MIDNIGHT CLUB #14: STRANI NUOVI E PICCOLI MONDI. - Prima Parte.

 IL SISTEMA SOLARE APPENA DOPO PLUTONE.

"Questo è il Midnight Club!
Benvenuti!
mettetevi comodi e raccontateci la vostra storia.
Questo è il Midnight Club!
Benvenuti!
Sentitevi a casa vostra.
Questo è il Midnight Club!
Benvenuti!
I bambini lasciati incustoditi saranno venduti come schiavi"


Con il post di oggi devierò dagli usuali argomenti sia di Nocturnia sia di questa specifica rubrica, però si tratta di una deviazione solo parziale rispetto ai canoni del blog e anche di una sorta di ritorno alle origini. All'inizio, quando ho messo in piedi il blog tra le mie intenzioni c'era anche quella di parlare di Astrononia, una delle mie prime, primissime passioni. Cosa rimasta nelle pie intenzioni del sottoscritto (una mia ex una volta mi disse che io di interessi ne avevo anche "fin troppi" e quella fase forse ha contribuito a farla diventare per l'appunto una "ex"), però ogni tanto mi piacerebbe riprendere in mano quella passione e tradurla in qualche articoletto per il blog. Vedete per buona parte della mia vita, almeno fino alla fine degli anni '90s del secolo scorso, tra i miei maggiori sogni c'erano nell'ordine: la scoperta di pianeti o interi sistemi solari al di fuori del nostro; la prova dell'esistenza  di forme di vita (anche microbica, mi sarei accontentato) oltre la Terra ed il poter assistere allo sbarco di missioni umane, quindi con veri astronauti su Marte o Titano o qualcun altro dei corpi celesti del nostro sistema solare. Per quanto riguarda la prima cosa sono stato accontentato (ci tornerò brevemente verso la fine dell'articolo), per quanto riguarda le altre due...beh, sto ancora aspettando quel giorno e sinceramente spero che da qualche parte qualche ente, nazione o organizzazione privata ci stia davvero lavorando....

La Sesta Volta di Nocturnia al Premio Italia.

 Ieri è capitata una cosa molto bella e vorrei condividerla con voi.

Come sapete sin dalla sua nascita questo blog ha spesso ottenuto delle candidature al Premio Italia. In particolare negli ultimi cinque anni Nocturnia è riuscita a conquistare la finale in almeno una categoria (Miglior Rivista o Sito Web non Professionale) e tantissime volte anche nella categoria Miglior Articolo su Pubblicazione Amatoriale. L'anno scorso Nocturnia ha anche vinto l'ambito premio come Miglior Sito Web, vittoria ancora più bella perchè era da tempo che non arrivava alla vittoria un blog gestito da una persona sola.


 

Certo, il covid ha impedito che ci fossero le premiazioni dal vivo, la cerimonia si è tenuta online e tutti i vincitori dovranno (speriamo che la situazione sanitaria ce lo permetta, quindi incrociamo le dita) aspettare l'edizione di quest'anno per ricevere i rispettivi premi però l'anno scorso il settore tutto ha dato una bella dimostrazione di resilienza e resistenza.

Già, l'edizione di quest'anno.

Ogni blogger una Domanda- Intervista Collettiva.

Con questo post partecipo all'iniziativa del blog Io, la Letteratura e Chaplin, un gioco lanciato da LUZ . Qui trovate il post con la richiesta ai vari blogger di rispondere ad una singola domanda.

La mia era questa:

 Per Nick Parisi, del blog Nocturnia

Immagina di essere venuto a capo del più grande mistero fra i misteri. Solo tu ne conosci l'epilogo, senti l'irrefrenabile desiderio di raccontarlo. Condensalo in un piccolo articolo che lo renda senza dubbio credibile.

 


 LA NOTTE DELL'ASSASSINO.

