ANT-MAN (2015)

Quando Scott Lang viene scarcerato dalla prigione, la sua vita è ormai distrutta: la sua ex si è risposata con un poliziotto, il quale  non vorrebbe nemmeno fargli vedere più la figlia. Inoltre Scott fatica a trovare lavoro dal momento che appena scoprono il suo passato di galeotto. Eppure Scott non è un criminale, non è una persona pericolosa; lui semplicemente seguito la sua coscienza restituendo soldi ai legittimi proprietari. Soldi  che la società per la quale lavorava aveva estorto truffando  gli inconsapevoli risparmiatori . L'unica persona che sembra credere ancora in lui è proprio la figlia Cassie ed è per amore di Cassie che Scott accetta l'offerta dell'amico Luis di tentare un furto dentro un'abitazione.
La casa però si dimostra essere quella dell'inventore Hank Pym e all'interno della cassaforte aperta viene rinvenuta solo una strana tuta.  Pym è infatti un'inventore che si è dimesso dallo S.H.I.E.L.D.S ed anche dalla sua vecchia azienda per evitare che la tecnologia delle sue invenzioni potesse essere sfruttata per usi militari.
Quasi subito si scopre che è stato Hank Pym ad osservare e manipolare Scott per farlo diventare il suo erede. L'ex galeotto, grazie alla tuta, scopre di potersi rimpicciolire, di poter parlare con le formiche ed anche di poter conservare la sua forza nonostante le piccole dimensioni.
Ma le cose sono più complicate di quanto Scott possa mai immaginare: ci sono ancora molti che desiderano impossessarsi delle invenzioni di Hank Pym: dall' HYDRA a Darren Cross, l'ex pupillo dell'inventore e suo successore nell'azienda di famiglia.
E a rischiare di pagare più di tutti la scelta di Scott Lang potrebbe essere proprio la sua famiglia.

Interessante destino quello di Ant-Man, sarebbe potuto essere uno dei primi film del Marvel Cinematic Universe, dal momento che le basi del progetto hanno cominciato ad essere poste nel 2006, invece, una combinazione di circostanze ha fatto si che Ant Man si sia trovato ad essere praticamente l'ultimo film della cosiddetta Fase Due. praticamente dopo tutti i vari blockbuster del ciclo ( QUI)



I motivi sono molteplici, cominciando dal fatto che in fondo il personaggio non fosse proprio uno dei più conosciuti tra quelli dei fumetti della Marvel i(pur essendone stato uno dei primi ad essere stato inventato nei primi anni '60s), ed anche che ci fossero stati ben due personaggi a vestire i panni frl' eroe  nel corso del tempo, il primo, l'inventore Henry "Hank" Pym nato nel 1962  era stato  il classico rappresentante di un America che oggi non c'è più: la cosiddetta America dei W.A.S.P ( White Anglo Saxon Protestants), un brutto modo per definire quella che, all'epoca era la classe dominante degli States.
E non è un caso che sia il Dr. Pym che sua moglie Janet Van Dyne portino  cognomi fiamminghi, anche per richiamare quelli di una delle prime etnie europee a sbarcare sulle coste nord americane e cioè quelli di quei coloni olandesi tutt'ora figure dominanti nel New England.
Così come,  non sarà certo voluto ma è freudiano, il particolare che l'identità da superoina di Janet Van Dyne fosse quella di "Vespa", che in americano si dice, per l'appunto, "Wasp"

Mentre invece il secondo character a vestire i panni del personaggio, era stato, per l'appunto il meno granitico e monolito Scott Lang, creato nel 1979. Un ex ladro con figlia minore a carico, diviso a metà tra l'attività in calzamaglia e la quotidianità come balia.
Meno granitico, ma sicuramente in quanto anti eroe, più adatto ai tempi.


