PIANETI DELL'IMPOSSIBILE (2010).





Qualche giorno fa ho recensito VENNERO DAL FUTURO l'ultimo dei volumi tradotti della serie YEAR'S BEST SF, tra i commenti Angelo Benuzzi, mi chiedeva (giustamente) lumi su due racconti presenti nel' edizione originale e non tradotti dalla Mondadori.
Dopo un piccolo controllo ho realizzato che i due racconti provenivano da THE SFWA EUROPEAN HALL OF FAME un Antologia curata da James e Kathryn Morrow che la stessa Mondadori aveva tradotto l'inverno scorso, sempre su Millemondi.

Ora quanto prima mi prometto di tornare sull'argomento Urania e sulla sua politica delle traduzioni, vista dal mio piccolo e criticabilissimo ruolo di appassionato e di lettore. Intanto però ,dal momento che è un ottima Antologia, e che raccoglie sedici racconti di Scrittori Europei - razza esistente, ve lo assicuro, ma poco conosciuta nel nostro provincialissimo Stivale- per cominciare recupero THE SFWA EUROPEAN HALL OF FAME pubblicata con il titolo di PIANETI DELL'IMPOSSIBILE.


L'idea di una raccolta del genere venne a James Morrow già nel 2001 durante una partecipazione ad Utopiales, il grande Festival della Fantascienza Internazionale della città Francese di Nantes. Morrow partì dalla convinzione, amara ma vera, che negli Usa non si conoscesse abbastanza la produzione Europea contemporanea, purtroppo per anni il suo tentativo si scontrò proprio contro quello stesso mercato Statunitense, da sempre restio ad aprirsi al resto del Mondo, e solo tempo dopo, grazie al supporto della potente Associazione Science Fiction Writers of America si riuscì ad uscire da questo circolo vizioso: la SFWA fornì il supporto ed il finanziamento iniziale per poter partire con un Antologia che desse perlomeno una infarinatura di base, qualche nome, qualche titolo.
Quindi una piccola avvertenza: non aspettatevi un lavoro sistematico, una catalogazione paese per paese, cosa che del resto sarebbe piaciuta anche a me, ma aspettatevi piuttosto una veloce carrellata con alcuni autori validi, diversi racconti validi, insomma un primo sguardo, una prima lettura e sopratuttto , ancora più importante una selezione di racconti Europei, scelti però sulla base della sensibilità Americana.

Non che questo sia un male, tutt'altro. Però è divertente leggere nei commenti di Morrow e di sua moglie ad esempio "la scoperta" che gli scrittori Sovietici condividevano ad esempio, con quelli Americani l'idea che il progresso scientifico potesse generare un miglioramento della società nel suo complesso. O che la SF in alcuni paesi come la Polonia fosse addirittura favorita dal Regime nella sua fase iniziale.

Sedici racconti: due Francesi, due Russi; due provenienti dalla Danimarca (con mia grossa sorpresa, dato che non immaginavo che in quel paese ci fosse una produzione Science Fiction) e poi un racconto singolo in rappresentanza di: Grecia; Finlandia; Germania; Cecoslovacchia (prima della separazione); Spagna; Portogallo; Polonia; Romania e Italia.

L'Italia viene rappresentata da SEPULTURA di Valerio Evangelisti, tratto dal'Antologia METALLO URLANTE forse uno dei pochi scritti di Evangelisti non dedicati al suo Inquisitore Eymerich. un racconto crudele e "sporco" quanto basta.

Veniamo adesso ai due racconti di questa raccolta esclusi da VENNERO DAL FUTURO:
BABY DOLL della Finlandese Johanna Sinisalo è sicuramente il più borderline del volume, non posso dire che mi sia piaciuto, o che possa essere considerato Fantascienza, sicuramente però è una lucida ed amara apologia su un tema tragicamente attuale: la perdita dell'infanzia causata dal consumismo di una società malata. Mentre più classico è il Danese GEROLD SCHENNA, IL MESSIA scritto da Bernhard Ribbeck, un buon testo ma niente di eccezionale.

La Francia, come dicevo è rappresentata da due racconti: il primo è il bellissimo SEPARAZIONI di Jean-Claude Dunyach.



Ora la Fantascienza dei "Cugini d'Oltralpe" quando è fatta male è grottesca; surreale; pomposa e ridondante, quando è fatta bene...beh, è come quella di Dunyach cioè evocativa, letteraria e commovente. Mentre francamente inutile è TRASFUSIONE della Joelle Wintrebert ,l'altro racconto Francese contenuto nell'Antologia, se proprio posso trovare un merito a questa storia posso dire una cosa, che è breve.

