LO STRANO CASO DEL CIMITERO DI HIGHGATE. -Prima Parte.

Come cominciano le leggende?






















Londra 1862: Il poeta Dante Gabriele Rossetti seppellisce la propria compagna all'interno del Cimitero diHighgate. L'uomo getterà dentro la bara della scomparsa Elizabeth Siddal un libro di poesie a lei dedicate.
Almeno così dice lui.
Ma Rossetti non merita l'amore della Siddal. Sette anni dopo farà riesumare il corpo della donna per far conoscere al mondo le poesie che sono state scritte per lei; è stesso l'amata a volerlo.
Almeno così dice lui.
All' apertura della bara i presenti rimarranno innorriditi: invece di trovarsi davanti un corpo in piena decomposizione, si ritroveranno di fronte un cadavere in perfetto stato di conservazione, quasi come se fosse stato deposto il giorno prima. Il particolare più notevole è rappresentato dai lunghi capelli rossi di Elizabeth Siddal, cresciuti a dismisura ma perfettamente curati.
Inutile dire che il libro delle poesie di Dante Gabriele Rossetti diventerà per quegli anni un grande successo letterario.





Il Cimitero di Highgate è aperto da anni: la parte ovest è stata costruita nel 1839 da Stephen Geary,quella Est "solo" nel 1854 e niente di particolare è accaduto prima di allora. Però proprio grazie al primo caso di marketing letterario dell'epoca moderna e alla fascinazione dei lunghi capelli biondo-rossastro di un incolpevole donna morta tra i vicoli di Londra, si comincia a sussurrare che qualcosa si nasconda tra le sepolture Vittoriane del luogo.

-PASSANO I GIORNI,PASSANO GLI ANNI...
Col tempo la parte Ovest viene chiusa al pubblico, mentre la Est continua ad essere utilizzata per le sepolture. La zona inutilizzata diventa il regno delle erbacce e dell'edera, vengono avvistati diversi animali selvatici che ne fanno la loro casa. In particolare le Volpi sembrano diventare comuni nel luogo.
Ma la gente continua ad avere paura: molte, troppe volte guardiani o semplici passanti rinvengono cadaveri dissanguati di animali, il più delle volte si tratta proprio di volpi trovate senza una goccia di sangue nel corpo.
La parola Vampiro risuona con sempre più forza tra i vicoli di Londra, anche perchè dopo la Volpi comincia a toccare agli esseri umani l'essere aggrediti, ma Londra è cambiata e sono cambiati anche i tempi.
Già, perchè nel frattempo in questa nostra storia siamo arrivati agli Anni sessanta del novecento. E in questo nostro racconto sono cambiati anche i cacciatori di Vampiri.

Ben due, per la precisione, figli del loro tempo. Non si può parlare di loro senza parlare del clima della swinging London di cui entrambi erano espressione.


-STORIA DI DUE UOMINI







Questa è la storia dei due uomini che decisero di dare la caccia al Vampiro di Highgate:
David Farrant e Sean Manchester. Il primo forse più in buona fede, il secondo, probabilmente, più cialtrone. Entrambi, però, dotati di larghe schiere di seguaci e, se la storia di Manchester la narrerà Fra Moretta su THE TRALFAMADORE CONNECTION, per quanto riguarda Farrant dovrete accontentarvi di me.
Abbiate la compiacenza di seguirmi ancora per un po. Entrate liberamente e di vostra volontà e lasciate un poco della felicità che portate. (Un premio a chi indovina la citazione)








-THE FARRANT FILES.
















David Farrant ha appena fondato la British Psychic and Occult Society e la sua attenzione viene attirata da tutta una serie di aggressioni riportate dalla stampa per le strade che costeggiano il Cimitero.
Due in particolare.
L'anno è il 1969 e il luogo è Swain's Lane.
Prima una giovane donna, poi un contabile riferiscono di essere sfuggiti in extremis all'aggressione di una figura descritta come un uomo alto, pallido e dai capelli neri, dagli innaturali occhi come brace.
Il contabile in particolare rivela di come la figura provenga dal cimitero.
Farrant da tempo ritiene che i Vampiri altro non siano che spiriti elementari della terra in grado di aggredire le persone sul piano psichico. E quindi agisce di conseguenza. Compie all'inizio meticolose indagini all'interno del Cimitero e il risultato sarà la scoperta dei resti dinumerosi rituali di magia nera. Il ricercatore è convinto che un gruppo di adepti satanisti abbia risvegliato questo elementare.
Anche il "rivale" Sean Manchester in maniera autonoma giungerà alle stesse conclusioni, ma la rivalità tra i due è destinata ad aumentare col tempo.






