GUARDIANI DELLA GALASSIA (2014)

Il giovane Peter Quill, subito dopo la morte per cancro della madre viene rapito da un gruppo di predoni extraterrestri chiamati Ravagers.
Quill cresce nello Spazio, diventa uno di loro, ma durante una missione quando ruba una misteriosa sfera chiamata Orb attira troppe attenzioni su di sè.
C'è l'estremista Ronan detto il distruttore che gli sguinzaglia dietro la sicaria Gamora, ci sono due bizzarri cacciatori di taglie: l'albero vivente Groot ed il procione geneticamente modificato Rocket Racoon che cercano di catturare il predone.
C'è però anche l'impero dei Nova che vorrebbe impedire a Ronan d'impossessarsi della sfera Orb.
Ma dietro tutto c'è il tiranno Thanos che soffia sulle braci della precaria pace galattica per scatenare un nuovo e più distruttivo conflitto tra le razze e tra i mondi abitati.
I nemici saranno quasi obbligati a trasformarsi in alleati: catturati dall'Impero Nova e condotti in prigione Peter Quill; Gamora; Groot e Rocket Racoon dovranno unire le forze per cercare di scappare prima e sopravvivere poi.
Con loro ci sarà anche un altro prigioniero chiamato Drax il Distruttore che vorrebbe vendicare la morte della sua famiglia perita per mano di Ronan.
Sono nati i Guardiani della Galassia.

Nei mesi scorsi ne hanno parlato un po ovunque.
Quasi sempre in maniera entusiastica.
Per Guardiani della Galassia sono anche stati scomodati progenitori e confronti illustri, in molti ci hanno voluto vedere una sorta di Star Wars aggiornata agli tempi recenti.
Immagine vera ma sicuramente parziale e non certo conclusiva.
Di sicuro Guardiani della Galassia è stato una delle pellicole evento dell'anno che si è appena concluso, ma è anche stata quella su cui i Marvel Studios avevano  maggiormente puntato gli occhi all' interno di quella che loro stessi avevano ribattezzato come "fase due".
 Prendere un gruppo di Supereroi  se non minori sicuramente secondari e renderli protagonisti di un  blockbuster non era sicuramente facile.
Non dico una sfida rischiosa, però sicuramente c'era qualche incognita in più rispetto a personaggi  come gli Avengers o ad Iron Man.

Probabilmente per questo si è voluto dotare il film di diverse anime.

C'è il riferimento già ricordato ad un modo per concepire il Cinema avventuroso e l'epica spaziale che possiamo far risalire proprio a Star Wars, ma che almeno secondo me più che come paragone diretto potremmo considerarlo come esempio, come prototipo a cui guardare, come tipologia di temi a cui ispirarsi, al massimo.

Ed ecco quindi che abbiamo uno scenario intergalattico, Imperi in lotta tra loro, infinite razze aliene che convivono più o meno pacificamente tra loro; Pianeti esotici e per finire un villain, un malvagio con la M maiscola come Ronan l' Accusatore (un  Lee Pace fresco reduce dall'aver interpretato l' Elfo Thranduil nella trilogia de Lo Hobbit ) con la volontà di cancellare intere civiltà, così come non mancano le armi di distruzione di massa talmente potenti da risultare inconcepibili.

C'è anche Peter Quill alias Star- Lord  (  interpretato da  un sorprendente Chris Pratt  ) il classico l'eroe in cerca del suo passato, così come non ovviamente l' eterogeneo gruppo dei buoni, degli anti eroi, anzi degli eroi per caso che si uniscono a lui  con le loro dinamiche interne, i loro conflitti interpersonali che ancora più ovivamente finiranno per trasformarsi in stima e rispetto reciproci.
Insomma, in Guardiani della Galassia vengono proposti tutti temi usuali della più classica fantascienza cinematografica.
Niente di nuovo sotto il sole, niente che non si sia già visto centinaia di altre volte al Cinema.
Quello che cambia in questo caso non è "quello" che viene descritto, "quello" che viene detto, ma è il "come" viene descritto, il "modo" in cui le cose vengono raccontate.
E' in parole povere l'equilibrio generale  di tutte le componenti del film che funziona, l'alternanza dei tempi comici a quelli epici, dai momenti fracassoni  - che pure non mancano - a quelli drammatici.
Guardiani della Galassia è uno di quei, sempre più rari, film in grado di non prendersi sul serio senza però mai scadere nel ridicolo. E dove l'utilizzo di tutti gli stilemi narrativi, non si trasforma nell'ennesimo vuoto videoclip, l'ennesimo frullato modaiolo senza anima ma semmai si riesce a trattare cose già dette centinaia di altre volte, in maniera da farle sembrare nuove e fresche senza nemmeno sminuire il risultato finale.



