LO STRANO CASO DELLA FAMIGLIA SODDER. - Conclusione.

Le prime due parti di questo dossier sono uscite QUI e QUI.



"Le semplici verità avranno un effetto su una dozzina di uomini al massimo in una nazione, o in un secolo, mentre il mistero menerà per il naso milioni di persone."
Henry Saint-John Bolingbroke.

"E' comune defetto degli uomini, non fare conto, nella bonaccia, della tempesta."
Machiavelli.


Non tutte le Storie sono eguali, nessuna può essere sovrapposta perfettamente ad un altra.
Tuttavia, in alcuni casi, ci sono elementi che ritornano, similitudini anche inquietanti. Parliamo di particolari difficilmente inquadrabili presi singolarmente ma che messi in fila finiscono per dare una sorta di macabro senso a tutta la vicenda.
C'è la polizia che non brilla per iniziativa.
Che non ascolta le testimonianze, ad esempio.
E, credetemi, di queste ultime ne spuntano fuori diverse


Oltre all'albergatrice, si fanno vive altre persone: c'è un autista che sostiene di aver visto delle persone aggirarsi la notte dell'incendio nelle vicinanze di Casa Sodder, lo stesso autista in seguito dichiarerà di aver notato anche quelle persone lanciare delle bombe incendiarie contro l'edificio. C'è una donna che sostiene di aver visto una macchina in cui c'erano anche dei bambini a bordo, che si allontanava a forte velocità dal luogo dell'incendio.
E poi c'è l'albergatrice.
La donna di cui abbiamo già parlato nel post precedente, dopo alcuni tentativi riesce ad identificare la lingua parlata dagli sconosciuti che accompagnavano quei cinque bambini che, secondo lei, assomigliavano ai ragazzi Sodder.
La lingua era l'italiano.
E questo dà vita ad una nuova ipotesi.
Un'ipotesi perfino peggiore delle precedenti.


- L'ULTIMA TEORIA.

Si comincia a parlare di Mafia.
Già, perché in questi anni, la Mafia sta espandendo i suoi interessi: ci sono la prostituzione, gioco d'azzardo, il contrabbando certamente.
Ma anche il trasporto del carbone.
Che è l'attività in cui da tempo opera George Sodder.

Ma ci sarebbe anche un'altra cosa da aggiungere, una cosa che finora non è stata detta.
Cioè che anche i Sodder sono di origine italiana.

Sodder è la deformazione di Soddu, un tipico cognome sardo, però ci sono dei Soddu anche in Sicilia ed alcuni di loro nel 1945 hanno dei rapporti con la Mafia.
Non è certo il caso di George Sodder, da tutti considerato come una persona onesta, però in molti cominciano ad ipotizzare un rapimento a scopo di intimidazione, per tenere a bada, un possibile concorrente.
Ipotesi stiracchiate e poco credibili ?
E' possibile.
Nemmeno George, Jennie e la loro figlia Marian sembrano disposti a crederci.
Finché, molti anni dopo non avviene qualcosa d'altro.

- LA FOTO.

Siamo arrivati al 1967, per molti il caso dei cinque bambini scomparsi è un qualcosa di dimenticato, al massimo una nota a piè pagina, della polvere da nascondere sotto un tappetto; eppure un giornale decide di dedicare un articolo alla vicenda, almeno per dare spazio ad uno dei tanti casi della cronaca americana rimasti ancora insoluti.
A volere fortemente la stesura dell'articolo, ancora una volta, è il patriarca George che, dopo anni, non riesce a darsi pace.