Il 21 Dicembre del 1969, sera del solstizio d'inverno, David Farrant ritiene di essere pronto e si dirige verso Highgate. Il giorno dopo dichiarerà di aver incontrato il Vampiro
e di essere sfuggito a stento ad un attacco psichico della creatura descritta sempre come un uomo alto, dai capelli scuri in grado di levitare.
In seguito Jessie Stone, una collaboratrice di Farrant organizzerà una seduta spiritica per cercare di contrastare lo spirito ma la seduta finirà male, la giovane medium sarà aggredita (sempre secondo le sue dichiarazioni) dallo spirito del Vampiro e si salverà a stento.


-13 NOVEMBRE 1970.
La rivalità tra Manchester e Farrant è vicina ad esplodere, ma è ormai il primo a dominare sui media, che "naturalmente" si sono impossessati del caso . Più telegenico e "personaggio" Sean rivendica per sè stesso, presunto sacerdote veterocattolico (ma che tuttavia non disdegna di farsi circondare da belle donne) il ruolo di esorcista.
Ed ha l'idea di organizzare una Messa pubblica con annesso esorcismo all'interno del Cimitero.La rete ITV decide di riprendere "l'avvenimento", decine di persone si riversano nella struttura e perfino il "non invitato rivale" Farrant, schiumante di rabbia prende la decisione di presentarsi, se non altro per tentare di rubare la scena a Manchester. Mentre il presule si cala all'interno della tomba indicata come la sede del Mostro però la situazione sfugge di mano. L'isteria collettiva dilaga: intere tombe vengono scoperchiate in una delirante caccia contro non si sa più che cosa. Molti cadaveri vengono impalati e interviene la polizia che a stento riesce a riportare l'ordine.






E il peggio è che tutto questo entra nelle case degli Inglesi.
La ITV riprende la maggior parte delle scene anche se poi negli anni successivi deciderà di non replicare mai più la trasmissione.
Alla fine della giornata David Farrant, forse nemmeno uno dei più colpevoli, viene arrestato. L'accusa: violazione e profanazione di tombe. La condanna: cinque anni di reclusione.


Per l'uomo si aprono così le porte delle carceri di Sua Maestà Britannica. mentre il "rivale" continuerà a cacciare il Vampiro.



CONTINUA:...e per continua, intendo continua con la storia vista con gli occhi di Sean Manchester raccontata da FRA Moretta e poi dopo un bel post a quattro mani, con L'EPILOGO più qualche considerazione, da voi non richiesta, ma che vi cuccate lo stesso solo perché siamo sadici.

22 commenti:

Fra Moretta ha detto...

Ottimo lavoro Nick:-)Ho appena postato la mia parte.

Nick ha detto...

Ok, via col link incrociato.
Evvaiiii!;)

Artemisia1984 ha detto...

Un post molto interessante. Non vorrei sbagliare ma la citazione mi ricorda il capolavoro di Bram Stoker

White Rose ha detto...

La storia dei capelli rossi mi ricorda molto ''Dell'amore e di altri demoni''. Mentre per la citazione, se la mente non mi inganna, direi Dracula.
Il post è molto avvincente, e poi dove ci sono vampiri sono sempre interessata!

Ariano Geta ha detto...

Interessante l'aneddoto su Dante Gabriel Rossetti, che a me piace molto come pittore.

Nick ha detto...

@ Misia.
Indovinato! E' proprio una citazione dal Dracula di Stoker.

@ White Rose.
Hai indovinato anche tu, spero che ti sia piaciuto anche il seguito della storia su The Tralfamadore Connection.
La settimana prossima pubblicheremo la conclusione della storia.