Napoli, zona dei Colli Aminei. E' la notte  che segna il passaggio tra il mese di Aprile e quello di Maggio dell'anno del Signore 2000. E Nicola X (per il momento lo chiameremo così) non riesce a prendere sonno.  Nicola il primo di Maggio compirà dieci anni , un'età che per lui significherà una sorta di rito di passaggio. Non sarà più un bambino come la sorella minore Anna e spera di non essere più la vittima preferita delle angherie del fratello maggiore Stefano. Stefano X è uno studente a tempo perso della Facoltà di Medicina al vicino Secondo Policlinico. 

Da tanti anni ormai .

Stefano X avrà superato in tutto tre o quattro esami, ma si è fatto subito conoscere tra i colleghi ed i professori per il suo grande servilismo e per la sua continua ricerca di raccomandazioni. Nel tempo libero adora fare dispetti al fratello minore. 

Ma quella notte niente è più lontano dai pensieri di Nicola di suo fratello. Domani Nicola festeggerà: suo padre impiegato in Banca gli ha promesso il più bel regalo che abbia mai visto. In segreto il padre bancario gli ha già comprato diversi giochi per la Playstation. La madre casalinga preparerà al figlio la sua torta preferita.

Ma per quel primo maggio non ci sarà nessuna torta per Nicola X e quel bambino non giocherà mai più con la Play.

Quella notte il Male entra nella vita di Nicola X e la cambierà per sempre.

Accade in Italia # 71 - Le Segnalazioni di Aprile.

 Vi propongo un nuovo blocco di segnalazioni, con un gradito ritorno. Ricordo a chiunque fosse interessato a comparire in questa rubrica di contattarmi attraverso le mie mail o tramite messenger su Facebook.

Buone letture e buone scoperte con queste ed altre proposte.

L'ARTISTA OSPITE.

Era da un bel pezzo che non ospitavo più illustrazioni di Alessia H.Valastro, con molto piacere colmo questa lacuna.

 

'Protect you inner light' by Alessia Hilary Valastro.


Come link Alessia mi ha chiesto di inserire quello di Instagram (QUI) perché è lì che al momento è più attiva, cosa che faccio con molto piacere. Ricordo sempre che tutte le opere degli artisti ospitati rimangono di loro esclusiva proprietà e copyright. Il simbolo di Deviantart sull'immagine serve proprio per questo scopo, per rimarcarne la proprietà intellettuale. Per quanto mi riguarda Alessia era già brava prima ma in questi mesi è ulteriormente migliorata, voi cosa ne dite?

Seconde Visioni #1 - I Link da Recuperare

 

Da questo mese lancio un nuovo spazio aperiodico. All'interno di questa rubrica ogni tanto segnalerò dei post che mi hanno particolarmente colpito e che secondo la mia opinione possono aprire delle riflessioni interessanti. Inizialmente volevo chiamare chiesta rubrica Nocturnia Reloaded, però visto che si tratta di post non miei ho optato per il titolo Seconde Visioni, per permettere a chi -magari se li fosse persi in origine di recuperarli. 

Fatemi sapere voi nei commenti quale titolo preferite tra: 

 

Seconde Visioni.

Oppure

Nocturnia Reloaded. 

Per questa prima puntata segnalo alla vostra attenzione solo due post ma ricchi di stimoli e che in un certo senso finiscono per affrontare argomenti molto collegabili tra loro:

Il Primo è apparso già da qualche settimana sul bel blog Io, la Letteratura e Chaplin ed affronta in maniera intelligente la questione del Colour Blind Casting

Perché il Colour Blind Casting non mi Convince

Il secondo è apparso più di recente sull'altrettanto splendido blog Il Manoscritto del Cavaliere e parla della Cancel Culture:

La Cancel Culture: Analisi di un Suicidio Intellettuale

 Personalmente condivido ogni singola parola di entrambi i post perché nel primo caso dubito che il colour blind casting sia attuabile in ogni circostanza sia che possa essere un valido modo per combattere il razzismo e le discriminazioni (come sarebbe accolto un film in cui Martin Luther King fosse interpretato da un attore caucasico? Aiuterebbe davvero a comprendere le difficoltà affrontate dagli afro-americani nella loro giusta lotta per la parità?). Nel secondo caso penso- ma forse sbaglio- che le storture del passato non debbano essere affrontate buttando la polvere sotto il tappeto ma anzi implementando lo studio della Storia e della Letteratura. Conoscere e ricordare gli sbagli del passato potrebbe aiutare a non ripeterli. Magari però sono io che sono un illuso, però una cosa di cui rimarrò sempre sicuro è che, come diceva quel tale: "Historia magistra vitae" e come tale debba rimanere sempre presente nella nostra memoria. E lo dico in quanto essere umano a cui niente farebbe più piacere di vivere in un mondo fatto di persone di pari dignità, diritti, doveri e possibilità e non diviso per sessi, orientamenti sessuali, razze, religioni o barriere.