La foto del 1967 che ritrae il presunto Louis Sodder

L'articolo esce, ha una vasta eco, pare che le ricerche possano ripartire.
Pochi giorni dopo nella ricostruita magione dei Sodder arriva una strana foto.
La foto ritrae un giovane uomo, un uomo dai tratti mediterranei. Dietro la foto scritto a mano c'è un nome.
Il nome è Louis Sodder.
Forse è uno scherzo, l'ultima di una lunga serie di crudeli prese in giro, l'ennesimo sciacallo disposto a sfruttare la disperazione di un nucleo familiare già troppe volte colpito dalla disgrazia.
Eppure Jennie e George Sodder ritengono di poter riconoscere nella foto le sembianze di uno dei loro pargoli, così come pensano di poter identificare nella scrittura quella del compianto Louis.
I Sodder ci credono. Vogliono poterci credere.
Ci sono anche dei numeri e delle cifre, sempre scritti a mano, i numeri sono A90135
Praticamente il Codice di Avviamento Postale di Palermo

Ed ecco la foto del vero Louis Sodder al momento della scomparsa.
Notate qualche somiglianza con la foto dello sconosciuto  del 1967?

Viene assunto un investigatore privato.
Che però scomparirà nel nulla senza lasciare alcuna traccia di sé.
Aggiungendo così un ulteriore enigma ad una vicenda già confusa di suo.
Perché se alcune Storie non possono avere un lieto fine ce ne sono altre che non possono semplicemente avere nessun tipo di finale.
Semplicemente, ci sono volte in cui le cose cattive avvengono, sopratutto alle brave persone.

- EPILOGHI.

La sparizione dell'investigatore rappresentò il colpo finale per George Sodder, segnato da una vita difficile l'anziano italo- americano scomparve nel 1969.  Sua moglie Jennie lo seguì venti anni dopo.
Entrambi sono morti senza ottenere le risposte che cercavano


Rimane Sylvia, la figlia minore, che all'epoca dell'incendio aveva solo tre anni a ricordare e a tentare di ottenere la verità che i suoi genitori e i suoi tre fratelli superstiti non hanno ottenuto finora.
Resta anche una lapide, eretta per volere dei due deceduti coniugi, una lapide in cui non è presente nessun corpo ma sei fotografie, compresa quella ricevuta nel 1967 e che ripercorre tutta la Storia dello Strano Caso della Famiglia Sodder.

C'è una frase impressa in quella lapide che rappresenta bene i desideri di una intero nucleo familiare, la frase inserita nel 1975 recita più o meno così:

DOPO TRENT'ANNI NON E' TROPPO TARDI PER INVESTIGARE.

A rileggerla oggi che di anni ne sono passati sessanta, quella frase fa ancora più male.

Inutile dire che il giovane ritratto nella foto del 1967 non è mai stato identificato e a tutt'oggi  risulta ancora formalmente sconosciuto.
Fino all'ultimo respiro però sia Jennie che George Sodder si sono detti certi che si trattasse del loro scomparso figlio Louis.
Dov'è la verità?

-  FAYETTEVILLE OGGI.

Il capoluogo della Contea di  Fayette County oggi è un borgo come ce ne sono tanti altri nel profondo cuore degli Stati Uniti: i suoi quasi tremila abitanti, non hanno troppa voglia di ricordare gli eventi del Natale del' 45, se  proprio dovranno parlare della loro storia e dei loro avvenimenti illustri preferiranno sempre soffermarsi sull'eroe locale Tunney Hunsaker, un pugile professionista nato da quelle parti piuttosto che sulla famiglia Sodder.
Non è una storia che ricordano con piacere da quelle parti, evidentemente.
La maggior parte delle miniere hanno chiuso da tempo, adesso l'attività su cui si basa l'economia di Fayetteville, West Virginia sono il turismo per sportivi e la pesca.


La casa bruciata è stata ricostruita nello stesso esatto punto in cui era stata edificata la prima volta da George Sodder, sinceramente però non so dire se sia attualmente abitata.
A modo suo è  anch'essa una testimonianza di un qualcosa che avrebbe potuto essere e non è stato.