@Ariano.
Ti ringrazio! Anche per aver ricordato che Rossetti oltre ad essere un bravo poeta era anche un ottimo pittore.
Personaggio interessante il Dante Gabriel, in po come tutti i preraffaelliti.

Liber@discrivere ha detto...

uffyyyy nn è giusto!!! arrivata a casa solo ora e scopro che hanno già indovinato! Cmq bel post Nick, complimenti!! Wow che storia succulenta!!

Nick ha detto...

@ Liber@
Dai Ginevra, ti rifarai un altra volta.
Se t'interessa il Fra ha già pubblicato il seguito.

angie ha detto...

Complimenti, storia interessantissima e raccontata magistralmente, (a calamita)
Una delle migliori almeno per me...che l'ho letta tutto d'un fiato.
Ciao
Angie

Nick ha detto...

@ Angie.
Troppo buona, come sempre.
La settimana prossima uscirà la conclusione.

Lady Simmons ha detto...

Adoro questo post! Letto alla veloce, ma me lo sono inviato al lavoro per leggerlo in silenzio (sono da sola...brrrr in una parte dell'edificio solitaria...).
Nick, sai che le leggende londinesi sono straordinariamente intriganti per me, resterò attaccata al blog per il seguito!!!!

Nick ha detto...

@ Lady.
Londra è tutta un immensa leggenda, basti pensare agli edifici di Hawskmoor o al qui citato Highgate.
Lieto del tuo apprezzamento.
A presto per il seguito della storia.

weirdcave ha detto...

Bella storia, e splendida ambientazione. Complimenti a entrambi.

Nick ha detto...

@ Weirdcave.
Magnifico. Sono contento che ti siano piaciuti i post.
A presto.

EDU ha detto...

Famosissima storia di presunti vampiri di cui ricordo un vecchio articolo anche sul mensile Psycho. Inoltre di questo mistero se n'è occupato anche Dampyr in un doppio albo davvero bello.
Ieri sera a Voyager hanno parlato anche del vampiro di Venezia. Visto?

Nick ha detto...

@ EDU.
Carissimo EDU. del doppio albo, che naturalmente possiedo, parleremo nella conclusione del post.
Ho visto la puntata di Voyager ieri con il servizio sulla Vampira di Venezia. Molto affascinante.
Tra parentesi non era inusuale che nel passato fossero sepolti così le persone sospettate di Vampirismo, tanto per dirne una a Remanzacco (UD) a degli scavi dove ha partecipato in seguito anche mia moglie, in un cimitero di epoca longobarda a "prati di San Martino" è stato rinvenuto uno scheletro con un sasso nella bocca.
E chi lo sa quanti altri ce ne saranno...
Ciao paisà.

occhio sulle espressioni ha detto...

Grande prima parte, raccontata con uno stile ritmico e curato!

Nick ha detto...

@ Occhio.
In effetti mi sono molto divertito a scriverlo questo post, poi c'è da dire che il caso del Vampiro di Highgate mi ha sempre affascinato.
Tra qualche giorno mi metto all'opera sul finale della storia.

Giulia Fargo ha detto...

Ciao Nick, sono Astrella, in ritardo ti porgo i miei complimenti per questo ed altri tuoi bellissimi post.

Hai suscitato dentro me il desiderio di andare personalmente a visitare questo luogo, sarebbe fantastico!
Un grazie grande grande Nick.

Nick Parisi. ha detto...

@ Giulia Fargo.
Benvenuta cara Astrella, commenta pure ogni volta che vuoi.
Sono io che devo ringraziare te e il tuo forum per aver fatto circolare ulteriormente questo post. ;)

Giulia Fargo ha detto...

Grazie a te, per l'accoglienza.
Tu sei uno scrittore io, per la maggior parte del tempo duplico, non ho tutto il tempo che vorrei.
Verro' a leggerti ancora...

Nick Parisi. ha detto...

@ Giulia Fargo.
Quando vuoi... questa è casa tua. ;)

Ricordando il passato

Ricordando il passato
 
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...