Comunque la pensiate però, sono due post che meritano di essere letti e di non andare dispersi nel mare magnum della rete.

Buona ri-lettura a tutti quanti.

VOLTI DA FILM: STRANIERI IN ITALIA - ATTO TERZO!

Che io sia un amante della cinematografia del passato è cosa nota ormai anche ai sassi. Specie quando si tratta di parlare dei cosidetti film di "genere". Il perché è presto detto: che si tratti di un film di Totò, di un horror di Mario Bava o di un poliziottesco degli anni '70s si riscontra spesso una creatività che il più delle volte latita nel cosidetto (e molto a sproposito "Cinema Alto"). Per quanto riguarda la differenziazione Cinema d'autore - Cinema popolare, per me semplicemente non esiste. Conta quello che che il film riesce a comunicare. E tante volte, più di quelle che gli stessi critici riuscirebbero ad ammettere riescono più a comunicareal pubblico registi come Armando Crispino o gli stessi Fulci e Bava che nella loro vita hanno fatto quasi solo film di "genere"di tanti "autori" molto più incensati. E che dire di talenti come Elio Petri o Pupi Avati?

Lo stesso ragionamento si può fare per gli attori.

Osservando i cast, i nomi coinvolti in ogni pellicola si possono scoprire tante connessioni, decine di talenti, di professionisti a volte dignitosi a volte bravissimi che con la loro semplice presenza arricchiscono il film stesso, lo rendono riconoscibile.Inoltre ci danno la possibilità di comprendere l'evoluzione stessa del medium Cinema nel corso del tempo.

Così continuo a parllare di alcuni attori stranieri che lavorarono in Italia (ne ho parlato QUI e QUI e QUI) ma il discorso è bel lontano dall'essere concluso.

Ecco quindi un altro paio di nomi da ricordare tra coloro che impreziosirono il nostro Cinema:

AMERICAN HORROR STORY: DA "HOTEL" A "ROANOKE." - Introduzione.

 ALCUNE OPINIONI SULLA QUINTA E SESTA STAGIONE.

American Horror Story è una di quella serie che non concede mezze misure: o la si ama per principio o la si odia e nemmeno troppo cordialmente. Sin dalla sua prima apparizione nel 2011 la serie antologica della rete FX si è sempre contraddistinta nel suo generare emozioni e sensazioni forti tra gli spettatori.

 Reazioni forti e a volte anche contraddittorie.

Personalmente anche io ho avuto un rapporto decisamente molto controverso con American Horror Story (da qui in poi A.H.S) , ho visto tutte le puntate di tutte le nove stagioni fin qui realizzate, ne possiedo parecchie in cofanetto ed ammetto che in questi mesi di lockdown ne ho approfittato per rinsaldarne la conoscenza. Tuttavia le mie idee in proposito sono parecchio cambiate nel corso degli anni. Sono passato dall'entusiasmo più totale per le prime due stagioni Murder House o Asylum al tiepido gradimento per le successive senza però nascondere di aver provato enorme delusione per alcune annate (Coven o Kult)  fino a raggiungere le attuali punte di apatico distacco nei confronti delle ultime uscite.

Comunicato!

 Ciao gente!

Volevo solo informarvi che per quante giorno ancora sarò offline, niente di preoccupante, sto solo sbrigando un paio di lavori in casa che mi prendono tutto il tempo a disposizione.

 


 

Niente di che, in teoria entro fine settimana dovrei liberarmi, ci tenevo però ad avvertirvi, ci risentiamo a breve.


Ricordando il passato

Ricordando il passato
 
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...