Si parlava dello scorrere del Tempo, all'inizio di questo dossier, si parlava di come gli avvenimenti ci possano influenzare e ..beh...mi chiedo che razza di vita debba essere stata quella di due genitori a cui furono strappati parte dei figli, sicuramente una in cui il Tempo deve essere scorso in maniera dolorosamente lenta.
Perché questa è una Storia che è accaduta, qualcuno si è introdotto realmente in una casa in Virginia una notte di Natale di tanti tanti anni fa, forse per un traffico di minori, forse per motivi di Mafia.
 Forse quegli sconosciuti sono stati aiutati da una polizia corrotta o più semplicemente incapace, o forse no.
Non lo sapremo mai.
Forse, come abbiamo detto prima, le cose cattive semplicemente avvengono.
E le persone cattive esistono.
Anche la notte di Natale.
Perché il Tempo non fa sconti a nessuno.
FINE.

ADDENDUM del 08/02/2016
Proprio oggi la cara Melinda\Valentina mi ha informato di aver trovato questo articolo scritto da Matteo Rubboli in cui si parla anche del mistero della Famiglia Sodder.
Ringrazio Valentina per la preziosa segnalazione.

50 commenti:

Bara Volante ha detto...

Bellissimo finale, cioè bellissimo tutto il post triplo epr la verita, complimenti ;-) Cheers!

Obsidian M ha detto...

Un articolo da vero professionista. La mia ipotesi è che quel ragazzo della foto dia veramente lo scomparso Louis Sodder... la somiglianza è evidente. Mi sfugge solo il motivo per cui tale foto sia finita nelle mani del patriarca della famiglia... l'ennesima sfida a colui che ebbe la malaugurata sorte di pestare i piedi alla Mafia?
Quell'investigatore privato scomparso non può che essere l'ennesima prova a favore dell'ipotesi mafia... mi immagino il suo corpo ormai parte integrante di un pilastro di cemento di qualche cavalcavia della Salerno-Reggio

Ariano Geta ha detto...

L'assenza di una risposta certa è sempre la fonte di angoscia più grande.

Elisa Elena Carollo ha detto...

Speravo nell'esistenza di una risposta... e invece no, poveri genitori!

Nick Parisi. ha detto...

@ Cassidy Bara Volante
Grazie, sei molto gentile!;)

Nick Parisi. ha detto...

@ Obsidian Mirror
La foto è stata rinvenuta nel cassetto della posta di casa Sodder.
A mio avviso le ipotesi probabili del perché sia finita lì sono tre:
1) Uno scherzo crudele da parte di qualche sciacallo.
2) Un modo da parte dei figli rapiti di far sapere a George e Jennie Sodder che almeno uno di loro era ancora vivo.
3) Un avvertimento di tipo mafioso.
Le possibilità sono tante, il particolare della scomparsa nel nulla dell'investigatore privato è certamente uno dei più inquietanti e farebbe propendere davvero verso l'ipotesi mafiosa (anche se trattandosi di mafia americana, più che Salerno-Reggio Calabria m'immagino il corpo dentro un pilone a Broocklyn ). Inoltre in quegli anni consideriamo quanto fosse impreparata la polizia di una piccola città americana contro il crimine organizzato, non lo era la polizia di Chicago o di New York ad affrontare la mafia, figuriamoci quella di Fayetteville nel West Virginia.
Insomma, credo che comunque siano andate le cose, la famiglia Sodder non avesse tante possibilità di ottenere giustizia.

Nick Parisi. ha detto...

@ Ariano Geta
Mi piace molto la tua frase, se mi dai il permesso vorrei usarla come citazione all'inizio del prossimo dossier notturno, anzi mi hai dato l'idea per uno di quei giochini aggregativi che a me piacciono tanto: perché ognuno di voi non pensa a delle belle frasi sul mistero?
Io prometto che userò le migliori in calce ai miei futuri dossier, con tanto di nome e di link al blog se ne avete uno.

Nick Parisi. ha detto...

@ Elisa Elena Carollo
Poveri genitori davvero. :(
Hanno avuto un destino ed una vita molto triste.

Patricia Moll ha detto...

Grande Nick! Come sempre dimostri una umanità incredibile quando parli di certe cose.
Il dubbio, l'incertezza sono quelli che ti uccidono. Concordo con Ariano.
Per dei genitori deve essere una tragedia immensa che cancella la pace dall'anima. Nemmeno un corpo su cui piangere.. terrificante!

