Concorso SF: idee per la Fantascienza.








Si è sempre definita la Fantascienza come una Letteratura di Idee, il problema è che qui in Italia si è sempre detto che mancavano le idee e in un certo senso mancava la letteratura. E questo non me lo invento io purtroppo è una cosa sostenuta spesso e volentieri da chi invece avrebbe dovuto far diffondere questo genere.
Carlo Fruttero all'epoca della sua gestione di Urania non si fece problemi a dire che in Italia non si sarebbe mai potuta sviluppare una corrente narrativa perchè non sarebbero state immaginabili storie di Dischi Volanti a Lucca .
Quell'affermazione in un certo senso ce la portiamo dietro ancora oggi e sono passati decenni.

Eppure tante cose si sono mosse, scrittori interessanti ne abbiamo avuti, storie buone sono state scritte... anche se ci sono stati numerosi passi falsi, è bene riconoscerlo.
Io però voglio pensare a quanto di buono è stato fatto come la cose migliori dei vari Prosperi; Evangelisti; Gilda Musa e Lanfranco Fabriani.

Ma qualsiasi genere rimane vivo e vitale se sono vive e vitali le spinte dal basso. Cioè dai semplici appassionati




Ecco perchè nonostante abbia deciso di diminuire le segnalazioni per qualche settimana ce n'è una che merita di essere citata.
Mi riferico a QUESTO CONCORSO di Angelo Benuzzi, per una volta non si tratta di scrivere racconti ma di trovare slogan e loghi ideali per la Fantascienza.
Se avete voglia di unirvi a noi c'è tempo fino al 30 Settembre, naturalmente in palio ci sono degli ottimi libri di Fantascienza.

E del resto che diavolo ci sarebbe di sbagliato nell'idea di un Disco Volante a Lucca?

10 commenti:

Angelo ha detto...

Dischi volanti a Lucca? Probabilmente gli farebbero una multa per divieto di parcheggio… battute stupide a parte non c’è nulla di sbagliato se non quella tendenza all’esterofilia d’accatto che tanto spesso ha guastato la scena italiana. Grazie per la segnalazione e il tuo aiuto, qui bisogna guardare avanti e progettare (magari anche sognare, perché no?) qualcosa di diverso.

Nick ha detto...

E vogliamo parlare del fatto di come molti scrittori nostrano fossero costretti a pubblicare sotto pseudonimo: la povera Roberta Rambelli costretta a lavorare come Robert Rambell( sic!) è l'esempio più clamoroso. :(
Bisogna veramente uscire da questo circolo vizioso e respirare aria nuova.

SteamDave ha detto...

Hmmm... l'unica volta che sono stato a Lucca, in effetti, mi mi hanno appioppato una multa per divieto di parcheggio.
Curioso.
Ma se sta bene in tutti gli altri paesi, la fantascienza, perché dovrebbe atrofizzare proprio qui?
Diamoci da fare!

Nick ha detto...

Ahemm! Io l'unica volta che ci sono stato fu per Lucca Comics e ricordo certi prezzi.
Sarà una combinazione? O era lo spirito di Fruttero che aleggiava?

Ferruccio gianola ha detto...

Provo uno slogan:-)

Nick ha detto...

@ Ferru.
Forza, che scommetto ne inventi uno fantastico. :)

liber@discrivere ha detto...

tirata su le maniche, partecipo anche me ;)))
tt bn??

Nick ha detto...

tt bn, tt bn!!

angie ha detto...

Proprio nulla caro Nick, lo sai che sono i miei argomenti preferiti, insieme ai fantasmi ed al paranormale.
Ciao
Angie

Nick ha detto...

@ Angie.
In un certo senso sono anche i miei. ;)

Ricordando il passato

Ricordando il passato
 
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...