C' è anche ovviamente il legame con l'universo dei personaggi della Marvel - sia quello originale dei comics editi dalla Casa delle Idee, ma anche quello dei film precedenti - ed infatti ci  sono tutta una serie di riferimenti alle altre pellicole ( in primis lo stesso Avengers con la presenza di Thanos e del suo scagnozzo The Other  ed anche di  Thor: the Dark World con la ricomparsa del Collezionista  interpretato da Benicio del Toro )

Ma bisogna considerare anche un terzo aspetto in questo film.
E non possiamo farlo senza considerare l'importanza dell'influenza del suo regista.

La Marvel ha quasi sempre cercato di affidare la regia delle sue produzioni a cineasti veri, non a semplici shooters ma a gente dotata di una propria sensibilità personale, artisti capaci - pur nel rispetto della continuità stilistica della serie - di lasciare la propria impronta personale al girato ( a parte poche eccezioni come l' anonimo Marc Webb dell' orrido The Amazing Spider- Man 2: Il Potere di Electro); finora gli esempi più lampanti a testimonianza di  questa filosofia erano stati Joss Whedon e Kenneth Branagh ma in questo caso la produzione compie un ulteriore passo in avanti designando come regista di Guardiani della Galassia il talentuoso James Gunn.

Gunn proviene  dal mondo dell' horror, per anni ha infatti lavorato per la Troma Entertainment la piccola casa di produzione cinematografica indipendente specializzata in film dall'alto tasso di gore ed umorismo in veste di sceneggiatore e di regista, suo infatti era la responsabilità per quel piccolo gioiello del trash che fu Tromeo and Juliet in seguito lasciata la Troma, James Gunn ha diretto nel 2006 il  capolavoro  splatter intitolato Slither.
Tutte esperienze che il cineasta mette al servizio di questa produzione
Oltretutto, divertendosi un mondo al farlo.

Il film contiene per questo tutta una serie di citazioni e di rimandi ai precedenti lavori del regista.
Ed anche tutta una serie di guest star e di camei spesso però, facilmente riconoscibili solo agli occhi degli spettatori più esperti.
Dai tempi della Troma proviene ad esempio il cameo del patron di quella casa di produzione Lloyd Kaufman a suo tempo mentore proprio di Gunn ed ancora suo grandissimo amico, mentre da Slither arrivano gli attori Gregg Henry ( compare all'inizio del film nel piccolo ruolo del nonno di Peter Quill ) e Michael Rooker ( nella parte ben più corposa del criminale Yondu il capo dei Ravagers), nonché un minuscolo cameo vocale di Nathan Fillon. pearticolare questo - ovviamente - andato perso col doppiaggio italiano..
Quasi come se il regista sentisse il desiderio di chiudere tutti i conti con il suo passato lavorativo.