Massimo Citi ha detto...

A te piacciono le storie che finiscono male, eh? Confessa.
Bella storia, avrei preferito un po' più di sangue sparso in giro o la scoperta che dei bambini erano stati fatti hamburger, ma va bene anche così. Assomigli un po' tanto a Lucarelli, ultimamente, lo sai?

Nick Parisi. ha detto...

@ Patricia Moll
Provo a mettermi nei panni di quei poveri genitori, non devono aver trascorso una bella vita: la perdita dei figli, il non sapere se erano vivi o morti, il vedere tutti i loro tentativi frustrati..... quei due poveracci si devono essere consumati giorno dopo giorno.
Sono sempre stato dalla parte degli sconfitti, un po perché sono uno di loro, forse è per questo che mi sforzo di non dimenticare mai che dietro ad ogni fatto di cronaca ci sono le vite e persone vere.

Nick Parisi. ha detto...

@ Massimo Citi
No, in realtà non amo le storie che finiscono male, giuro! :)
Come scrivevo a @ Patricia Moll mi sento molto vicino agli sconfitti e sono incuriosito dall'elemento umano delle vicende.
Apprezzo molto Lucarelli ed essere paragonato a lui sarebbe un grande onore. :D
Prometto però che la prossima vicenda sarà più...ahem...solare. :D

Patricia Moll ha detto...

Era proprio lì che ti volevo Nick... rendersi conto che dietro ci sono sempre persone in carne e ossa e sentimenti. Quanti se ne dimenticano!!!!

Juan Segundo ha detto...

Lo sapevo che alla fine c'entravano la mafia e i terroni! Comunque complimenti per il tris!

Nick Parisi. ha detto...

@ Patricia Moll
Vero, molti se ne dimenticano, ma noi non lo faremo mai !!!

Nick Parisi. ha detto...

@ Juan Segundo
Grazie davvero! Spero che tu abbia apprezzato !

Ariano Geta ha detto...

@ Nick: vai tranquillo, ne hai facoltà ;-)

Nick Parisi. ha detto...

@ Ariano Geta
Ti ringrazio molto. ;-)

Il Mondo di Dru ha detto...

Attendevo la fine di questa storia.
Rimangono davvero tanti misteri aperti: la telefonata, le porte aperte, gli incendi. E poi la superficialità di chi doveva investigare.
certo è che se è davvero stata la mafia, è strano che il padre non avesse sospetti. oppure non li ha esternati.

Maira ha detto...

Articolo bellissimo... Tutti e tre lo sono, ed è triste pensare che si tratti di una storia vera...

Maira

bradipo ha detto...

Mi hai lasciato con il punto interrogativo....che storia!

Glò ha detto...

Io non vedo somiglianza tra le due foto (una presunta) di Louis e tutto il contorno mi fa credere che ci fosse proprio la volontà di straziare del tutto i genitori. Penso sia capitato loro il peggio: non solo perdere i figli, ma non sapere che ne sia stato. Terribile -_-

PiGreco ha detto...

Mamma che roba! Al limite dell'umana comprensione!

Davvero bravo Nick!! Mi è piaciuto questo trittico, anche se ci hai fatto soffrire nell'attesa :P

Chiedi una frase sul mistero?

E non te la dico XD altrimenti mi brucio l'idea per il tuo futuro post :D

Nick Parisi. ha detto...

@ il mondo di Dru
Purtroppo ci sono ancora tanti lati oscuri in questa vicenda, visto il tempo che è passato dubito molto che possano essere chiariti tutti o in parte.
Io sinceramente mi sono fatto l'idea che più che di mafia si trattasse di qualche traffico di minori attuato in quella zona da qualche banda criminale con la complicità da parte di branche corrotte della polizia e dell 'amministrazione.
Almeno questo spiegherebbe le inefficienze nelle indagini ed i continui depistaggi.

Hana ha detto...

Ho letto l'articolo con un costante brivido lungo la schiena. Angosciante davvero...

Nick Parisi. ha detto...

