti assicuro che se inserissi davvero tutto i miei post durerebbero 50 puntate e non le solite 2 o 3.
Solo per l'enigma di Passo Dyatlov,sai quante cose ho dovuto lasciar fuori?
Parlo di minuzie, di elementi dubbi o altro però ogni volta che escludo qualcosa mi sembra di non aver fatto la scelta giusta.

Long John Silver ha detto...

Una storia con mille presunti colpevoli ma nessuna certezza definitiva, solo tanto dolore per tutti. Complimenti per il post.

Nick Parisi. ha detto...

@ Long John Silver
IIl dolore è una cosa che non manca mai in vicende come queste: dolore per le vittime, dolore perchè non è stata fatta giustizia e dolore per tutti gli innocenti finiti in mezzo. Credimi ogni volta che comincio un post come questo non so mai cosa debbo aspettarmi ma di sicuro finisco sempre per soffrire come un dannato perché io per primo vorrei un finale diverso.

Cavaliere oscuro del web ha detto...

Ti faccio i miei complimenti per il post ben fatto e molto dettagliato.
Saluti a presto.

Nick Parisi. ha detto...

@ Cavaliere oscuro del web
Grazie e a presto.

Maria Teresa Steri ha detto...

Dio mio, si fatica a credere che tutto questo sia realtà e non una storia partorita dalla fantasia umana. Bisogna dire che la mancanza di un colpevole sicuro lascia molto con l'amaro in bocca e rende le vicende ancora più inquietanti. Quella tenda poi... brrr!
Hai tratteggiato molto bene ogni risvolto, chiaramente c'è tanta documentazione dietro questi post, quindi è inevitabile chiederti: ti sei fatto un'idea tua sui fatti?

vanessa varini ha detto...

Non conoscevo questa storia, fa venire i brividi ed è molto dolorosa soprattutto perché mancano i colpevoli. Complimenti per questi articoli molto interessanti!😊
PS: grazie per avermi nominato tra i nuovi blog che hai conosciuto quest'anno! A presto!👋

Patricia Moll ha detto...

Credo che tutti quanti abbiamo un lato oscuro o negativo. In alcuni è profondo e tenuto ben nascosto che quasi non si nota. In altri invece esplode perchè è molto più superficiale e forte.

Sui casi non risolti... meglio stendere un velo pietoso anche se la rabbia è tanta.
C'è solo da chiedersi una cosa. Melgio un colpevole in libertà o un innocente in prigione?

Cristina M. Cavaliere ha detto...

Mamma mia, che storia complicata! A un certo punto ammetto che mi girava la testa, anche se la tua narrazione è, come sempre chiarissima e puntuale e degna di un reportage giornalistico. A questo punto francamente non so che cosa pensare, in questa gara di possibili colpevoli. Leggevo un'ipotesi con un nuovo sospettato, e pensavo che fosse proprio lui, salvo a veder crollare le mie certezze quando se ne presentava un altro. (L'agente della DDR assomiglia allo sconosciuto ai funerali dei tre di Bodom, ma non è proprio identico, secondo me: lo sconosciuto al funerale ha i lineamenti più spigolosi.)

Nick Parisi. ha detto...

@ Maria Teresa Steri
Si,io una idea me la sono fatta in proposito. Non ne parlo più di tanto perché non sarebbe elegante, però in linea di massima credo che le ipotesi più probabili siano queste:
- La maggior parte di quelli che si sono auto-denunciati del crimine,come Pentti Soininen erano solo dei mitomani.

- Waldemar Gyllstrom tra tutti quanti mi sembra il più probabile come assassino però non credo che abbia fatto tutto da solo.

-Hans Assmann sicuramente aveva qualcosa da nascondere ma trovo difficile credere per quanto si pensi ad una strategia della tensione che i servizi segreti dell'est trovassero politicamente utile ammazzare quattro adolescenti qualunque ed anonimi per destabilizzare una intera nazione.

-Nils Gustafsson non ha raccontato tutto quello che sapeva, non perché fosse colpevole- ricordiamoci che la sentenza del tribunale l'ha assolto, quindi va da ritenersi innocente- ma per il classico senso di colpa del sopravvissuto.

Quindi in sostanza io ritengo che magari dentro la tenda una discussione tra i quattro ragazzi ci sia comunque stata ma che l'assassino più probabile sia stato o Gyllstrom o qualcuno che non è ancora stato identificato.

Nick Parisi. ha detto...

@ vanessa varini
Figurati, ti ho nominata con piacere al Franken-Meme.
Riguardo ai post del Mistero per quest'anno credo di aver terminato, a dicembre magari concluderò il dossier sul giudice Crater ma poi basta per un pochettino.

Nick Parisi. ha detto...

@ Patricia Moll
Beh, i latini che di diritto se ne intendevano sostenevano che erano meglio cento colpevoli liberi che un solo innocente in galera. Voltaire sosteneva una cosa simile ed io sono profondamente d'accordo sia con gli antichi latini che con Voltaire. ;)

Nick Parisi. ha detto...

@ Cristina M. Cavaliere
La vicenda del Lago di Bodom è davvero complicatissima, non fosse così credo che si sarebbe già risolta da tempo.
Hans Assmann somiglia abbastanza allo sconosciuto della foto dei funerali dei tre ragazzi morti ma somiglia ancora di più all'identikit rilasciato da Gustafsson, anche se -ripeto- trovo difficile immaginare un coinvolgimento di fantomatici servizi segreti in un delitto come questo.

Marco Lazzara ha detto...

Non ho potuto leggere le quattro parti singolarmente volta per volta come le hai proposte, però sono riuscite a recuperarle ora e a leggerle tutte insieme stamattina. Che dire? Un caso davvero pazzesco. Mi sembra che il colpevole più probabile, tra i sospettati, potrebbe essere il venditore di bibite. Ma potrebbe essere benissimo un'ulteriore persona che non è emersa nel corso delle indagini.

Nick Parisi. ha detto...

@ Marco Lazzara
Questa vicenda è davvero pazzesca, anche perché ci sono state talmente tante persone che si sono auto accusate dell' omicidio da complicare il lavoro di inquirenti prima e storici poi.
Questo però ha contribuito ad accrescere il fascino macabro dell' enigma di Bodom Lake.

Obsidian M ha detto...

Ero quasi certo che sarebbe finita con un nulla di fatto. D'altra parte non sarebbero spuntati film o metalband se si fosse risolta diversamente. Come al solito complimenti per questo nuovo episodio dei tuoi "Nocturnia Files"... sempre avvincenti!

Nick Parisi. ha detto...

@ Obsidian M
Ti svelo un segreto: avevo deciso di parlare di questo caso perché rispetto agli altri trattati in precedenza era molto meno conosciuto in Italia, dopotutto man mano che vado avanti diventa sempre più difficile trovare nuovi misteri di una certa importanza di cui parlare.
Ciao!

Donata Ginevra ha detto...

E io che pensavo di scrivere dei bei pezzi! Fantastico Nick! Sei un maestro come sempre! Dovro cercare qualcosa di interessante adesso x star al passo! Lol

Nick Parisi. ha detto...

@ Donata Ginevra
Sono sicuro che ne troverai tante di cose da narrare, anzi sono curiosissimo di leggere i tuoi nuovi post.

Ricordando il passato

Ricordando il passato
 
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...