Non è solo questo comunque.
Guardiani della Galassia continua la tendenza, esplosa fin dai tempi del Batman nolaniano-  di far interpretare anche piccoli ruoli ad attori conosciuti, o comunque facilmente riconoscibili al punto che risulta difficile poterli citare tutti, tanti che sono.
 Elemento questo che per il cinephile rimane un valore aggiunto.
Non si può non citare comunque, perlomeno la star Glenn Close. Oppure  Karen Gillan la giovane attrice inglese proveniente dal mondo di Doctor Who  ( in quella serie era stata Amy Pond, una delle companion più amate del Dottore) ma qui risulta talmente truccata da risultare quasi irriconoscibile  nel ruolo della malvagia Nebula. Oppure l'altro attore britannico Peter Serafinovicz, uno dei comprimari di lusso di Shaun of  the Dead

Ma, il merito della riuscita del film deve essere riconosciuto in primo luogo al cast principale.
Se del Peter Quill di Chris Pratt abbiamo già detto, vanno sicuramente ricordati anche Zoe Saldana che veste i verdi panni di Gamora, va detto di come ormai l'attrice di origine dominicano-portoricana sia praticamente abituata a recitare sotto pesante make up sin dai tempi di Avatar.
Molto bravo anche il wrestler Dave Bautista, ultimo di una lunga serie di lottatori che cerca di riciclarsi in veste di attore e che in questo caso dimostra anche di saper recitare il minimo indispensabile per non sfigurare.

Sono però i due personaggi resi in motion capture ad aver attirato la maggior parte delle attenzioni: naturalmente sto parlando dell'uomo albero Groot  con la sua unica espressione tormentone "Io sono Groot " (doppiata nell'originale da Vin Diesel)  ed il burbero procione intelligente Rocket Racoon.
I loro battibecchi, la loro complicità forniscono quello che io chiamo l'apporto della filosofia  disneyana alla pellicola, e per filosofia disneiana intendo la descrizione dell'amicizia tra due esseri che si sentono e sanno di essere profondamente diversi da tutti quelli che li circondano e per questo sviluppano una profonda e sincera simbiosi.

La semplicità che si trasforma in visione epica, l'incontro degli stili che riescono a compenetrarsi tra loro, la rielaborazione della più classica space opera aggiornata agli anni duemila, battaglie spaziali, personaggi ed attori indovinati che riescono ad interagire in maniera ottimale tra loro questo è Guardiani della Galassia.
Niente di nuovo sotto il sole.
Ma la cosa più importante è che, almeno in questo caso, tutte queste cose messe assieme funzionano.



Ma funzionano perché dimostrano che si può realizzare un film commerciale senza sacrificare non dico la qualità ma perlomeno una certa coerenza nella realizzazione.
Guardiani della Galassia non sarà certo il nuovo Star Wars, e del resto, come potrebbe?
Però di sicuro, tra tutti i film prodotti ultimamente è forse quello che si avvicina maggiormente a quella filosofia, a quel modo di fare cinema di fantascienza.

20 commenti:

Babol ha detto...

Per la sua natura di cinecomic è un film che fa perfettamente il suo dovere: è avventuroso, zeppo di personaggi ben caratterizzati (per quanto legati ai soliti cliché), è estremamente divertente, ha una colonna sonora favolosa e lascia lo spettatore con la voglia di vederne subito un altro. Promosso in pieno, quindi, anche se spero che in un eventuale prossimo capitolo al buon Gunn venga consentito di sbrigliare maggiormente la sua anima horror/trash!

Nick Parisi. ha detto...

@ Babol
Lo spero anche io, anche se la vedo molto dura.
Anzi, un domani mi piacerebbe pure se Gunn riuscisse a girare un seguito di Slither.
Incrociamo le dita. ;)

AleK ha detto...

Ammetto che nel suo genere è sicuramente uno dei migliori, prova che se si danno da fare dei lavori a dei registi veri si riescono a tirar fuori film veri e non videoclip...

Purtroppo a me quel genere non piace. :p
Quello che non sopporto dell'epica moderna è che... non è epica. E' tutto così patinato, lucido, bello. Tutti i film sembrano girati dentro centri commerciali.
Mancano lo sporco, lo schifo, l'usura e tutto ciò che è sensoriale: il freddo, il caldo, ecc...

La scena (pessima) in cui esce nel vuoto e si toglie la maschera è emblematica di questo nuovo modo di vedere il cinema.