@ Maira
Mi piange il cuore al pensiero di quello che avranno dovuto passare i genitori e gli altri fratelli dei bambini scomparsi, purtroppo ci si tende davvero sempre a dimenticare che si tratta di persone veramente esistite e di vicende reali.

Nick Parisi. ha detto...

@ bradipo
Preferisci questa o sceglieresti ancora il Macellaio di Cleveland come racconto più inquietante?

Nick Parisi. ha detto...

@ Glò
Concordo con te, a quei due poveri genitori è capitato il peggior destino possibile, non hanno avuto nemmeno una tomba su cui piangere....

Nick Parisi. ha detto...

@ PiGreco
Lo so che vi ho fato soffrire nell'attesa, però è nella natura di questo blog...nel senso che due sono le cose che definiscono meglio Nocturnia: le interviste ed i Misteri a puntate. ;)
E poi...almeno stavolta non vi ho fatto aspettare mesi per la conclusione di una storia.

Nick Parisi. ha detto...

@ Hana
Angosciante è il termine giusto, per definire la storia della famiglia Sodder....io poi ho anche scoperto la loro storia mentre leggevo di notte profonda, con le luci spente, un po ne sono rimasto spaventato anche io.
Ad un certo punto temevo che squillasse il telefono pure in casa mia tanto che ne ero rimasto preso....

massimiliano riccardi ha detto...

Ma che bello questo post, ma che bravo tu. Grande Nick Parisi. Fantastico articolo. Bello, bello, bello. Si è capito che mi è piaciuto?

Nick Parisi. ha detto...

@ Massimiliano riccardi
Me lo stavo giusto chiedendo.:)
Commenti come il tuo e come quelli di chi ti ha preceduto mi ripagano di tutte le fatiche.

Ivano Landi ha detto...

Qui ci vuole Nick... Carter.
La storia della foto di Louis Sodder somiglia molto a quanto successo di recente in un famoso caso nostrano di scomparsa. Anche lì la somiglianza c'era, forse perfino di più, ma pare che fosse comunque sciacallaggio.
Un'altra somiglianza che ho notatonel post è quella tra Silvya Sodder e Lina Romay XD

Nick Parisi. ha detto...

@ Ivano Landi
C'è una similitudine con il caso di Angela Celentano, ma non ne ho voluto parlare apposta proprio perché è un caso ancora aperto e, penso chiaramente che si tratti di sciacallaggio.
In quanto a Nick Carte, beh...era uno dei miei eroi di quando ero piccolo. ;)

PiGreco ha detto...

@Nick: le tempistiche non le noti quando è già tutto bello che postato XD da novizio (sì, mi considero ancora tale e probabilmente lo sarò sempre a cospetto di chi -come te- è nella blogosfera da più tempo di me :P) mi godo parecchio il materiale già presente, ma devo abituarmi bene a quelle che considero sempre novità :D

Poi c'è da dire che, non avendo tempistiche predefinite anche io, ho poco da lamentarmi XD l'importante è che passi il messaggio che le "richieste" e gli "sbuffi" per le attese danno valore a quanto si fa, insomma un modo caratteristico di esprimere la propria approvazione ^_^

Nick Parisi. ha detto...

@ PiGreco
Ma guarda che io scherzavo. :D
E' ovvio che sono orgoglioso di sapere che i miei post sono attesi con così tanta trepidazione, sbuffi e richieste comprese, vuol dire che alle persone piace come scrivo e quello di cui parlo. :D
Semplicemente che a volte mi piace scherzare per alleggerire il clima ed è bello vedere che anche voi procedete allo stesso modo nei miei confronti. ^_^

cristiana2011 ha detto...

Avvvvincente!Spero che, con le tue capacità riuscirai a scovare ancora storie del genere.
Grazie e buondì.
Cristiana

Nick Parisi. ha detto...

@ cristiana2011
Ma grazie a te!
Per la verità ne ho già trovate almeno altre due (una grazie ai consigli di òLady Simmons) che spero di narrare presto.
Buona giornata a te.