Ci sono però anche altri motivi per spiegare una così lunga tempistica nella realizzazione della pellicola..
Come sappiamo, un film ha sempre diversi padri, tante sono le persone che concorrono alla sua realizzazione. Ci sono casi però in cui è più facile notare le varie "mani" che si sono succedute nel percorso della sua realizzazioni.
Ant-Man è, per l'appunto uno di questi casi.
Mi spiego meglio.
Quando nel 2006, il progetto è stato approvato, il regista  incaricato sarebbe dovuto essere l'inglese Edgar Wright. Responsabile, assieme a Simon Pegg, del fenomenale Shaun of the Dead
Wright, convintosi di poter portare la stessa carica ironica ed irriverente del suo film più famoso, si era occupato di tutta la fase della pre- produzione di Ant -Man  e ne era stato anche l'autore delle prime bozze della sceneggiatura assieme a Paul Cornish.  In seguito però, per divergenze con la produzione il bravissimo regista britannico ha dovuto rinunciato all'incarico, sostituito dopo poche settimane dal mestierante Peyton Reed (anche se, a onor del vero, Wright è stato comunque accreditato come sceneggiatore, assieme a Cornish e a Paul Rudd che nel film interpreta anche il protagonista Scott Lang)
Ed il cambio della mano in regia si vede.
Certo, qualcosa della visione wrightiana rimane, soprattutto nelle sequenze in cui compare il terzetto degli amici-complici di Lang, simpatici e cazzoni quanto basta. In particolare numerose tracce di questo "trattamento" restano nel personaggio di Luis (un esplosivo Michael Peña ) che dipinge un criminale di mezza tacca cialtrone, arruffone, incapace, sfigato e finito in prigione per aver rubato due frullatori ma, al contempo frequentatore abituale di degustazioni di vino e mostre d'arte e talmente tenerone da essere pronto a sfornare waffles in continuazione, per sollevare il morale dei suoi "soci")
Sono questi piccoli particolare che mi fanno chiedere che film sarebbe stato Ant- Man se fosse rimasto nelle mani di Edgar Wright.


Però stiamo parlando di un film Marvel ed è normale che un film della Casa delle Idee non possa e non debba svicolare da determinati paletti. Inoltre c'è da ricordare coma il franchise Marvel da anni sia entrato a far parte della proprietà Disney
E Ant- Man è sicuramente tra tutti i film del MCU uno di quelli in cui più forte si sente l'influenza disneyana.
Questo vale principalmente in alcuni toni da commedia, nell'esaltazione dei buoni rapporti familiari, ma anche nel rapporto che si viene a creare tra l'eroe e le formiche.
E nella quasi antropomorfizzazione delle medesime, trattate nella sceneggiatura quasi come fossero simpatici animaletti da compagnia.

Per il resto il film assolve adeguatamente al suo compito: diverte in maniera garbata battendo strade sicure, certo non aspettatevi una gran coerenza scientifica, aspetto questo che è forse l'unica pecca  di tutta la pellicola; intendiamoci, non sto parlando della normale "sospensione dell'incredulità" tipica di questi film (per intenderci quella che ci fa accettare l'idea che un uomo possa volare solo perché dotato di una tuta o che Luke Skywalker possa essere il figlio di Darth Vader ) ma di continue contraddizioni degli elementi della tecnologia fittizia impiegata nel film e di alcuni svarioni nella trama.
In fondo però, Ant-Man riesce a contrastare queste piccole defaillance, grazie ad un piccolo particolare: perché stiamo parlando di un prodotto, che sin dalla prima inquadratura, dalle scene iniziali, non si prende minimamente sul serio; anzi riesce a rispettare praticamente tutti gli stereotipi del genere in maniera gradevole.


L'appassionato Marvel ritroverà quindi il classico cameo di Stan Lee, così come ritroverà i riferimenti ai precedenti film della serie (cronologicamente Ant-Man si colloca dopo The Winter Soldier e Age of Ultron ) con apparizioni di Falcon e Captain America. In più una scelta intelligente compiuta dagli sceneggiatori è quella di far comparire entrambi i characters che, nel corso dei decenni, hanno vestito i panni del Super Eroe; ritroviamo quindi contemporaneamente  Hank Pym, interpretato da un Michael Douglas che svolge adeguatamente il suo compitino e  Scott Lang, gestito da un perfetto e divertente Paul Rudd (aiutato anche dall'ottimo doppiaggio attuato dal bravo Riccardo Niseem Onorato)

Ancora più intelligente la scelta di tenere fuori il personaggio di Janet Van Dyne, assenza che potrà fornire il pretesto per un, già deciso, sequel.