Scene come quella in cui Luke viene sbattuto dentro la pancia di un animale per riscaldarsi, in cui una principessa viene sbranata viva da cucciolio di drago o una ragazza sputa sulle manette per cercare di liberarsi (Il drago del lago di fuoco) in cui si rischia la vita per salvare un lupo caduto nel lago e il freddo ti arriva alle ossa (Ladyhawke) in cui una fuga in carrozza viene messa in pericolo dalla radice di un albero (willow) eppure emoziona di più di un'inseguimento nelle rapide dentro barili schivando frecce di dozzine di orchi... scene così non si vedono più.
E cito film che non considero capolavori... anche se Ladyhawke ha una marcia in più...
Che dire, anche le scenografie di un pessimo (pessimo) film come Krull vecchio di 30 anni, danno la polvere agli scenari de I guardiani della galassia.

Però sì, questo film funziona, funziona perché è stato girato da uno che di cinema ne sa... purtroppo arriva in ritardo sul mio orologio biologico... :)

Pirkaf ha detto...

Io provengo dai guardiani della galassia degli anni '80 di Jim Valentino, gli unici che conoscevo quindi questi personaggi mi erano sconosciuti, soprattutto per il loro background piuttosto scanzonato.
Però devo ammettere di essermi divertito come non mai, ed è una cosa che non accade spesso.
Pellicola molto bella. :-)

Eddy M. ha detto...

L'hai detto cumpà: un film come gli altri ma fondamentalmente diverso. Ed è verissimo!
Divertente al punto giusto e con quel gusto di fare cinema con passione e fantascienza senza prendersi in giro.
E meno male che c'è Gunn, direi ;)
Slither è uno dei migliori horror del primo decennio del 2000 e già da lì lo stile cazzaro di Gunn era evidentissimo.

(ps: vedrai che prima o poi ci sentiamo che devo risolvere delle cose...)

bradipo ha detto...

A me è piaciuto moltissimo,un bel tuffo nella mia adolescenza cinematografica ma non solo...e mi ha divertito da matti...bel pezzo Nick!

Glò ha detto...

L'ho visto! XD La tua recensione è bellissima e concordo su tutti i punti; purtroppo non sono in grado di cogliere i rimandi cui hai accennato, peccato :P
Divertente, ben realizzato, scorre senza essere appesantito da lungaggini di sorta, la cifra dell'ironia fatta sul film stesso rispetto al genere risalta moltissimo e probabilmente è ciò che convince lo spettatore.
Insomma, mi è davvero piaciuto, bestiola e albero su tutto! :D

Massimo Citi ha detto...

Un buon film che, nonostante la mia età e la mia pizzutissima visione della sf, mi ha divertito come un ragazzino. Un paio di scene sono felicemente entrate nel mio immaginario di natura filmica e, sinceramente, non mi dispiacerebbe vederne un seguito. Molto buono il tuo articolo, detto di passata.

Manuela Bonci ha detto...

Questa pellicola l'ho completamente scansata, pur essendo una sostenitrice accanita dei film Marvel. A questo punto tocca rivedere la mia posizione xke' leggendo la tua recensione direi che ho preso un abbaglio. ..

Nick Parisi. ha detto...

@ AleK
La tua è un' opinione che condividono in parecchi. Dopotutto la nostra generazione, quella prima di noi e quella immediatamente successiva alla nostra sono cresciute in epoche in cui a livello cinematografico ed anche letterario circolavano più idee e meno format (ed anche meno remake o reboot).
La nostra fortuna e la nostra maledizione è che noi abbiamo già visto, se non tutto, sicuramente molto. Parecchie delle idee che vengono utilizzate in "Guardiani della Galassia" le abbiamo già viste altre volte, per farti un esempio semplice un paio dei combattimenti o degli scambi di battute che ho visto in quel film a me ricordavano certe scazzottate dei film di Bud Spencer e Terence Hill. Con questo esagero volutamente, non parlo di copie e nemmeno di riciclaggio di idee, dico semplicemente- che oggi si cerca di meno la sperimentazione o la produzione di qualcosa di diverso.
O di nuovo.
Si cerca di andare sul sicuro.
Per questo noi ci entusiasmiamo di meno.