PiGreco ha detto...

@Nick: mannaggia che non si sentono i toni dei commenti :P l'importante è che passi che siamo tutti qui con il sottofondo di una risata corale :D non si andrebbe così d'accordo se non ci si divertisse insieme ;) ed è strabello così ^_^

Belushi ha detto...

Ottimo articolo, Nick. Vicenda sconcertante è dire poco. Le fonti, le testimonianze lasciate cadere in maniera così ridicola e frettolosa. Incredibile che tutto sia stato insabbiato e taciuto. Per la foto, sinceramente non riesco a farmi un'idea precisa. Poi con tutti gli infami che godono a colpire una famiglia già così provata, non mi stupirei che fosse pure uno sberleffo. Grande as usual, Nick!!! Un grande saluto!!!

Nick Parisi. ha detto...

@ PiGreco
Alla larga da tutte quelle persone troppo seriose e senza umorismo. ;)
L'importante è divertirsi sempre e comunque. ^_^

Nick Parisi. ha detto...

@ Belushi
Ne ho narrate di vicende sconcertanti, però questa è una delle peggiori, perché rimane con poche risposte, dopotutto credo anche io che la foto arrivata nel 1967 sia solo l'opera di uno sciacallo che voleva rigirare il coltello nella piaga.
Un grande saluto amico!!!!

Marco Lazzara ha detto...

Credo che ci sia molto di più della mafia dietro questo caso. I dettagli che hai fornito nei post precedenti (come la telefonata) sono molto più inquietanti e mi fanno presagire una spiegazione più complessa.

Nick Parisi. ha detto...

@ Marco Lazzara
Probabilmente c'è qualcosa di più dietro, ne sono convinto, purtroppo a distanza di così tanti decenni temo che non riusciremo mai a scoprire la verità.

Donata Ginevra ha detto...

acciderbolina!! non avevo mai sentito questa storia, e il fatto che quei 5 siano ancora chissà dove è terrificante! La foto...beh un po' di somiglianza ce la vedo ,in effetti, dalla forma delle labbra alla curva del naso, ma non si può mai dire...secondo me è uno di quei casi mai risolti che verrà rispolverato magari tra cinquant'anni perchè uno scrittore vorrà mettersi a scrivere qualcosa alla Agatha Christie e andrà a spulciare i rapporti della polizia rimasti sepolti sotto la polvere...e allora si scoprirà che...il caso è in prescrizione e morta là.
Triste vicenda cmq, io la casa non l'avrei mai ricostruita, onestamente!

Nick Parisi. ha detto...

@ Donata Ginevra
Detto tra noi nemmeno io avrei mai ricostruito quella casa, riguardo alla foto temo che si trattò di uno sciacallo che volesse rigirare il coltello nella piaga.
Certo che...povera famiglia davvero....

Anna Massè ha detto...

Alla fine sono riuscita a leggere tutto, a mio tempo. Ma Nick cosa mi combini? Mi aspettavo un mega finale stranissimo e invece niente soluzione! Bellissimi articoli ma adesso mi vengono in mente diverse ipotesi... Mi sembra un po' troppo ricamato come caso perché si tratti di Mafia. Bravo :D

Nick Parisi. ha detto...

@ Anna Massé
Cara Anna, questa è una vicenda stranissima e senza finale, l'ho voluta narrare proprio perché era allucinante.
Si chiamano misteri proprio per questo, perché rimangono in piedi diverse soluzioni ed ipotesi. ;)
Nemmeno io credo che si tratti di mafia, preferisco credere ad un traffico di minori spalleggiato dalla polizia, comunque ti prometto che il prossimo mistero avrà un finale definito. :D

Chiara Solerio ha detto...

Ho letto con interesse tutti e tre i dossier. Non conoscevo questa storia, e penso che tu l'abbia raccontata benissimo.

Nick Parisi. ha detto...

@ Chiara Solerio
Grazie per i complimenti! M fa piacere che tu abbia apprezzato! :)

Ricordando il passato

Ricordando il passato
 
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...