LUSITANIA # 2 : TALKING ABOUT SANTOS COSTA.

Dopo i termini a dir poco apocalittici della trilogia sulla Vampira di Barcellona  torno ad affrontare temi più"tranquilli" grazie al Giro d' Europa a Fumetti.
Torno per qualche giorno al mio amato Portogallo assieme ad una delle scoperte a livello personale, più piacevoli che mi sia mai capitato di fare nel mondo dei fumetti.
Sto parlando di Fernando Santos Costa conosciuto più semplicemente come Santos Costa.

Se si va a cercare informazioni su questo disegnatore nato a Lisbona ( Lisboa ) nel 1951  la pagina  che il sito Betedeca Portugal  dedica all' artista recita più o meno così:


Dipendente in pensione del governo ( " chefia de Finanças" nel DGCI *è stato al di fuori di questa mansione, un autore di comic strip e uno  scrittore,ma è stato anche un giornalista, un autore di monografie,  un fumettista e  un illustratore di libri.
In termini di Comics,** ha iniziato nella rivista O Mundo de Aventuras , dove ha pubblicato alcuni brevi estratti  a fumetti tratti dalle opere di Emilio Salgari: "Os Tuaregues"," O Último Tigre"  e "A Formosa Judia", che  gli servono da base per l'adattamento  a fumetti di " Os Piratas do Deserto".*** E 'stato anche l'autore del testo e dei disegni della pagina settimanale a fumetti  che la rivista O Crime ha pubblicato nel corso di ogni settimana per oltre cinque anni. Ha anche firmato 6 album, per lo più dedicati a personaggi ed eventi storici:  Registos CriminaisA Viúva do Enforcado, D. Egas Moniz, o Aio, As Bodas de D. Dinis e Isabel de Aragão em Trancoso, Lendas da Meda e Lendas de Aguiar da Beira. ****



Questa a grandi linee, è la scheda sull'autore.

  Santos Costa nelle sue opere unisce una tendenza tipica a tutto il mondo della BD lusitana e cioè l'attenzione all'elemento storico (principalmente storia locale )  nella realizzazione dei suoi fumetti ad una particolarità tutta sua.
Da un lato infatti Costa col suo immediato ed essenziale tratto da autodidatta si occupa spesso di noir e di giallo (è anche un buon scrittore di questo genere), dall'altro da sempre ha una grande passione per le opere di Emilio Salgari (estremamente popolare nel paese lusitano ) e da sempre cerca di trasporle a fumetti

Una delle sue opere più conosciute nel paese iberico è per l'appunto la graphic novel Os Piratatas do Deserto uscita nel corso del 2012 per i tipi dell'editore ASA (una sorta di Mondadori portoghese) in cui Santos Costa  riesce a realizzare parte del suo vecchio sogno.


Os Piratas do Deserto altro non è infatti che il titolo portoghese del romanzo  I Predoni del Sahara,  un opera scritta dall'autore veronese nel  1903  e facente parte delle  cosiddette Avventure Africane, uno dei tanti cicli  salgariani nati nel corso degli anni.

In quest'opera, nella sua versione a fumetti è palese il rispetto e l'amore che il disegnatore portoghese immette nei personaggi e nella caratterizzazione della atmosfere dell'autore italiano, un' attenzione che accompagna il lettore dalla prima all'ultima pagina.

 Ed è sinceramente un peccato che I Predoni del Sahara, così  come tanti altri romanzi scritti da Salgari, da anni non venga più ristampato in Italia, mentre all'estero continua ad interessare gli appassionati al punto da ottenere anche versioni a fumetti come quella realizzata da Santos Costa.

A breve quindi uscirà una mia intervista con il disegnatore, quando infatti ho lanciato la mia idea di un giro di interviste dedicate a vari disegnatori europei Santos Costa è stato il primo a rendersi disponibile, in più avendo avuto il modo di scambiare diverse mail con lui ho avuto modo di scoprire una persona ancora entusiasta nei confronti della sua attività e della sua passione per la banda desenhada.
Sarà un piacere proporvela.
Lo scopo alla fine è sempre quello di lanciare nuovi ponti, creare nuove collaborazioni ed amicizie.
Vi aspetto per la prossima Intervista Notturna, nel frattempo vi lascio il link del blog di Santos Costa.


* DGCI è un acronimo che sta per "Direção-General dos Impostos" insomma, il corrispondente portoghese del nostro 'ufficio delle imposte e delle tasse.
** Banda Desenhada, come preferiscono indicare il genere in Portogallo.
*** Os Piratas do Deserto  è il titolo portoghese del romanzo italiano " I Predoni del Sahara" scritto dal nostro Emilio Salgari.
**** Ovviamente io ho tradotto col mio portoghese "muy frapo" quindi se qualcuno volesse portare una traduzione migliore della mia è il benvenuto. Ad ogni modo la versione originale si trova sul sito.

8 commenti:

A.H.V. ha detto...

Già amo questo autore!! *_*
I colori sono stupendi ed il tratto pure! Aspetto l'intervista!!

Nick Parisi. ha detto...

@ A.H.V
Grazie davvero!
Cercherò di tradurla il prima possibile.

Ivano Landi ha detto...

Ha un tratto forse più da illustratore di libri per ragazzi che da disegnatore di fumetti...

Nick Parisi. ha detto...

@ Ivano Landi
E infatti lavora molto anche come illustratore.

Glò ha detto...

Ho curiosato i vari link: mi piace moltissimo sia per il tratto che per le atmosfere rese *__*
Attendo l'intervista ^^
E davvero peccato che Salgari sia piuttosto bistrattato qui -_-

Nick Parisi. ha detto...

@ Glò
Verissimo.
Purtroppo - tanto per dirne una- lo stesso romanzo I Predoni del Sahara da noi sono vari decenni che non viene ristampato.
Considera invece che fino alla mia generazione i ragazzi in Italia praticamente ci crescevano con i libri di Salgari, per non parlare poi del Sandokan televisivo con Kabir Bedi...altri tempi temo.

Glò ha detto...

@ Nick: Sandokan lo ho adorato! *__* Ero piccina piccina, possibile che abbia visto repliche in anni successivi alla messa in onda (perché lo ricordo troppo bene, avevo tipo 3-4 anni!), ma mi è rimasto nel cuore!

Nick Parisi. ha detto...

@ Glò
Lo hanno replicato in continuazione ( e fanno bene) quindi probabilmente lo avrai rivisto durante una delle repliche.È uno di quei prodotti televisivi che scalda il cuore ^^
Un abbraccio

Ricordando il passato

Ricordando il passato
 
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...