Se ci hai fatto caso, su questo blog ultimamente sto recensendo pochi film moderni, anzi in questo 2015 mi sa che è la prima volta.
Però, in questo caso ci sono alcune cose che mi hanno fatto apprezzare il film.
Innanzitutto, pur non raccontando niente di nuovo, in questo caso c'era una certa cura e non si trattava di un 'accozzaglia di scene messe a caso solo per accontentare gli spettatori più cerebrolesi o le bimbeminkia.
Inoltre al timone c'era un regista dotato di uno stile personale, cazzaro quanto vogliamo, ma personale. Non uno "shooter" qualsiasi, ma un regista che ha cercato di metterci del suo.

In terzo luogo c'era una certa freschezza, pur nella rielaborazione di cose già viste. Per non parlare del fatto, che una volta tanto i tempi comici erano giusti, quelli avventurosi anche.

Con questo non parlo di capolavori, però dico che Guardiani della Galassia è uno di quei rari prodotti che riescono oggi a far passare un paio di ore al cinema facendo divertire la gente di tutte le età.
Un cinecomics certamente , però superiore alla media di quelli che vengono prodotti.
Però, si, Lady Hawke, era di tutt'altra pasta.
Un abbraccio.

Nick Parisi. ha detto...

@ Pirkaf
Una delle scommesse della pellicola era proprio quella di presentare una versione dei Guardians differente rispetto a quelle presenti nel fumetti, specialmente rispetto alla versione anni 80s notevolmente più cupa in confronto alle altre.
In base alle varie reazioni, compresa la tua, sembra che la scommessa sia stata vinta.

Nick Parisi. ha detto...

@ Eddy M.
Risolvi con calma le tue cose, che quando vuoi ci sentiamo. ;)

Nick Parisi. ha detto...

@ bradipo
Siamo in due, anche a me ha ricordato la mia adolescenza cinematografica.
Mi auguro che questo film possa essere il primo di molti altri, sai ultimamente mi ero un po scoraggiato riguardo al cinema di genere, specialmente a quello prodotto dalle major.
E' stato bello potermi ricredere.

Nick Parisi. ha detto...

@ Glò
I siparietti tra Groot e Rocket sono uno dei particolari più gustosi ed indovinati di tutto il film. Pensa che grazie a quei due personaggi sono riuscito a far vedere il film perfino a mia moglie che non ama per niente la fantascienza o i cinecomics....;)

Nick Parisi. ha detto...

@ Massimo Citi
Allora ti darò una buona notizia: un seguito già è stato programmato dalla Marvel e dovrebbe uscire nel corso dei prossimi due anni.
In teoria dovrebbe esservi lo stesso regista al timone, speriamo però che non segua la regole dei sequel e che, di conseguenza, non si riveli deludente come la maggior parte dei capitoli 2.
Incrociamo le dita....

Nick Parisi. ha detto...

@ Manuela Bonci
Io ti consiglierei di vederlo, poi se ti è piaciuto Avengers dovrebbe a maggior ragione piacerti anche Guardiani della Galassia. Inoltre, ci sono un paio di personaggi collegati a quel film all'interno Guardiani.

Rento Portento ha detto...

Non posso che trovarmi d'accordo su te sull'ultima parte. Guardiani della Galassia si avvicina alla filosofia di Star Wars, certo eguagliare le guerre stellari di Lukas è impossibile, ma l'ultimo film della Marvel ci è andato non troppo lontano.
Senza ombra di dubbio il miglior film della Casa delle Idee fino a ora!

Nick Parisi. ha detto...

@ Rento Portento
Tra parentesi una cosa interessante riguarda il fatto che la Disney non solo ha comprato la Marvel ma produrrà anche i nuovi capitoli di Star Wars...
Logico quindi che ci siano similitudini nella filosofia generale.
Potrei aggiungerlo nel post....

Manuela Bonci ha detto...

Ottima dritta allora ;)

Nick Parisi. ha detto...

@ Manuela Bonci
Si fa il possibile ;)

Ricordando il passato

Ricordando il passato
 
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...