Non bisogna aspettarsi nemmeno grandi novità;  Ant-Man è un racconto sui conflitti, di conflitti familiari e generazionali , come quello tra Hank Pym e sua figlia Hope ( una Evangeline Lilly, brava ma decisamente poco credibile nella  parrucca a caschetto che le hanno fatto mettere in questa occasione). 
O tra modi diversi di essere padri e figli.
E anche questo in fondo è un concetto molto disneyano
Pensiamo ad esempio al confronto tra le figure di Lang e quello del malvagio del film Darren Cross (l'estroverso Corey Stoll, un attore che riesce a risultare simpatico perfino quando interpreta un ruolo da villain). Cross dà in fondo l'ulteriore chiave di lettura della pellicola, gestendo un personaggio certamente malvagio ma in maniera molto edipica, a dimostrazione ancora una volta che non esistono diversi e numerosi tipi di storie da narrare, ma che ne esiste solo una. Una Storia che ci ostiniamo a raccontare sotto centinaia di varianti.
O di confezioni diverse.
La storia è ovviamente quella eterna della Guerra tra Bene e Male, quello che cambia è solo il modo di raccontarla.
E Ant- Man in fondo  ha una buona confezione, dei buoni attori (cito anche il  Bobby Cannavale veterano di tate serie poliziesche, che qui, tanto per cambiare interpreta l'ennesimo poliziotto della sua lunga carriera) ed una certa freschezza, leggerezza ed auto ironia di fondo.
Tutte cose che messe insieme, riescono a divertirci e a raccontarci l'ennesima ripetizione della stessa storia di sempre senza però farcene accorgere.
Anche questa, in fondo, è bravura.

ADDENDUM ALTRE RECENSIONI:

Per chi avesse voglia di leggere altre opinioni sul film, vi segnalo alcuni pareri di altri blogger, in fondo internet dovrebbe essere diffusione e condivisione, quindi faccio ben volentieri la mia parte:

-LA RECENSIONE DI GLAUCO.

-LA RECENSIONE DEL DOC. MANHATTAN

- LA RECENSIONE DI PISCU.

- LA RECENSIONE DI BABOL.

-LA RECENSIONE DI CASSIDY.

E se volete farne inserire altri (magari il vostro) segnalatemelo pure.

22 commenti:

Bara Volante ha detto...

Se Edgar Wright fosse rimasto a bordo sarebbe stato una bomba, ma anche così mi sono divertito, mi fa piacere che ti sia piaciuto ;-) lo trovi commentato anche dalle mie parti, Cheers!

Nick Parisi. ha detto...

@ Bara volante
Allora inserisco anche il tuo post, magari lo avrò anche commentato, che ci vuoi fare, ho una pessima memoria! ;)

Babol ha detto...

Grazie del link, molto gentile :)

Purtroppo non sapremo mai come sarebbe potuto essere l'Ant-Man di Wright, sicuramente una roba epica... ma, anche se in piccolo (letteralmente), anche questa versione mi è piaciuta. Basta prenderla per quello che è!

Nick Parisi. ha detto...

@ Babol
Il link l'ho messo volentieri, è giusto che il lavoro dei blogger bravi sia diffuso e letto. E anche i loro nomi. :)

Si anche io ho apprezzato il film, basta prenderlo per quello che è! Un film divertente e per famiglie. ;)

Salomon Xeno ha detto...

Io mi sono divertito, ma è sotto molti aspetti più un film Disney per famiglie rispetto ad altri. Ma lo stesso ho pensato quando hanno iniziato a inserire dei bambini negli script, come nel caso di Iron Man 3. Qui almeno non c'è la solita dinamica dell'adulto che cresce grazie a un bambino o quello in cui ne deve salvare uno a caso tanto per, come nel nuovo Godzilla, ma mi è sembrato meno improvvisato. Comunque, per un eroe che non conoscevo, si attesta fra i più simpatici della schiera Marvel. Grazie anche a comprimari!

Nick Parisi. ha detto...

@ Salomon Xeno
Infatti è un film simpatico ed i comprimari sono davvero ben riusciti, Luis è il mio preferito, forse uno dei più riusciti.
Che Ant-Man sia un film per famiglie è indubbio, però come dici tu, pur non essendo niente di innovativo è uno dei migliori tra quelli finora prodotti dalla Marvel, io lo metterei al secondo posto dopo "Guardiani della Galassia" e come terzo podio il primo "Avengers".

Lady Simmons ha detto...