Altri punti di forza sono il Tedesco LE MERAVIGLIE DELL'UNIVERSO scritto da Andreas Ecshbach, che piacerà a tutti gli amanti della Hard Science Fiction Classica; lo Spagnolo IL GIORNO CHE ATTRAVERSAMMO LA TRANSIZIONE che fornisce un occasione di esorcizzare gli anni della dittatura franchista e l'ironico NOTTE AI CONFINI DELL'IMPERO creato dal vero padre della Fantascienza Portoghese Joao Barreiros una satira su come le strade per l'inferno siano sempre lastricate di buone intenzioni.

Due parole sui racconti Russi, se conoscevo già Sergei Lukyanenko (e il suo racconto DESTINY, INC. è abbastanza classico), invece Elena Arsenyeva e il suo IL PIANETA MUTO sono stati una vera e propria rivelazione : provate a pensare alla specie Umana, l'unica dotata di parola e trasportatela in un contesto dove la parola conduce alla sparizione fisica, pensateci, provate ad immaginare di essere voi in questa situazione ed avrete davanti il peggiore degli Inferni.

Sedici racconti, sedici tracce, forse non saranno rappresentative, probabilmente non daranno nemmeno un immagine completa e reale della produzione Fantascientifica dei vari paesi rappresentati, però è consolante sapere che questo nostro mondo contiene ancora più cose di quante ne conoscevamo o che credevamo di conoscere.

14 commenti:

Angelo ha detto...

Prima di tutto grazie, mi hai chiarito le idee su un paio di cosette che mi riservavo di verificare. La Sf europea ha padri illustri in UK, Polonia, Francia e sì, Italia. Appuntato il nome di Eschbach.

Nick ha detto...

Come direbbe il Mana: lieto di essere utile. ;)

marco ha detto...

Penso di averlo in casa, nella cascata di Urania presi in bancarella quella volta che deve essere morto un collezionista ;-)
Tutto sta ritrovarlo...

Nick ha detto...

@ marco.
E sono sicuro che in realtà ce l'hai ben visibile davanti a te. ;)
Anzi magari tu conoscevi già la maggior parte degli Autori ancora prima che i loro racconti fossero tradotti in Italia. ;)

marco ha detto...

Eh, è probabile :)
Ma come ho detto una volta da Iguana le antologie non mi attirano - in un antologia se una storia mi piace ne voglio subito un altra dello stesso autore e magari trovo invece uno che ha stile e temi completamente diversi, se invece non mi piace mi rovina l'impatto complessivo - una no-win situation.
Casomai mi piacciono le raccolte di racconti di uno stesso autore, spesso son meglio dei romanzi...

Nick ha detto...

A questo proposito io sono fermamente convinto che le cose migliori della Science Fiction vadano cercate nei racconti piuttosto che nei Romanzi. I racconti non hanno li obblighi di lunghezza tipici dei Romanzi-fiume attuali.

EDU ha detto...

Ho già letto il racconto di Evangelisti presente nella sua raccolta intitolata "Metallo Urlante" (una sorte di ibrido metal/letteratura horror)e non era male.
Presumo di non aver letto gli altri racconti.
Ottima segnalazione. Approfondirò...

Nick ha detto...

@ Edu.
Ciao paisà, come in tutte le Antologie ci saranno racconti che ti piaceranno ed altri meno, però l'intera raccolta è di gran qualità, non ne resterai deluso vedrai...

cooksappe ha detto...

grazie per tutte le info!

Nick ha detto...

Ciao Cooksappe, sono io che devo ringraziare te per la visita.
Anzi ora passo io da te.

liber@discrivere ha detto...

bella recentia,......ha siccome so' na rompiballe...zio, quinto capoverso...hai ripetuto "Romania" due volte.....e chissà come mai m'è saltata agli occhi proprio quella nazione! x-@

Nick ha detto...

Corretto grazie.
Già chi lo sa perchè ti è saltata proprio la Romania agli occhi? Loool

angie ha detto...

Che dire sei bravissimo se fossi il titolare di un giornale, o un editore, ti assumerei, più di così, non potrei dirti, non esagero...
Ciao Angie Ginev.

Nick ha detto...

Grazie mille, gentilissima come sempre Angie.

Ricordando il passato

Ricordando il passato
 
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...