Anche io lo trovo simpatico, non avendo mai letto il fumetto. Troppo odore di Disney però.

Nick Parisi. ha detto...

@ Lady Simmons
Un po di Disney c'è in alcune impostazioni, ad esempio come vengono dipinte le formiche nel film, sembrano quasi degli orsacchiotti.
Però il film è simpatico e ne vale la pena vederlo.

Bara Volante ha detto...

Grazie per il Link Nick, figurati nessun problema ;-) Cheers!

Anna Maria Fabbri ha detto...

Letto, preso atto e segnato.
Grazie Nick.

Pirkaf ha detto...

Avrei preferito ci fosse stato Wright dietro la presa, ma va bene anche così.
A me i film Marvel intrattengono e tanto basta, anzi questo più di molti altri.

Nick Parisi. ha detto...

@ Bara Volante
Prego, è stato un piacere!

Nick Parisi. ha detto...

@ Anna Maria Fabbri
Grazie per l'apprezzamento!

Nick Parisi. ha detto...

@ Pirkaf
Indubbiamente, bisogna riconoscere che i film Marvel sono spesso una garanzia per poter passare un paio di ore in serenità!

Lucius Etruscus ha detto...

Non sono un fan della Marvel in generale né di questo film in particolare, però ti ho letto con piacere ;-)
Di Ant-Man ho comunque apprezzato le belle scene di combattimento coreografate dal bravo Peng Zhang, che lavora per grandi produzioni.

Nick Parisi. ha detto...

@ Lucius Etruscus
Hai fatto bene a citare Peng Zhang, molto spesso dimentichiamo nomi fondamentali per la realizzazione di un film, come i coreografi, per l'appunto.

Marco Lazzara ha detto...

Beh, ammettiamolo: Antman/Giantman era uno dei personaggi meno credibili dell'universo Marvel. Poteva comandare le formiche con un elmetto cibernetico? Il massimo che poteva fare era rovinare un picnic!

Nick Parisi. ha detto...

@ Marco Lazzara
Verissimo! Anche per questo nelle prime storie dei Vendicatori fecero uscire di scena il personaggio quasi subito, facendolo tornare in un secondo momento con una identità diversa, quella di Giantman, per l'appunto.

Michele il menestrello pignolo ha detto...

È un personaggio che non conosco e non mi ispira nemmeno come super eroe :D

Nick Parisi. ha detto...

@ Michele il menestrello pignolo
Opinione legittima, non si può mica apprezzare tutto quanto, no?
Pensa che noia sarebbe se tutti apprezzassimo le stesse cose, no? :D

Belushi ha detto...

Io l'ho apprezzato molto e non sono un amante del Marvel Cinematic Universe, proprio per niente. Credo però che Wright non avrebbe avuto la possibilità di fare un film così diverso, troppo "livellati" e standardizzati i film Marvel che per la continuità tendono a diventare alla fine quasi tutti "uguali", nel senso che l'impronta autoriale è proprio difficile appiccicarcela a prodotti di massa dal così grande successo. Come dici bene tu, questo "Antman" è un pò lezioso e sdolcinato, ma si difende bene con comprimari e dialoghi cazzari, per cui al cinema l'esperienza è stata più che soddisfacente e ancora meglio la visione casalinga in lingua originale, a me Paul Rudd piace molto come attore brillante. Compare brevemente anche Garrett Morris che fece Antman in uno sketch del Saturday Night Live. Ciao Nick!!! Vedo di non pubblicare due volte 'sto cazzo di commento come ho fatto nel post che ho letto prima. Sorry!!!

Nick Parisi. ha detto...

@ Belushi
Nessun problema per il doppio commento, non è mica colpa tua!E' blogspot che alle volte fa i capricci.
Hai ragione, molto probabilmente se Ed Wright fosse rimasto non avrebbe avuto vita facile.
Alla fine il film è stato comunque divertente grazie al suo aspetto cazzaro, ai dialoghi divertenti, ad alcuni personaggi indovinati. Rudd è molto bravo, anche se ti devo confessare che l'interpretazione migliore per me è quella di Michael Pena.
Interessante l'aneddoto su Chuck Morris, sono questi i particolari che mi fanno amare il Cinema.
Grazie per averlo condiviso con noi.

Ricordando il passato

Ricordando il passato
 
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...